Le nostre Firme

Manuela Perrone

Redattore |  @ManuelaPerrone |  LinkedIn |  manuela.perrone@ilsole24ore.com |

Manuela Perrone è redattrice del servizio politico del Sole 24 Ore.
Nata a Roma il 2 febbraio 1977, è laureata con lode in Scienze della comunicazione, indirizzo comunicazione istituzionale e d’impresa, all’Università La Sapienza di Roma. Nel 2012 ha conseguito il Master di II livello “Esperti e Formatori in Pari Opportunità. Women’s Studies e identità di genere” presso il Dipartimento di filosofia dell’Università di Roma Tre, svolgendo il tirocinio in un centro antiviolenza che si occupa di vittime di tratta e di sfruttamento sessuale.
Giornalista professionista dal 2001, dopo aver frequentato la Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia, è cresciuta professionalmente nel gruppo Sole 24 Ore: prima nella redazione del settimanale specializzato Il Sole 24 Ore Sanità, poi in quella online, infine al quotidiano.
È stata conduttrice e coautrice delle rubriche “Parlamento24” e “Focus 24” della web Tv del Sole 24 Ore.
È contributor di Alley Oop, il blog multifirma del Sole 24 Ore dedicato ai temi della diversity.
È autrice, con Serena Uccello, del libro “Lavorare spot. Idee e opportunità per fare esperienza nel mondo del lavoro” (Il Sole 24 Ore Pirola, collana Task, 2001).
È fondatrice e presidente dell’Associazione culturale “Tutto un altro genere”, che si occupa di promuovere l’educazione al rispetto e alla parità e che, nel 2014, ha vinto il bando 8 per mille della Chiesa evangelica e valdese con il progetto di prevenzione della violenza di genere “Parole che aprono i tuoi occhi al mondo”, realizzato nel 2015 tra i detenuti della casa circondariale di Cassino.
Da giugno 2013 a giugno 2017 è stata delegata per il Lazio di Casagit, la cassa sanitaria dei giornalisti.

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese
  • Argomenti: Politica, Parlamento, pari opportunità

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Manuela Perrone

    Salvini-Tria, tensioni sulla flat tax. Sul governo torna lo spettro della crisi

    Non ci saranno «prove muscolari» con la Commissione europea, assicura il premier Giuseppe Conte. Ma il suo ottimismo sulla costruzione della prossima manovra e sul rispetto del Patto di stabilità e crescitacozza contro le tensioni all'interno dell'Esecutivo, emerse in tutta evidenza nel vertice

    – di Manuela Perrone

    M5S al restyling: parte la «graticola» per i sottosegretari

    Venti minuti di relazione sull'operato svolto durante il mandato, che sarà registrata, poi le domande dei parlamentari delle commissioni di riferimento, infine questionari valutativi anonimi che finiranno dritti sulla scrivania del capo politico, Luigi Di Maio, e dei direttivi dei gruppi M5S. Parte

    – di Manuela Perrone

    Per Rousseau contributi da 1,25 milioni (con 700mila euro da M5S)

    Tra contributi da persone fisiche e proventi da eventi e attività editoriali, nel 2018 l'Associazione Rousseau presieduta da Davide Casaleggio ha incassato 1,24 milioni di euro, tra i quali spiccano i 699.844 euro provenienti dai parlamentari M5S, obbligati da questa legislatura a versare 300 euro

    – di Manuela Perrone

    L'aut aut di Conte a Lega-M5S: avanti se c'è chiarezza

    ROMA - Giuseppe Conte pronto all'aut aut. Domani il presidente del Consiglio in conferenza stampa lancerà una sorta di ultimatum a Lega e M5S. Detterà cioè i presupposti per andare avanti, a un anno dall'insediamento a Palazzo Chigi. E lo farà anche se non dovesse tenersi prima l'auspicato vertice

    – di Manuela Perrone e Marco Rogari

    19 luglio, data da cerchiare in rosso: ultima finestra per il voto in autunno

    La data cerchiata in rosso sui calendari di Matteo Salvini e Luigi Di Maio è venerdì 19 luglio. Entro quella data si deciderà il destino del Governo. Perché da lì in avanti si chiuderà l'ultima finestra elettorale per andare al voto anticipato il 29 settembre, ultimo giorno utile per consentire a

    – di Manuela Perrone

    Salvini vuole «licenziare» i ministri 5S Toninelli, Costa e Trenta

    Con l'addio di Edoardo Rixi dopo la condanna a tre anni e cinque mesi per peculato e falso, la Lega non è più rappresentata al ministero delle Infrastrutture. La sentenza del tribunale di Genova non ha provocato scossoni nel Governo: Matteo Salvini ha subito accettato le dimissioni del

    – di Barbara Fiammeri e Manuela Perrone

    Cinque Stelle spaccati in cinque anime. Ora il Senato è la vera polveriera

    Cinque Stelle per cinque «anime», tanto per citare la parola usata per la prima volta da Luigi Di Maio all'indomani della cocente sconfitta alle europee di domenica. Correnti fluide, strati spesso sovrapposti che fanno capo allo stesso Di Maio, ad Alessandro Di Battista, a Roberto Fico, al garante

    – di Manuela Perrone

    M5S, Grillo difende Di Maio: deve continuare la lotta

    «Non sono mai scappato dai miei doveri e se c'è qualcosa da cambiare nel MoVimento lo faremo. Chiedo di mettere al voto degli iscritti su Rousseau il mio ruolo di capo politico, perché è giusto che siate voi ad esprimervi. Gli unici a cui devo rendere conto del mio operato». Lo scrive Luigi Di

    – di Manuela Perrone

    Il M5S dilapida sei milioni di voti. Dodici mesi da incubo al Governo

    Peggio delle peggiori previsioni: per il M5S la notte tra il 26 e il 27 maggio si è rivelata un incubo. Un tonfo al 17% alle europee, quasi sei milioni di voti dilapidati in dodici mesi di Governo, mentre la Lega doppia il risultato delle politiche del 4 marzo 2018. E mentre il Pd compie il

    – di Manuela Perrone

1-10 di 683 risultati