Giornalista professionista, redattore al Sole 24 Ore. Nato a Verona nel 1990, laurea in filosofia e master in giornalismo economico come vincitore della borsa di studio Chiara Manzoni. Si occupa soprattutto di mercato del lavoro ed economia e politica internazionale, con un occhio di riguardo per Unione europea e Africa. Nel 2015 ha vinto il premio per il giornalismo scientifico «Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo. Verso Expo 2015» di Agrofarma Federchimica e Fondazione Veronesi con un articolo sull’agrobusiness come motore di crescita per l’Africa. Nel 2018 è uscito «Robotica, fra realtà e fantascienza» (Il Canneto editore), pubblicazione che raccoglie un suo dialogo con Roberto Cingolani sull’impatto della robotica sul mondo del lavoro. Ha pubblicato nel 2019 «Gioventù sprecata - Perché l’Italia ha fallito sui giovani» e nel 2021 «Le due Italie. Perché il Paese è sempre più diseguale», entrambi editi da Castelvecchi. È autore di Europa24, una newsletter domenicale su tutto quello che succede a Bruxelles.

Luogo: Milano

Lingue parlate: inglese, tedesco

Argomenti: Lavoro, Unione europea, Africa

Premi: Premio "Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo. Verso Expo 2015" di Agrofarma Federchimica e Fondazione Veronesi; Premio giornalistico State Street, categoria "Innovation"

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 29 settembre 2022
    Lavoro, perché i giovani si dimettono

    PodcastItalia

    Lavoro, perché i giovani si dimettono

    Continua il boom di dimissioni, la Great Resignation avviata con la pandemia di Covid. Ad andarsene sono soprattutto i giovani, stanchi di un modello lavorativo che trascura il benessere individuale. La campagna vaccinale rischia il flop sulla quarta dose. Satispay, la app di pagamenti mobile, incassa un nuovo round e diventa il nuovo unicorno italiano.

  • 26 settembre 2022
    Da Vox a Morawiecki, chi sono gli alleati in Europa di Meloni

    Mondo

    Da Vox a Morawiecki, chi sono gli alleati in Europa di Meloni

    La leader di Fratelli d’Italia rientra nella famiglia dei Conservatori e riformisti, un gruppo di destra che include i polacchi di Diritto e giustizia e gli spagnoli di Vox. Senza rinunciare alle sintonie con Orban

    Le reazioni sui media internazionali: «Vittoria di Meloni un rischio, ma non sbandata verso l’estremismo»

    Mondo

    Le reazioni sui media internazionali: «Vittoria di Meloni un rischio, ma non sbandata verso l’estremismo»

    Dalla Cnn a El Pais, i media stranieri raccontano l’ascesa di Giorgia Meloni. Da Morawiecki a Vox, le congratulazioni dei sovranisti

  • 24 settembre 2022
    Alle urne! Cosa si aspetta l’Europa dal voto

    PodcastItalia

    Alle urne! Cosa si aspetta l’Europa dal voto

    Gli osservatori internazionali sembrano intimoriti dall'ascesa di un governo Meloni. Ma cosa possiamo aspettarci dal collocamento del prossimo esecutivo? E come gestirà le principali incombenze economiche, dal Pnrr alla crisi energetica? Ne parliamo con Attilio Geroni, già corrispondente del Sole 24 Ore da Polonia, Germania e Francia

  • 15 settembre 2022
    I master che danno lavoro e la proroga dello smart working

    PodcastItalia

    I master che danno lavoro e la proroga dello smart working

    Dal design alle tecnologie per la Pa, la carica dei nuovi master nel 2022: quanti sono e cosa offrono, a partire dall'occupazione. Il diritto allo smart working prorogato al 31 dicembre dopo la “pausa” estiva. Il boom delle figurine Panini, con i risultati da record del gruppo modenese. Sono le tre storie della puntata di oggi di Smart, il podcast del Sole 24 Ore.