Ultime notizie:

Cambridge

    Carlo Ratti: «Così aiuto il mondo a mutare, in meglio»

    Nel 2000 stavo per completare il dottorato a Cambridge e incontrai il preside della Scuola di architettura e progettazione del Mit, che mi invitò a continuare la mia ricerca negli Stati Uniti.

    – di Antonio Larizza

    La famiglia è «culturale»

    Recuperando l'inevitabile ritardo nei confronti della letteratura scientifica anglosassone, ricercatrici e ricercatori italiani hanno prodotto una serie di volumi che consiglio a chiunque sia chiamato ad esprimersi sul tema delle «famiglie moderne» (che tra l'altro è il titolo di un importante volume di Susan Golombok, direttrice del Centre for Family Research dell'Università di Cambridge, che ad aprile uscirà in traduzione italiana per le edizioni Edra).

    – di Vittorio Lingiardi

    Vestager (Ue) attacca Google: presto potrebbe arrivare la terza multa

    Non cita Facebook, ma il clamore del caso Cambridge Analytica al Web Summit si percepisce. Non ci sono tavole rotonde con executive dell'azienda guidata da Mark Zuckerberg, mentre il whistleblower ex Cambridge Analytica che denunciò il caso, Cristopher Wylie, ha raccolto applausi nel suo speech: “Le aziende tech stanno colonizzando la nostra società e non ci sono regolamentazioni che siano realmente efficaci: com'è possibile che riusciamo a normare il nucleare e non il codice?”.

    – dal nostro inviato Luca Salvioli

    Enria, un italiano super partes a capo degli 007 bancari europei

    Laurea in Bocconi e master in Economia a Cambridge, Enria in verità è uomo di istituzioni europee: dopo dieci anni come economista in Banca d’Italia e una breve esperienza, nel 1995, in qualità di consigliere dell’allora primo ministro Lamberto Dini, Enria ha sviluppato la sua carriera tra Francoforte e Londra.

    – di Luca Davi

    I cinque errori della democrazia e perché puntare sul merito vuol dire salvarla

    La democrazia rischia di soccombere. L'idea che la  democrazia(1) sia l'unico sistema possibile (e l'autoritarismo superato) ha perso plausibilità. Anche le democrazie più consolidate - in affanno nel gestire globalizzazione(2), disuguaglianza e immigrazione - sono a rischio sopravvivenza. Il mondo è in "recessione democratica". Ascesa e declino La democrazia, per cinquant'anni considerata punto di arrivo ? Nel 1941, solo 11 paesi al mondo erano organizzati secondo principi democratici. Ritenu...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Le grandi agenzie di comunicazione hanno un futuro?

    Se fino a qualche tempo fa queste due realtà agivano in modo non dissimile da una televisione, permettendo ad operatori terzi di usarle (Cambridge Analytica come caso estremo, qualcuno ricorda?), nel continuo accrescersi di dati ora si sono strutturate, in modo da poter creare internamente soluzioni di pubblicità.

    – Enrico Verga

1-10 di 1532 risultati