Parole chiave

Work-life balance

Il termine "work-life balance" è un concetto ampio che indica la capacità di bilanciare in modo equilibrato il lavoro (inteso come carriera e ambizione professionale) e la vita privata (famiglia, svago, divertimento). Con questo significato il termine è stato usato per la prima volta in Gran Bretagna alla fine degli anni Settanta. Negli ultimi anni, come risultato dello sviluppo tecnologico, c'è stata una trasformazione dei luoghi di lavoro. Grazie a e-mail e smartphone, i dipendenti hanno sempre maggiore facilità a stare in contatto con il lavoro o addirittura a svolgerlo al di fuori del tradizionale ufficio. Il che offre molti vantaggi ma espone anche a qualche rischio di compromettere, senza l'approccio giusto o i dovuti accorgimenti, proprio il work-life balance.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Work-life balance |

Ultime notizie su Work-life balance

    Lavoro, 2 aziende su 3 in smart working anche dopo l'emergenza

    Secondo una survey di Aidp tra i maggiori vantaggi riscontrati ci sono risparmio di tempo e costi di spostamento per i lavoratori (69%) e maggiore soddisfazione dei dipendenti e miglioramento del work-life balance (64%)

    – di Cristina Casadei

    Scene di lotta di classe per un panino a Milano

    «Come si arriva a Broadway'? Vorrei andare dove accadono le cose. ' - Allora vada per un isolato verso est, svolti per Broadway e se cammina abbastanza a lungo arriverà proprio dove accadono le cose. ' - Grazie.» (John Dos Passos - Manhattan Transfer) Tra le paure e le speranze di questa incertissima fase 3, Milano (e Londra e New York e San Francisco) si sono trasformate inconsapevolmente nel campo di battaglia per una lotta, la chiameremo "la guerra del panino", che ha in palio nientem...

    – Paolo Manfredi

    Non chiedeteci di tornare in ufficio. Fino a quando lavoreremo in smart working?

    C'è una certa preoccupazione all'idea di far rientrare le persone nelle sedi con i numeri dell'epoca pre Covid. Modificare i layout e creare le condizioni per farlo chiede tempo e investimenti, ma soprattutto sarebbe un salto indietro, quando uno dei salti che l'Italia deve fare è quello digitale

    – di Cristina Casadei

1-10 di 174 risultati