Aziende

Intesa SanPaolo

Intesa SanPaolo è una delle più grandi banche europee.

Intesa SanPaolo è nata nel 2007 dall'unione tra Banca Intesa e SanPaolo IMI. Queste due banche, che al momento della fusione erano tra le maggiori in Italia, a loro volta sono il frutto di numerose fusioni che hanno riguardato marchi storici del settore italiano quali Cariplo, Banco Ambroveneto, Banca Commerciale, Banco Ambrosiano, IMI e diversi altri.

La società è quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Intesa SanPaolo è attiva in numerosissimi settori dell'attività bancaria, pur fondando principalmente la sua attività su quella di banca commerciale. Per la banca è fondamentale la vicinanza al cliente, per il quale ha creato la cosiddetta “banca dei territori”, con una forte presenza sul territorio nazionale e rivolta ai privati e alle piccole imprese. Intesa SanPaolo conta infatti oltre 5000 filiali e 11 milioni di clienti retail.

Intesa SanPaolo è inoltre presente nel settore della bancassicurazione, in particolare con i marchi EurizonVita e IntesaVita. Si occupa anche di investment banking e corporate banking, di public finance e di online banking. In molti dei settori in cui opera è la prima a livello italiano per quota di mercato. Il gruppo Intesa SanPaolo comprende oggi numerosi marchi diffusi sul territorio, come Banco di Napoli, Cassa di Risparmio di Firenze e molti altri istituti controllati.

Intesa SanPaolo è al centro di un importante intreccio di partecipazioni. Tra i suoi principali azionisti vi sono Crédit Agricole, Assicurazioni Generali, Barclays, ed altri grandi istituti finanziari. A sua volta Intesa SanPaolo ha importanti partecipazioni in grandi aziende italiane, come Telecom.

Il 20 luglio del 2015, Banca di Trento e Bolzano (Bank für Trient und Bozen) e Banca Monte Parma, sono state incorporate in Intesa Sanpaolo.

Il 23 novembre 2015 Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo, Cassa di Risparmio di Rieti e Cassa di Risparmio di Civitavecchia sono state fuse per incorporazione in Intesa Sanpaolo, mentre il 16 maggio del 2016 Banca dell'Adriatico si fonde per incorporazione in Intesa Sanpaolo.

Il 21 giugno 2017 Intesa ha formalizzato l’acquisto a un prezzo simbolico di 1 euro, degli asset ripuliti dai crediti deteriorati, di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca.

Intesa SanPaolo è presieduta dal 27 aprile del 2016 da Gian Maria Gros-Pietro ed il suo amministratore delegato è Carlo Messina.

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Intesa Sanpaolo | Banca | Telecom | Banco di Napoli | Banco Ambroveneto | Istituto mobiliare italiano | Crédit Agricole | Generali |

Ultime notizie su Intesa SanPaolo

    Cessione Sorgenia, F2i in campo con il fondo Asterion Capital

    Nell'ambito di un aumento di capitale F2i potrebbe conferire alcuni asset rinnovabili già in portafoglio mentre Asterion metterebbe a disposizione mezzi freschi per liquidare parte delle banche socie (Mps, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Ubi e Banco Bpm) del gruppo energetico.

    – Carlo Festa

    Mille startup in gara per il programma di accelerazione B Heroes

    E' entrata nel vivo, e vede in corsa oltre mille startup ad alto contenuto di innovazione e con sede operativa in Italia, la terza edizione di B Heroes, il programma di accelerazione e investimento ideato da lm Foundation con la collaborazione di Intesa Sanpaolo, che dal 2018 ad oggi ha erogato oltre 80 milioni di euro a favore di circa 2.400 imprese innovative.

    – di G.Rus.

    Dal vending allo shopping online: Neva investe in Matipay

    Intesa Sanpaolo, attraverso Neva Finventures, fa il suo ingresso nel capitale di MatiPay, startup fintech nata dalla divisione Iot di Sitael, società del gruppo pugliese Angel (holding attiva nei mercati del railway, dell'aerospazio e... Neva Finventures è il corporate venture capital (100 milioni la dotazione di capitale iniziale) dell'istituto che fa capo a Intesa Sanpaolo innovation center e che ha come mission proprio l'investimento in società fintech e in startup...

    – di Matteo Meneghello

    Europa rialza la testa e chiude positiva, venti di guerra favoriscono petrolio

    Dopo un avvio in salita, i mercati hanno trovato la strada dei rialzi nonostante lo scetticismo che sembra prevalere in attesa del nuovo round negoziale Usa-Cina in programma giovedì per cercare di risolvere le dispute commerciali e nonostante le notizie che giungono dal Medio Oriente dove la Turchia appare decisa a invadere il nord della Siria con il via libera della Casa Bianca.

    – di Andrea Fontana e Corrado Poggi

1-10 di 9016 risultati