Le nostre Firme

Cristina Battocletti

Caposervizio |  @CriBattocletti |  cristina.battocletti@ilsole24ore.com |

Cristina Battocletti lavora alla “Domenica” del Sole 24 Ore dal 2006. Ha lavorato sei anni a Radio 24, dagli albori dell’emittente, il 1999, al 2005, e un anno al “Lunedì” del Sole 24 Ore.

Critica cinematografica, è inviata per il Sole 24 Ore ai principali festival cinematografici, Venezia, Cannes, Berlino. Recensisce i libri dell’area balcanica e mitteleuropea, che la appassiona e che studia. È caposervizio e vive a Milano.

Ha scritto “Figlio di nessuno” (Rizzoli, 2012), biografia dello scrittore Boris Pahor, scritta a quattro mani con l’autore sloveno, candidato al Nobel. Il libro ha vinto il premio Manzoni come miglior romanzo storico; “La mantella del diavolo” (Bompiani, 2015), vincitore del premio Latisana e finalista ai premio Bergamo, Rapallo e Asti; “Bobi Bazlen. L’ombra di Trieste” (La nave di Teseo, 2017), vincitore del premio Martoglio e Comisso.

Commenta i film nel ciclo di trasmissioni televisive “L’altro Novecento” di Isabella Donfrancesco e Alessandra Urbani, in onda dal 22 ottobre 2018 su Rai 5.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese, francese
  • Argomenti: cinema, mitteleuropa, balcani, Milano, Vienna, Trieste, Udine, Berlino, Cannes, Venezia
  • Premi: Comisso, Latisana, Manzoni, Martoglio

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2020

Ultimi articoli di Cristina Battocletti

    Un altro colpo di Bong Joon-ho: la Corea del Sud sulle orme di un serial killer

    Il film del premio Oscar, girato nel 2003, e ora nelle sale Si mangia sempre e ovunque in Memorie di un assassino, perfino la grigliata dopo un'autopsia sul corpo quasi in decomposizione di una giovane. C'è da credere che Bong Joon-ho voglia mettere a dura prova la fiducia dello spettatore verso il genere umano, come per altro non ha mancato di fare con Parasite, fresco vincitore di quattro Oscar, dove i poveri fanno la guerra ai ricchi, senza escludere colpi mortali ai propri simili. Memori...

    – Cristina Battocletti

    L'intervista con Bong Joon -ho: lotta di classe tra parassiti

    «Il divario tra poveri e ricchi è aumentato. Li dividono rabbia e perfino gli odori»: il regista sudcoreano racconta il film rivelazione, Palma d'oro a Cannes La lotta di classe e la simpatia per i meno abbienti sono i binari su cui corre il cinema di Bong Joon-ho. Il regista sudcoreano riesce a farlo con tanto garbo e intelligenza da far digerire le sue proteste sociali anche a icone del capitalismo come Netflix, che ha distributo il suo Okja nel 2017, o a produzioni mastodontiche, come Snowpi...

    – Cristina Battocletti

    Tre film italiani in concorso alla Berlinale

    Alla 70esima edizione della Berlinale ci saranno «Volevo nascondermi» di Diritti, «Favolacce» dei fratelli D'Innocenzo e «Siberia» di Abel Ferrara

    – di Cristina Battocletti

    100 anni di Fellini

    Il 20 gennaio del 1920 nasceva il regista, sceneggiatore, illustratore riminese. Il ritratto dell'uomo, dei suoi film e degli attori feticcio

    – di Cristina Battocletti

    «Hammamet» non spiega Craxi

    Gianni Amelio racconta gli ultimi anni del segretario del Psi dal suo rifugio tunisino ma non inquadra la politica di lottizzazione dell'epoca

    – di Cristina Battocletti

    «Tolo Tolo» sbanca il botteghino del 2020

    In un solo giorno il nuovo film di Checco Zalone, nelle sale da ieri, ha sfiorato gli 8,7 milioni di euro, con 1.174.285 spettatori

    – di Cristina Battocletti

    Lucisano: la mia ricetta per battere Netflix

    Lo storico produttore romano celebra i 20 anni del cinema Andromeda e lancia la sua sfida alle piattaforme digitali: «Per batterle dobbiamo creare sale con poltrone confortevoli, impianti audio e video all'avanguardia e spazi di aggregazione anche per bambini»

    – di Cristina Battocletti

    Ritratto di un amore libero: a colloquio con Céline Sciamma. "Ritratto di una giovane donna in fiamme" nella sale da oggi

    Ispirandosi a «Titanic», la regista racconta una passione al femminile nel Settecento. «Non credo alle quote rosa, la creatività non ha genere» Siamo in Francia alla fine del XVIII secolo ed Héloïse (Adèle Haenel), rampolla di una famiglia aristocratica, è appena uscita dal convento per finire all'altare senza conoscere il marito. Nonostante viva nel secolo dei Lumi, da donna, ha un solo modo per sottrarsi al suo destino: rifiutarsi di posare per un dipinto da mandare a Milano al futuro sposo. ...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 712 risultati