Aziende

Deutsche Bank

Deutsche Bank è una banca leader in Germania e in Europa, presente anche in Nord America, Asia e nei mercati emergenti, che conta circa 80.000 dipendenti, in 2790 filiali distribuiti in 70 Paesi e 20 milioni di clienti. Deutsche Bank è organizzata in 3 divisioni di business: corporate and investment bank, private clients and asset management e corporate investments. In Italia secondo mercato dopo la Germania conta 620 punti vendita e più di 2 milioni di clienti. La banca è quotata a Piazza Affari.

Il maggiore azionista del gruppo è il conglomerato cinese Hna che ha quasi 10%, insieme a due fondi dell'emiro del Qatar, seguito da BlackRock con il 5,9 percento (dati maggio 2017).

Il gruppo ha annunciato nel 2015 di voler tagliare 9000 posti di lavoro entro il 2018 e ha registrato diverse perdite per 5 miliardi causa di svalutazioni, multe e accontonamenti per rischi giuridici (è coinvolta in migliaia di procedimenti giudiziari). A settembre del 2016 il dipartimento di giustizia americano ha inflitto una multa di 14 miliardi di euro a Deutsche Bank per lo scandalo dei mutui subprime che la vede coinvolta. Dopo una perdita netta di 1,4 miliardi di euro nel 2016, che si aggiunge ai 6,8 miliardi del 2015, ad aprile 2017 ha varato un aumento di capitale di 8 miliardi.

La storia
Fondata nel 1870 a Berlino, Deutsche Bank è nata con l’obiettivo di promuovere il commercio tra la Germania, i paesi europei e i mercati d'oltremare. Questa vocazione internazionale dell’istituto tedesco, si sviluppa fin da subito e solo tre anni dopo la sua fondazione, sono state aperte filiali a Londra, Yokohama e Shanghai. A fine Ottocento Deutsche Bank si è alleata con le principali banche regionali tedesche per sostenere gli sforzi dell'industria nazionale all'estero.

Dopo le guerre mondiali e con la costituzione della Repubblica Federale Tedesca, la frammentazione che aveva smembrato l’istituto viene a cadere e nel 1957 torna in vita la Deutsche Bank. Negli anni Cinquanta, quando la Germania è diventata il motore dell'economia europea, Deutsche Bank è ritornata a puntare sulla sua internazionalizzazione e a partire dal 1973, anno in cui ha aperto un ufficio a Mosca, ha sviluppato la sua presenza a Londra, Tokyo, Bruxelles, Anversa, New York, Parigi, Madrid, Hong-Kong, Nuova Delhi, Budapest, Varsavia, Praga, Hanoi, Kiev e in molte altre città. Dal 1977 è presente in Italia, anche attraverso le acquisizioni della Banca d’America e d’Italia, della Banca Popolare di Lecco e del network di promozione finanziaria Finanza & Futuro Banca.



Ultimo aggiornamento 04 maggio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Europa | America del Nord | Banca d'America e d'Italia | Asia | Finanza & Futuro | Banca Popolare di Lecco |

Ultime notizie su Deutsche Bank

    Banche, auto, tlc: il risiko stenta. Fusioni e acquisizioni dimezzate

    Fusioni e acquisizioni? Se ne parla molto ma ultimamente si conclude poco, sia in Italia che in Europa. L'ipotesi di merger, tutta in salita, tra Deutsche Banke Commerzbanksta inevitabilmente calamitando in questi giorni l'interesse degli investitori in Europa. Ma anche in Italia c'è un gran

    – di Alessandro Graziani

    Gli errori (altrui) dietro il successo di nexi

    Il nuovo socio di controllo di Nexi continua la politica di acquisizione di società di servizi dalle banche, come il sistema di pagamenti Setefi da Banca Intesa, o quelli di merchant acquiring (gestisce tutti i pagamenti tramite carte per conto dei commercianti) da Mps e Deutsche Bank, o le soluzioni di pagamento automatizzate di Bassilichi (venduta dall'omonima famiglia, insieme a diverse banche).

    – di Alessandro Penati

    Banche, super-bond ma per pochi investitori

    L'ipotesi di fondo è che la Germania, di fronte alla necessità di intervenire pubblicamente per Deutsche Bank, dia il via libera a «un sostegno statale diretto o indiretto - aggiunge Andrea Filtri, analista di Mediobanca - e questo suggerisce come la Germania possa mettere la Brrd e il bail in alle spalle».

    – di Luca Davi

    Europa dell'Est, i crediti deteriorati adesso fanno meno paura

    Un trend che è continuato nel primi sei mesi del 2018 con la cessione da parte di Alpha Bank Romania di un portafoglio di 360 milioni di euro di Npl a un gruppo di operatori tra cui Deutsche Bank, Aps holding e Anacap.

    – di Mara Monti

    Borsa, brusca frenata per Finecobank, Deutsche Bank riduce il rating

    In forte calo tutto il comparto bancario a Piazza Affari anche se spicca il -3,3% di Finecobank che ripiega dai massimi storici. Il titolo della banca, che in apertura di contrattazioni era anche finito in asta di volatilità, paga il downgrade di Deutsche Bank, che ne ha portato il target price da

    – di Cheo Condina

    Deutsche Bank-Commerzbank, la fusione sul viale del tramonto

    Quando Deutsche bank e Commerzbank sono state invitate dal ministro delle Finanze Olaf Scholz a considerare i pro e i contro di una fusione, i vertici delle due banche molto mal volentieri si sono messi a lavoro per accontentare non solo il ministero, perché l'industria privata in Germania non

    – di Isabella Bufacchi

    Nexi, indebitamento in calo ma i multipli sui profitti sono elevati

    Quattro anni fa avevano pagato 2 miliardi per rilevare poco meno dell'intero capitale di Icpbi, a Natale ne erano già rientrati col dividendo straordinario staccato da Nexi, che oggi portano in Borsa. Per i tre fondi di private equity Advent, Bain e Clessidra, riuniti in Mercury, un'operazione da

    – di Antonella Olivieri

    I perché del salvagente tedesco alla Gran Bretagna

    «Brexit o non Brexit, i nostri modelli piacciono e continueranno a piacere nel Regno Unito e noi continueremo a venderli». Così l'amministratore delegato della BMW Harald Krüger ha risposto nei giorni scorsi a chi gli chiedeva se fosse preoccupato per le ricadute sull'industria dell'auto

    – di Isabella Bufacchi

1-10 di 3669 risultati