Parole chiave

Work-life balance

Il termine "work-life balance" è un concetto ampio che indica la capacità di bilanciare in modo equilibrato il lavoro (inteso come carriera e ambizione professionale) e la vita privata (famiglia, svago, divertimento). Con questo significato il termine è stato usato per la prima volta in Gran Bretagna alla fine degli anni Settanta. Negli ultimi anni, come risultato dello sviluppo tecnologico, c'è stata una trasformazione dei luoghi di lavoro. Grazie a e-mail e smartphone, i dipendenti hanno sempre maggiore facilità a stare in contatto con il lavoro o addirittura a svolgerlo al di fuori del tradizionale ufficio. Il che offre molti vantaggi ma espone anche a qualche rischio di compromettere, senza l'approccio giusto o i dovuti accorgimenti, proprio il work-life balance.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Lavoro | Work-life balance |

Ultime notizie su Work-life balance

    Poste Italiane: la diversità crea valore

    La valorizzazione della diversità, l'inclusione e l'attenzione al benessere dei lavoratori sono ormai riconosciute come fattori critici di successo per le aziende. Poste Italiane, da sempre all'avanguardia sul terrendo della responsabilità sociale d'impresa, ha posto la valorizzazione delle

    – CREATO PER POSTE ITALIANE

    Nuovi paradigmi lavorativi: la necessità di investire in digitale e immobiliare

    Gli autori del post sono Marco Sironi, Financial Controller nel settore della finanza immobiliare, e Riccardo Franchi, studente master in finanza presso il Politecnico di Milano -  Che l'emergenza sanitaria COVID-19 stia segnando un punto di svolta nelle vite lavorative di tutti non è certo una novità. La necessità di lavorare da casa ha permesso a lavoratori e imprese di comprendere le potenzialità dello smart working, che se supportato da infrastrutture adeguate può portare benefici a tutte l...

    – Econopoly

    Smart working e coronavirus, perché da casa si lavora di più?

    Diversi studi dimostrano che ai tempi della pandemia si lavora di più, con giornate più lunghe rispetto a quando - prima del virus - ci si recava in ufficio. E per un lavoratore su quattro c'è stata una vera e propria "invasione" del lavoro nei tempi e negli spazi della vita privata

    – di Francesca Barbieri

    Gli smart worker sono (e saranno) più di 5 milioni, si fanno avanti anche Pa e Pmi

    Secondo i dati dell'Osservatorio smart working del Politecnico di Milano nel post pandemia continueremo a lavorare da remoto fino a 3 giorni alla settimana - Il direttore scientifico Mariano Corso: «Ripensare il lavoro per non disperdere l'esperienza di questi mesi e passare al vero e proprio smart working»

    – di Cristina Casadei

    Alessandro Vandelli, ceo Gruppo Bper

    Da sempre il Gruppo Bper mette al centro le persone. Crediamo che solo una cultura meritocratica, in azienda e nella società, possa promuovere la diversità e l'inclusione, favorendo occasioni di sviluppo. Negli ultimi anni abbiamo prestato attenzione crescente alla valorizzazione delle risorse

    Come e perché integrare salute e benessere nel posto di lavoro?

    Post di Eleonora Maglia, giornalista. Eleonora svolge attività di ricerca e pubblicazione per il Centro di documentazione Luigi Einaudi di Torino - Far fronte ad una crisi qual è l'emergenza Covid-19 comporta l'attivazione di una buona dose di resilienza, che è certamente specifica in ciascuno (Jrc, Covid-19: citizens' attitude and community, 2020), anche se le ricerche condotte fin qui attestano ricadute psicologiche generalizzate per oltre la metà della popolazione (52,6%) con sintomi tipici ...

    – Econopoly

1-10 di 184 risultati