Le nostre Firme

Alberto Magnani

Redattore |  @AlbMagna17 |

Giornalista professionista, redattore al Sole 24 Ore. Nato a Verona nel 1990, laurea in filosofia e master in giornalismo economico come vincitore della borsa di studio Chiara Manzoni. Si occupa soprattutto di mercato del lavoro, affari europei e innovazione. Nel 2015 ha vinto il premio per il giornalismo scientifico «Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo. Verso Expo 2015» di Agrofarma Federchimica e Fondazione Veronesi con un articolo sull’agrobusiness come motore di crescita per l’Africa. Nel 2018 è uscito «Robotica, fra realtà e fantascienza» (Il Canneto editore), pubblicazione che raccoglie un suo dialogo con Roberto Cingolani sull’impatto della robotica sul mondo del lavoro.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese
  • Argomenti: Lavoro, formazione, esteri, innovazione
  • Premi: Premio "Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo. Verso Expo 2015" di Agrofarma Federchimica e Fondazione Veronesi; Premio giornalistico State Street, categoria "Innovation"

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Alberto Magnani

    Arriva Uptis, lo pneumatico senza aria e a prova di chiodo

    MONTRÉAL - Michelin e General Motors alzano il sipario sull'ultimo concept di pneumatico senza aria per vetture: Uptis, sigla di Unique puncture-proof Tire system (letteralmente, sistema "a prova di foratura"). Il prodotto è frutto di un partenariato di ricerca fra i due gruppi ed entrerà in

    – dal nostro inviato Alberto Magnani

    Altro che populisti, sono i liberali l'ago della bilancia in Europa

    Le ultime elezioni europee avrebbero dovuto sancire la crisi delle «élite di Bruxelles», travolte dalla crescita di partiti nazionalisti. Le urne, però, hanno incoronato due vincitori un po' diversi: i partiti del gruppo dei Verdi e quelli affiliati alla famiglia dell'Alleanza dei democratici e

    – di Alberto Magnani

    Europee, perché le città votano il Pd e la provincia la Lega

    Nella provincia di Bergamo, vecchio feudo leghista, l'exploit di Salvini alle Europee ha sfiorato il plebiscito: il 51,1% dei consensi, sopra di 30 punti percentuali rispetto al 19,8% del Partito democratico. Un dato quasi moderato rispetto ai picchi di oltre il 65% raggiunti nei microcomuni che

    – di Alberto Magnani

    Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere sul voto di oggi

    Il conto alla rovescia è scaduto. Domenica 26 maggio l'Italia va alle urne per le elezioni europee, nel gran finale di una una tornata che si è svolta fra 23 (con Paesi Bassi e Regno Unito), il 24 (Irlanda, Repubblica Ceca), 25 (Lituania, Malta, Slovacchia) e 26 maggio (i restanti 21 paesi, inclusa

    – di Alberto Magnani

    Migranti, la sfida per l'Ue è andare oltre il regolamento di Dublino

    La campagna elettorale per le Europee del 2019 si è giocata, in larga parte, su un'emergenza smentita dai numeri: la «invasione» di migranti sulle coste europee. Nonostante l'enfasi sugli sbarchi, incluso l'ultimo caso Sea Watch, il tempo degli allarmi è sempre più lontano. A quattro anni dalla

    – di Alberto Magnani

    L'Europa e il tech, così Bruxelles indica la via agli Usa su privacy e concorrenza

    Non succede così di frequente che l'Economist, pilastro liberal dei settimanali anglosassoni, elogi l'Europa e soprattutto la Ue. Gli ultimi strappi alla regola nascono dallo stesso motivo: la capacità di Bruxelles di fissare qualche paletto allo strapotere delle multinazionali del tech

    – di Alberto Magnani

    Il populismo è giovane, così la destra sovranista corteggia gli under 30

    Nel 2017, a ridosso delle elezioni federali tedesche, il think tank Bruegel ha pubblicato un'analisi sull'elettorato medio di Alternative für Deutschland: il partito di destra nazionalista che aveva appena conquistato oltre 90 seggi, varcando per la prima volta nella sua storia la soglia del

    – di Alberto Magnani

    Che cos'è il deficit al 3% del Pil e perché non solo Salvini vuole rivederlo

    Ameno di due settimane dal voto europeo, il vicepremier Matteo Salvini è tornato all'attacco su uno dei vecchi bersagli della campagna elettorale: il vincolo del 3% sul deficit, la differenza tra entrate e uscite annuali di uno Stato, imposto dalla Ue ai sensi del Trattato di Maastricht del 1992.

    – di Alberto Magnani

    Dal fisco alla pornografia, crescono le procedure di infrazione Ue contro l'Italia

    Erano state dimezzate sotto agli ultimi due governi. Sono tornate a salire dall'insediamento dell'esecutivo di Giuseppe Conte. Le procedure di infrazione, il meccanismo europeo che scatta quando uno stato membro viola le disposizioni Ue, sono passate nell'arco di un anno di governo Lega-Cinque

    – di Alberto Magnani

1-10 di 949 risultati