Aziende

Deutsche Bank

Deutsche Bank è una banca leader in Germania e in Europa, presente anche in Nord America, Asia e nei mercati emergenti, che conta circa 80.000 dipendenti, in 2790 filiali distribuiti in 70 Paesi e 20 milioni di clienti. Deutsche Bank è organizzata in 3 divisioni di business: corporate and investment bank, private clients and asset management e corporate investments. In Italia secondo mercato dopo la Germania conta 620 punti vendita e più di 2 milioni di clienti. La banca è quotata a Piazza Affari.

Il maggiore azionista del gruppo è il conglomerato cinese Hna che ha quasi 10%, insieme a due fondi dell'emiro del Qatar, seguito da BlackRock con il 5,9 percento (dati maggio 2017).

Il gruppo ha annunciato nel 2015 di voler tagliare 9000 posti di lavoro entro il 2018 e ha registrato diverse perdite per 5 miliardi causa di svalutazioni, multe e accontonamenti per rischi giuridici (è coinvolta in migliaia di procedimenti giudiziari). A settembre del 2016 il dipartimento di giustizia americano ha inflitto una multa di 14 miliardi di euro a Deutsche Bank per lo scandalo dei mutui subprime che la vede coinvolta. Dopo una perdita netta di 1,4 miliardi di euro nel 2016, che si aggiunge ai 6,8 miliardi del 2015, ad aprile 2017 ha varato un aumento di capitale di 8 miliardi.

La storia
Fondata nel 1870 a Berlino, Deutsche Bank è nata con l’obiettivo di promuovere il commercio tra la Germania, i paesi europei e i mercati d'oltremare. Questa vocazione internazionale dell’istituto tedesco, si sviluppa fin da subito e solo tre anni dopo la sua fondazione, sono state aperte filiali a Londra, Yokohama e Shanghai. A fine Ottocento Deutsche Bank si è alleata con le principali banche regionali tedesche per sostenere gli sforzi dell'industria nazionale all'estero.

Dopo le guerre mondiali e con la costituzione della Repubblica Federale Tedesca, la frammentazione che aveva smembrato l’istituto viene a cadere e nel 1957 torna in vita la Deutsche Bank. Negli anni Cinquanta, quando la Germania è diventata il motore dell'economia europea, Deutsche Bank è ritornata a puntare sulla sua internazionalizzazione e a partire dal 1973, anno in cui ha aperto un ufficio a Mosca, ha sviluppato la sua presenza a Londra, Tokyo, Bruxelles, Anversa, New York, Parigi, Madrid, Hong-Kong, Nuova Delhi, Budapest, Varsavia, Praga, Hanoi, Kiev e in molte altre città. Dal 1977 è presente in Italia, anche attraverso le acquisizioni della Banca d’America e d’Italia, della Banca Popolare di Lecco e del network di promozione finanziaria Finanza & Futuro Banca.



Ultimo aggiornamento 04 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Europa | America del Nord | Banca d'America e d'Italia | Asia | Finanza & Futuro | Banca Popolare di Lecco |

Ultime notizie su Deutsche Bank

    Sewing (Deutsche Bank) promette tagli ma il titolo scivola ai minimi

    L'assemblea degli azionisti di Deutsche Bank non è riuscita a decollare alla Fiera di Francoforte sui migliori auspici, come avrebbe voluto il neo-ad Christian Sewing che nel suo discorso di apertura ha fatto un lungo elenco di obiettivi raggiunti per dimostrare che la banca è «sulla strada giusta» e ha lanciato promesse di breve termine, RoTe (Return on tangible equity, un indicatore che misura la redditività operativa di una banca) sopra il 4% quest'anno, e oltre il 10% nel...

    – di Isabella Bufacchi

    Trump, il Congresso avrà accesso a dichiarazioni dei redditi e conti

    Il giudice di New York Edgardo Ramos ha respinto l'istanza del presidente, dei suoi tre figli e della sua fondazione, la Trump Organization, per impedire a Deutsche Bank e Capital One di fornire i documenti richiesti da due Commissioni della Camera che indagano sulle attività finanziarie della famiglia Trump e sui fondi utilizzati per pagare la campagna elettorale che sarebbero dietro al Russiagate.

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Commerzbank, le possibili fusioni tengono banco all'assemblea degli azionisti

    GUARDA IL VIDEO / Salta il supermatrimonio tra Deutsche Bank e Commerz ... I contatti con Deutsche Bank sono stati definiti come «giusti e importanti» ma la fusione si sarebbe potuta fare solo se avesse risposto a tre decisive domande-obiettivo: 1) raggiungere risultati velocemente; 2) offrire ai clienti servizi migliori 3) creare valore per gli azionisti.

    – di Isabella Bufacchi

    Mps, le richieste del pm dopo un'inchiesta lunga 6 anni

    I pm del caso Monte dei paschi di Siena hanno avanzato le loro richieste: la condanna dell'ex presidente Giuseppe Mussari, dell'ex dg Antonio Vigni e dell'ex direttore finanziario Gianluca Baldassarri rispettivamente a 8 anni e 4 milioni di multa per i primi due e a 6 anni e 1,5 milioni di multa

    – di Sara Monaci

    Unicredit, Mediobanca boccia Commerz: «It's not time to make a change»

    Unicredit sotto i riflettori mentre il mercato continua a interrogarsi sull'ipotesi che la banca guidata da Jean Pierre Mustier abbia allo studio una fusione con Commerzbank, sebbene due giorni fa l'istituto abbia dichiarato di essere impegnato unicamente nella realizzazione del piano industriale

    – di Eleonora Micheli

    Mps: pm Milano chiede condanna a 8 anni per ex presidente Mussari

    Il pm di Milano Giordano Baggio, titolare dell'inchiesta insieme a Stefano Civardi e Mauro Clerici, ha chiesto una condanna a 8 anni di reclusione e a una multa di 4 milioni di euro per l'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari, nell'ambito del processo su una serie di operazioni finanziarie

    «Banche europee, grandi fusioni o rischio sindrome giapponese»

    «Nell'ultimo anno l'esigenza di un processo di aggregazioni cross-border nel settore bancario europeo non si è ridotta. Anzi, è aumentata perché la redditività è sempre più condizionata negativamente dal rallentamento dell'economia e dallo scenario di tassi di interesse vicini allo zero per un

    – di Alessandro Graziani

    Commerz con Ing o UniCredit? La doppia partita su sede e bonus

    UniCredit andrà davvero all'assalto di Commerzbank? L'indiscrezione sulla possibile entrata in campo degli advisor Lazard e JP Morgan, con quest'ultima che per la verità è consulente stabile del ceo Jean Pierre Mustier in ogni operazione, fa pensare cheUnicredit (24 miliardi di capitalizzazione di

    – di Alessandro Graziani

    L'orario di lavoro? Corte Ue: imprese obbligate a registrarlo ogni giorno

    L'orario di lavoro dei dipendenti? Va misurato in modo «oggettivo, affidabile e accessibile» ogni giorno e per ciascun lavoratore. A stabilirlo è la massima autorità europea in materia di giustizia: la Corte Ue ha deciso che gli Stati membri devono introdurre l'obbligo per i datori di lavoro di

    – di Fr.Ba.

1-10 di 3695 risultati