Le nostre Firme

Cristina Battocletti

Caposervizio |  @CriBattocletti |  cristina.battocletti@ilsole24ore.com |

Cristina Battocletti lavora alla “Domenica” del Sole 24 Ore dal 2006. Ha lavorato sei anni a Radio 24, dagli albori dell’emittente, il 1999, al 2005, e un anno al “Lunedì” del Sole 24 Ore.

Critica cinematografica, è inviata per il Sole 24 Ore ai principali festival cinematografici, Venezia, Cannes, Berlino. Recensisce i libri dell’area balcanica e mitteleuropea, che la appassiona e che studia. È caposervizio e vive a Milano.

Ha scritto “Figlio di nessuno” (Rizzoli, 2012), biografia dello scrittore Boris Pahor, scritta a quattro mani con l’autore sloveno, candidato al Nobel. Il libro ha vinto il premio Manzoni come miglior romanzo storico; “La mantella del diavolo” (Bompiani, 2015), vincitore del premio Latisana e finalista ai premio Bergamo, Rapallo e Asti; “Bobi Bazlen. L’ombra di Trieste” (La nave di Teseo, 2017), vincitore del premio Martoglio e Comisso.

Commenta i film nel ciclo di trasmissioni televisive “L’altro Novecento” di Isabella Donfrancesco e Alessandra Urbani, in onda dal 22 ottobre 2018 su Rai 5.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese, francese
  • Argomenti: cinema, mitteleuropa, balcani, Milano, Vienna, Trieste, Udine, Berlino, Cannes, Venezia
  • Premi: Comisso, Latisana, Manzoni, Martoglio

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2020

Ultimi articoli di Cristina Battocletti

    Il 25 aprile Vanessa Kirby è candidata agli Oscar per "Pieces of a woman": ecco perché se lo merita

    La sceneggiatrice Weber e il regista Mundruczó raccontano la storia autobiografica di un parto a casa mal gestito. Il film ha benedizione del produttore Martin Scorsese L'esperienza innominabile per eccellenza: la morte di un neonato, dopo pochi respiri a seguito di un parto in casa travagliatissimo. Per aver restituito la sofferenza della puerpera con crudo verismo, Vanessa Kirby (Martha) si è guadagnata per Pieces of a woman di Kornél Mundruczó (il film è fruibile su Netflix) la candidatura co...

    – Cristina Battocletti

    Berlinale: La porno insegnante, l'eremita, l'amica immaginaria e gli anni Ottanta

    Piccolo consuntivo dei film più sorprendenti della 71esima edizione della Berlinale. Tra le novità, la pellicola del regista rumeno L'immagine che vedete nella foto è di una donna sotto processo. E' una professoressa rumena, interpretata da Katia Pascariu, e i suoi accusatori sono i genitori e i nonni degli allievi della classe in cui insegna. Il suo reato? Aver permesso al marito di riprendere un loro rapporto intimo, che non si sa per quali misteriose vie è stato caricato su internet ed è d...

    – Cristina Battocletti

    Lucio quando non era ancora Dalla

    Alla Berlinale il bel documentario di Pietro Marcello sul cantautore bolognese con interviste rare e molto materiale d'archivio Scordatevi il Dalla clownesco che cantava "Attenti al lupo" come in una scena da avanspettacolo, il Dalla con il riporto biondo, la camicia aperta sul petto e collane in abbondanza. "Per Lucio", documentario di Pietro Marcello, alla 71esima edizione della Berlinale, nella sezione Special, racconta il cantautore bolognese quando non era ancora l'artista entrato nel mito...

    – Cristina Battocletti

    Lucio quando non era ancora Dalla

    Alla Berlinale il bel documentario di Pietro Marcello sul cantautore bolognese con interviste rare e molto materiale d'archivio

    – di Cristina Battocletti

    I fantasmi d'Africa sbarcano sulla piattaforma: su Netflix c'è "Atlantique" di Mati Diop

    «Atlantique» è il notevole esordio della regista franco-senegalese che racconta in un fantasy una storia di ragazzi rapiti dal mare. Su Amazon il film sul lockdown Mentre si aggirava per le strade di Dakar, città d'origine del padre musicista, Mati Diop avvertiva l'oppressione di una presenza spettrale e soprannaturale. Così, quando ha deciso di girare il suo primo lungometraggio, ha voluto restituire quella sensazione, raccontando una storia di fantasmi ambientata in Africa, Atlantique, dispon...

    – Cristina Battocletti

    Il 27 celebrare la Giornata della Memoria con "Lezioni di Persiano"

    «Non si tratta di una storia vera, ma di una vicenda strutturata su un insieme di fatti veri. Sarebbe potuta essere reale». Così Vadim Perelman, regista ebreo ucraino, naturalizzato canadese, inquadra il suo Lezioni di persiano - in onda il 27 gennaio (alle 21.15) su Sky per la Giornata della Memoria - come un nuovo, originale capitolo per stigmatizzare l'orrore della Shoah. Il film racconta la storia del giovane ebreo francese Gilles (Nahuel Pérez Biscayart), che, durante una retata nella Fran...

    – Cristina Battocletti

    Tra le perle del Trieste Film Festival

    Sono passati trent'anni dall'inizio della guerra dei Balcani e proprio alla memoria di quell'area geografica implosa è dedicata la XXXIIesima edizione del Trieste Film Festival, che ha saputo specializzarsi e trasformarsi in osservatorio cinematografico privilegiato dell'Europa dell'Est. Quest'anno, nell'impossibilità di uno svolgimento dal vivo, c'è la consolazione di raggiungere una platea allargata attraverso lo streaming (ogni acquisto vale per 72 ore) sulla piattaforma MyMovies. Per capire ...

    – Cristina Battocletti

    Streaming, piattaforme, esplorazioni: dove va il cinema o quello che potrebbe esserlo

    A colloquio con Cristi Puiu. Il regista romeno, acclamato a Cannes, spiega il suo Malmkrog, che trasforma e unisce le discipline, anticipando la sperimentalizzazione digitale tra le arti, resa necessaria dal distanziamento A distanza di quasi un anno dagli stravolgimenti che la pandemia ha provocato sul piano umano e culturale, ci si rende conto della chiaroveggenza e dell'anticipo sperimentale con cui il regista rumeno Cristi Puiu ha portato alla scorsa edizione della Berlinale il suo fluvial...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 755 risultati