Ultime notizie

Tullio Grilli

  • 02 giugno 2019
    Borsa, il robot sostituisce l’uomo: ai software il 53% degli scambi

    Finanza e Mercati

    Borsa, il robot sostituisce l’uomo: ai software il 53% degli scambi

    Compravendite automatizzate. Software che decidono se e quando operare, inviando loro stessi gli ordini.È il trading algoritmico. Un fenomeno rilevante in Borsa. Secondo Aite Group nel 2018 i robot hanno gestito circa il 53% degli scambi delle azioni globali cash. Una percentuale che negli Usa sale

  • 09 dicembre 2018
    La guerra delle Borse: perché banche e broker si fanno il listino in casa

    Finanza e Mercati

    La guerra delle Borse: perché banche e broker si fanno il listino in casa

    Le “borse” delle banche, i cosiddetti “Internalizzatori sistematici” crescono. È l’effetto della Mifid2 sugli assetti dei listini nel Vecchio continente. La prova dell’andamento la offre Be Consulting. La società di consulenza ha analizzato il cambiamento del numero di “Internalizzatori

  • 06 ottobre 2018
    Borse, come il robot trader «cavalca» il populismo e sfrutta lo spread

    Finanza e Mercati

    Borse, come il robot trader «cavalca» il populismo e sfrutta lo spread

    Cavalcare la turbolenza dei listini italiani. Una mossa che gli algoritmi non si sono lasciati scappare. Vediamo come. L’occasione è stata fornita dalla prima notizia sul rapporto tra Deficit e Pil previsto nella Nota di aggiornamento del documento di Economia e Finanza (Nadef) per il 2018.

  • 17 marzo 2018
    La sfida di broker e banche alle Borse tradizionali

    Finanza e Mercati

    La sfida di broker e banche alle Borse tradizionali

    Crescono gli «Internalizzatori sistematici». Di fatto le grandi banche che, usando strumenti finanziari di loro proprietà, eseguono elettronicamente e internamente l’ordine di compravendita dell’investitore. Poi: frenano, pure rimanendo rilevanti, le «tradizionali» piattaforme telematiche

  • 12 marzo 2018
    Tra le blue chip europee primi stop al «trading oscuro»

    Finanza e Mercati

    Tra le blue chip europee primi stop al «trading oscuro»

    La City di Londra è tra le più coinvolte. Secondo Bloomberg circa 320 strumenti finanziari quotati in Gran Bretagna (ad esempio Hsbc e Unilever) da oggi, e per i prossimi sei mesi, non dovranno essere più negoziati nelle cosiddette “dark pools”. Gli stessi gestori abituati al trading “oscuro” in