Parole chiave

Work-life balance

Il termine "work-life balance" è un concetto ampio che indica la capacità di bilanciare in modo equilibrato il lavoro (inteso come carriera e ambizione professionale) e la vita privata (famiglia, svago, divertimento). Con questo significato il termine è stato usato per la prima volta in Gran Bretagna alla fine degli anni Settanta. Negli ultimi anni, come risultato dello sviluppo tecnologico, c'è stata una trasformazione dei luoghi di lavoro. Grazie a e-mail e smartphone, i dipendenti hanno sempre maggiore facilità a stare in contatto con il lavoro o addirittura a svolgerlo al di fuori del tradizionale ufficio. Il che offre molti vantaggi ma espone anche a qualche rischio di compromettere, senza l'approccio giusto o i dovuti accorgimenti, proprio il work-life balance.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Work-life balance |

Ultime notizie su Work-life balance

    Smart working, la scrivania senza catene. Ecco il futuro del lavoro

    Un motto classico della cultura americana è "Work hard, play hard". A mio avviso sarebbe ora di svecchiare questo motto. Perché non parlare di "Work smart, play smart"? Lo smart working può essere scomposto, semplificando, in due macro blocchi: quello virtuale e quello fisico. Entrambe le realtà insistono sul miglioramento della vita del dipendente. Il fattore umano è il tema che spesso interessa gli smart workers. "Sicuramente il primo aspetto che ci ha spinto ad adottare la sperimentazione è c...

    – Enrico Verga

    Benefit, condivisione, tecnologie: ecco come attrarre i candidati senior

    Fra le tante priorità che trovano oggi posto sul tavolo di un Hr manager, quella di rendere il luogo di lavoro più accogliente è sicuramente una di queste. E per un motivo molto semplice: la scelta di accettare la proposta di un'azienda piuttosto che di un'altra si gioca, sempre più spesso, su

    – di Gianni Rusconi

    Nella Torre Allianz i bimbi in ufficio con la mamma e il papà

    «Ti ricordi cosa succede oggi? C'è la prova di evacuazione», dice la mamma. «Cosa vuol dire?», chiede il figlioletto con il badge di Allianz al collo, in bella vista, mentre saltella, risalendo verso la torre del gruppo assicurativo nel quartiere di Citylife a Milano. «Vuol dire che a un certo

    – di Cristina Casadei

    I bancari chiedono 200 euro e il diritto alla disconnessione

    Aumento economico: 200 euro. Salario di ingresso per i giovani: depennato. Foc: confermato. Esternalizzazioni: stop e uso dei contratti complementari con un gap salariale ridotto al meno 10% rispetto al tabellare. Innovazione: via alla formazione come diritto soggettivo, ma prevedere il diritto

    – di Cristina Casadei

    Un cane sotto la scrivania: Purina, Unicredit, Ats Milano e gli altri

    Un cane sotto la scrivania per combattere la tristezza del "Blue Monday", che cade il 21 gennaio ed è considerato il giorno più triste dell'anno. La soluzione individuata da Purina, azienda del gruppo Nestlé leader nel petcare, è nel perfetto mood di questo periodo. In giornate corte e uggiose come quelle di metà gennaio, la compagnia di un quattrozampe tra le mura dell'ufficio può aiutare a ridurre lo stress (lo pensa il 40% dei lavoratori) e il senso di colpa per aver lasciato il proprio cane ...

    – Guido Minciotti

    La ricerca del talento perfetto? Come cercare un ago in un pagliaio

    Da anni sostengo che chiunque si occupi di ricerca e selezione faccia un lavoro difficilissimo perché si "vende" ciò che non si può avere a magazzino: le persone. Si tratta della ricerca del talento perfetto. Tutti noi abbiamo un ideale che alcune volte rasenta la perfezione, spesso addirittura

    – di Francesca Contardi *

1-10 di 145 risultati