Daniel Gros è un economista tedesco, attualmente direttore del Centre for European Policy Studies (CEPS), una istituzione di ricerca multidisciplinare il cui ambito di attività varia dai mercati finanziari allo sviluppo sostenibile.

Laureato all'Università "La Sapienza" di Roma, ha ottenuto il Ph.D. in Economia all'Università di Chicago.

Daniel Gros ricopre anche la carica di Vicepresidente, come indipendente, di Eurizon Capital SGR, la società di asset management del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 08 aprile 2018
    Guerre commerciali più difficili da vincere

    Commenti e Idee

    Guerre commerciali più difficili da vincere

    Con i nuovi dazi commerciali stabiliti dal presidente Trump, c’è stata una nemesi storica per gli Usa che non sono più capitani e difensori del sistema commerciale multilaterale globale.

  • 29 gennaio 2018
    Le  virtù della ripresa  che sopravvivono  al Qe

    Commenti e Idee

    Le virtù della ripresa che sopravvivono al Qe

    Durante la crisi dell’euro negli anni 2011-2012, l’area della moneta unica è finita in un “doom loop”, un circolo vizioso in cui alcune banche deboli, ubicate in paesi oppressi da difficoltà finanziarie, hanno razionato il credito provocando una recessione che ha aumentato la pressione sulle

  • 05 agosto 2017
    Il pericoloso successo dei leader illiberali

    Commenti e Idee

    Il pericoloso successo dei leader illiberali

    L’ascesa delle “democrazie illiberali” in Europa è una delle tendenze più nocive del nostro tempo. Questi regimi sono tipicamente centrati su un leader che concentra il potere nelle proprie mani prevaricando – e in alcuni casi eliminando – controlli e bilanci istituzionali. Vladimir Putin in

  • 07 giugno 2017
    La forza latente dell’Eurozona

    Commenti e Idee

    La forza latente dell’Eurozona

    Per anni l’Eurozona è stata percepita come un’area disastrosa, e spesso le discussioni sul futuro dell’unione monetaria hanno paventato un suo possibile crollo. Quando i britannici hanno votato per abbandonare l’Unione europea lo scorso anno, erano spinti in parte dalla percezione che l’Eurozona

  • 15 dicembre 2016
    Se la Trumponomics può  aiutare l’euro

    Commenti e Idee

    Se la Trumponomics può aiutare l’euro

    L’Europa ha appena sostenuto due prove molto difficili. Mentre gli elettori austriaci hanno respinto la possibilità per l’Unione Europea di avere il primo capo di Stato di estrema destra, gli italiani hanno rivolto un monito sferzante al loro governo aprendo alle forze populiste la strada per la

    Se la Trumponomics può aiutare l'euro

    Commenti e Idee

    Se la Trumponomics può aiutare l'euro

    L’Europa ha appena sostenuto due prove molto difficili. Mentre gli elettori austriaci hanno respinto la possibilità per l'Unione Europea di avere il primo capo di Stato di estrema destra, gli italiani hanno rivolto un monito sferzante al loro governo aprendo alle forze populiste la strada per la

  • 13 maggio 2016
    Limiti elastici per i titoli sovrani

    Commenti e Idee

    Limiti elastici per i titoli sovrani

    Nelle ultime settimane si è potuto assistere nella stampa e politica italiana a una levata di scudi generalizzata contro l’idea di fissare dei tetti all’esposizione delle banche verso il loro debito sovrano.

    Limiti elastici per i titoli sovrani

    Commenti e Idee

    Limiti elastici per i titoli sovrani

    Nelle ultime settimane si è potuto assistere nella stampa e politica italiana a una levata di scudi generalizzata contro l’idea di fissare dei tetti all’esposizione delle banche verso il loro debito sovrano.

  • 20 aprile 2016
    Lo spauracchio della deflazione

    Commenti e Idee

    Lo spauracchio della deflazione

    Le banche centrali dislocate nei Paesi sviluppati sono state travolte dal timore della deflazione. Ma non dovrebbero: il timore è infondato e l’ossessione che ne consegue dannosa.

  • 01 aprile 2016
    La  globalizzazione segna il passo

    Commenti e Idee

    La globalizzazione segna il passo

    La Cina ha recentemente annunciato che l’anno scorso le esportazioni sono diminuite su base annua. E non è tutto: nel 2015, il commercio globale si è ridotto in termini di valore. La domanda ovvia è perché. Il commercio globale è diminuito anche nel 2009, ma la spiegazione era evidente: al tempo,

  • 11 settembre 2015
    Migranti, l’Europa è sotto assedio?

    Mondo

    Migranti, l’Europa è sotto assedio?

    Molti europei sentono che i loro Paesi sono stati presi d'assalto dal grande flusso di migranti che ha attraversato le frontiere. Che si siano confrontati direttamente con l'emergenza profughi o solo attraverso le immagini dei giornali, gli europei sono perfettamente consapevoli della massa di

  • 08 agosto 2015
    Perché Atene non si è  presa una pausa dall’euro

    Commenti e Idee

    Perché Atene non si è presa una pausa dall’euro

    Nei primi sei mesi di quest’anno – da quando a gennaio è arrivato al governo Syriza, partito di estrema sinistra e anti-austerity – la saga greca praticamente ha monopolizzato l’attenzione dei policy-maker europei.

  • 17 febbraio 2015
    Grecia, senza troika sarebbe peggio. Per Tsipras luna di miele finita

    Commenti e Idee

    Grecia, senza troika sarebbe peggio. Per Tsipras luna di miele finita

    Da quando Syriza, fautore dell'anti-austerità, ha vinto le elezioni in Grecia, il problema “greco” preoccupa i mercati e i policy maker in tutta Europa. Molti ritengono che si possa verificare un imminente default di Atene e l'uscita dall'Eurozona.

    Un terzo bailout per la Grecia? Costa almeno 60 miliardi di euro

    Mondo

    Un terzo bailout per la Grecia? Costa almeno 60 miliardi di euro

    Zsolt Darvas, economista al “think tank” Bruegel di Bruxelles ed esperto di Grecia, stima che, se il governo Tsipras dovesse ottenere la riduzione dell’avanzo primario dal 3% nel 2015 e del 4,5% nel 2016 del Pil, all’1,5% servirebbero altri prestiti da parte dei creditori internazionali per circa