Aziende

Deutsche Bank

Deutsche Bank è una banca leader in Germania e in Europa, presente anche in Nord America, Asia e nei mercati emergenti, che conta circa 80.000 dipendenti, in 2790 filiali distribuiti in 70 Paesi e 20 milioni di clienti. Deutsche Bank è organizzata in 3 divisioni di business: corporate and investment bank, private clients and asset management e corporate investments. In Italia secondo mercato dopo la Germania conta 620 punti vendita e più di 2 milioni di clienti. La banca è quotata a Piazza Affari.

Il maggiore azionista del gruppo è il conglomerato cinese Hna che ha quasi 10%, insieme a due fondi dell'emiro del Qatar, seguito da BlackRock con il 5,9 percento (dati maggio 2017).

Il gruppo ha annunciato nel 2015 di voler tagliare 9000 posti di lavoro entro il 2018 e ha registrato diverse perdite per 5 miliardi causa di svalutazioni, multe e accontonamenti per rischi giuridici (è coinvolta in migliaia di procedimenti giudiziari). A settembre del 2016 il dipartimento di giustizia americano ha inflitto una multa di 14 miliardi di euro a Deutsche Bank per lo scandalo dei mutui subprime che la vede coinvolta. Dopo una perdita netta di 1,4 miliardi di euro nel 2016, che si aggiunge ai 6,8 miliardi del 2015, ad aprile 2017 ha varato un aumento di capitale di 8 miliardi.

La storia
Fondata nel 1870 a Berlino, Deutsche Bank è nata con l’obiettivo di promuovere il commercio tra la Germania, i paesi europei e i mercati d'oltremare. Questa vocazione internazionale dell’istituto tedesco, si sviluppa fin da subito e solo tre anni dopo la sua fondazione, sono state aperte filiali a Londra, Yokohama e Shanghai. A fine Ottocento Deutsche Bank si è alleata con le principali banche regionali tedesche per sostenere gli sforzi dell'industria nazionale all'estero.

Dopo le guerre mondiali e con la costituzione della Repubblica Federale Tedesca, la frammentazione che aveva smembrato l’istituto viene a cadere e nel 1957 torna in vita la Deutsche Bank. Negli anni Cinquanta, quando la Germania è diventata il motore dell'economia europea, Deutsche Bank è ritornata a puntare sulla sua internazionalizzazione e a partire dal 1973, anno in cui ha aperto un ufficio a Mosca, ha sviluppato la sua presenza a Londra, Tokyo, Bruxelles, Anversa, New York, Parigi, Madrid, Hong-Kong, Nuova Delhi, Budapest, Varsavia, Praga, Hanoi, Kiev e in molte altre città. Dal 1977 è presente in Italia, anche attraverso le acquisizioni della Banca d’America e d’Italia, della Banca Popolare di Lecco e del network di promozione finanziaria Finanza & Futuro Banca.



Ultimo aggiornamento 04 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Europa | America del Nord | Banca d'America e d'Italia | Asia | Finanza & Futuro | Banca Popolare di Lecco |

Ultime notizie su Deutsche Bank

    Effetto banche centrali ma non solo, Piazza Affari (+1,9%) guida l'Europa

    Ampi progressi per i listini del Vecchio Continente, sostenuti anche da Wall Street che sale più dell'1%. Sotto i riflettori le mosse della Germania e delle Banche centrali, con gli stimoli annunciati dalla Cina e le possibili azioni di Fed e Bce. Si continua a guardare ai rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina. A Piazza Affari volano Cnh Industrial, le banche e gli industriali. Spread chiude invariato a 208 punti

    – di Flavia Carletti e Stefania Arcudi

    Elliott inietta 120 milioni in Credito Fondiario

    Nel mese scorso Credito Fondiario ha incaricato due advisor (cioè Goldman Sachs e Deutsche Bank) di valutare tutte le opzioni possibili (dall'Ipo, alle fusioni fino all'M&A) per la crescita: tanto che il dossier di Credito Fondiario è sul tavolo di tutti i maggiori player del settore.

    – Carlo Festa

    Commerzbank «lotta» contro i tempi duri: utile stabile, ricavi giù, più clienti

    Commerzbank ha chiuso il secondo trimestre 2019 con utile netto pari a 271 milioni, contro 272 dello stesso periodo 2018 (-0,3%) e ricavi scesi a 2,13 miliardi (-2,2% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno). In aumento clientela privata, Pmi e più prestiti corporate e salgono gli asset ma il contesto resta difficile

    – di Isabella Bufacchi

    Smartphone: dove costa meno l'iPhone Xs? La mappa

    Sono passati ormai dodici anni dalla presentazione del primissimo iPhone, quando Steve Jobs al MacWorld Conference & Expo rivelò al mondo intero che il prezzo di lancio sarebbe stato pari a 499 dollari. Per l'epoca si trattava di una cifra considerevole e, tra i vari pareri di spicco a riguardo, uno degli scettici più illustri a dare la propria opinione fu Steve Ballmer, ex Ceo di Microsoft. In sostanza, Ballmer sosteneva che la cifra richiesta da Apple fosse assolutamente troppo alta, special...

    – Infodata

    Deutsche Bank, i tassi negativi Bce fanno perdere 400 milioni

    Chi non vorrebbe avere 100 miliardi depositati sul conto di una banca? A nessuno però piacerebbe sapere che quel deposito fa perdere 400 milioni ogni anno. Soprattutto se quella liquidità non è proprietà privata, ma dei clienti. La cifra dei 100 miliardi depositati e dei 400 milioni persi in un

    – di Alessandro Graziani

    Globalizzazione e smartphone: dove costa meno l'iPhone Xs?

    Sono passati ormai dodici anni dalla presentazione del primissimo iPhone, quando Steve Jobs al MacWorld Conference & Expo rivelò al mondo intero che il prezzo di lancio sarebbe stato pari a 499 dollari. Per l'epoca si trattava di una cifra considerevole e, tra i vari pareri di spicco a riguardo, uno degli scettici più illustri a dare la propria opinione fu Steve Ballmer, ex Ceo di Microsoft. In sostanza, Ballmer sosteneva che la cifra richiesta da Apple fosse assolutamente troppo alta, special...

    – Fabio Fantoni

1-10 di 3756 risultati