Le nostre Firme

Michael Spence

Michael Spence è professore emerito in Management presso la Business School dell'Università di Stanford. Da Settembre 2010 ricoprirà l'incarico di professore di Economia alla Stern School of Business della New York University.

Nato nel 1943, Michael Spence ha ottenuto il Ph.D. all'Università di Oxford nel 1972. Nel 2001 è stato insignito del Premio Nobel per l'Economia insieme ad Akerlof e Stiglitz per gli studi sui mercati in presenza di asimmetrie informative.

Michael Spence presiede la Commissione sulla crescita e lo sviluppo, un organismo di ricerca indipendente, sostenuto dalla Banca Mondiale, per lo studio di soluzioni che assicurino crescita economica rapida e sostenuta allo scopo di ridurre la povertà nei Paesi in via di sviluppo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Michael Spence

    La vera spinta per sbloccare l'Italia migliore

    La situazione in Italia ha ripercussioni che vanno ben al di là dell'Europa, perché gli avvenimenti politici sono coerenti con un trend mondiale che prevede un passo indietro rispetto alla globalizzazione ed esige sempre più a gran voce che i governi nazionali riaffermino il controllo sui flussi di

    – di Michael Spence

    Intese globali dopo la Rete aperta

    La recente rivelazione che un'applicazione ha prelevato oltre 50 milioni di profili Facebook per consegnarli alla società di consulenza politica Cambridge Analytica ha prodotto reazioni negative contro la piattaforma. Ma questo è solo l'ultimo esempio dei rischi associati a Internet, che

    – di Michael Spence e Fred Hu

    Potere e influenza economica migrano a Oriente

    Agli economisti come me sono rivolte domande ricorrenti che possono offrire informazioni utili sulle decisioni di aziende, individui e istituzioni in settori quali investimenti, istruzione e lavoro, nonché rispetto alle loro aspettative politiche.

    – di Michael Spence

    I tecnocrati che faranno la differenza nella Cina di Xi

    Gran parte dell'interesse dei media internazionali per il congresso del Partito comunista cinese si è focalizzato su chi occuperà i ruoli chiave nella presidenza di Xi Jinping nei prossimi cinque anni.

    – di Michael Spence

    Vincenti solo i modelli di crescita inclusivi

    Molti anni fa ho avuto il privilegio di presiedere una commissione sulla crescita dei Paesi in via di sviluppo. I suoi membri avevano una grande esperienza economica, politica e sociale del mondo in via di sviluppo e, nonostante le loro differenze, tutti concordavano su alcuni punti cruciali. Due

    – di Michael Spence

    La Cina alla sfida del multilateralismo

    In un recente commento per il South China Morning Post, Helen Wong, amministratore delegato di Hsbc per l'area della Grande Cina, dimostra che la generazione cinese emergente di 400 milioni di giovani consumatori costituirà presto più della metà del consumo nazionale del Paese.

    – di Michael Spence

    Se la politica non sostiene l'economia

    D'estate, mentre la vita rallenta, c'è spazio per riflettere su questioni fondamentali. Uno dei principali rompicapo che ultimamente occupano la mia mente è costituito dalla discrepanza tra la generalizzata disfunzione politica e la performance relativamente forte del mercato economico e

    – di Michael Spence

    La giusta misura della produttività

    Gli economisti si occupano non solo di affrontare con attenzione domande difficili, ma anche della loro stessa formulazione. A volte, il ripensare tali domande può essere la chiave per trovare le risposte di cui abbiamo bisogno.Si consideri il dibattito sulla produttività. Gli economisti che

    – di Michael Spence e Sandile Hlatshwayo

    I benefici e i doveri di un'economia aperta

    Il termine "apertura" ha due significati connessi tra loro ma anche distinti. Può riferirsi a qualcosa di illimitato, accessibile e finanche vulnerabile, oppure a qualcosa, magari una persona o un'istituzione, che è trasparente invece che riservato. Il primo significato viene spesso applicato al

    – di Michael Spence

    Non basta Macron a salvare l'Europa

    Il primo turno delle elezioni francesi ha fatto registrare un esito molto vicino alle aspettative: il centrista Emmanuel Macron è risultato primo, con il 24% dei voti, battendo di un soffio Marine Le Pen del Fronte Nazionale di estrema destra. Salvo clamorosi rovesciamenti, oggi Macron vincerà il

    – di Michael Spence

1-10 di 109 risultati