Le nostre Firme

Michael Spence

Michael Spence è professore emerito in Management presso la Business School dell'Università di Stanford. Da Settembre 2010 ricoprirà l'incarico di professore di Economia alla Stern School of Business della New York University.

Nato nel 1943, Michael Spence ha ottenuto il Ph.D. all'Università di Oxford nel 1972. Nel 2001 è stato insignito del Premio Nobel per l'Economia insieme ad Akerlof e Stiglitz per gli studi sui mercati in presenza di asimmetrie informative.

Michael Spence presiede la Commissione sulla crescita e lo sviluppo, un organismo di ricerca indipendente, sostenuto dalla Banca Mondiale, per lo studio di soluzioni che assicurino crescita economica rapida e sostenuta allo scopo di ridurre la povertà nei Paesi in via di sviluppo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Michael Spence
    • News24

    Quell'impegno dedicato a produttività e benessere

    Condizioni favorevoli sui mercati internazionali, un policy mix europeo complessivamente benevolo, riforme in vari ambiti che incoraggiano la ripresa della domanda interna e l'inusuale continuità nella gestione dell'economia (dal 1946, sono solo due i ministri rimasti in carica consecutivamente più

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    Potere e influenza economica migrano a Oriente

    Agli economisti come me sono rivolte domande ricorrenti che possono offrire informazioni utili sulle decisioni di aziende, individui e istituzioni in settori quali investimenti, istruzione e lavoro, nonché rispetto alle loro aspettative politiche.

    – di Michael Spence

    • News24

    La Cina di Xi e il ruolo dell'Italia

    E' una formula ormai ultra-abusata quella del batter d'ali geopolitico in un qualsiasi luogo remoto che può scatenare un tornado economico ovunque del mondo. Ma non c'è alcun dubbio che ciò che accade a Pechino, sempre più centro del potere globale, incide profondamente sulla realtà delle aziende,

    – di Andrea Goldstein

    • News24

    Il premio Nobel Stiglitz: «Tassate Google, non i robot»

    «Molti studiosi di economia non pensano all'automazione, si concentrano su tesi astratte. Ma sforzarsi di capire robot e intelligenza artificiale significa capire come si evolverà il mondo». Joseph Stiglitz, oggi in cattedra alla Columbia di New York, è l'economista americano che ha rivoluzionato

    – di Alberto Magnani

    • News24

    I tecnocrati che faranno la differenza nella Cina di Xi

    Gran parte dell'interesse dei media internazionali per il congresso del Partito comunista cinese si è focalizzato su chi occuperà i ruoli chiave nella presidenza di Xi Jinping nei prossimi cinque anni.

    – di Michael Spence

    • News24

    Vincenti solo i modelli di crescita inclusivi

    Molti anni fa ho avuto il privilegio di presiedere una commissione sulla crescita dei Paesi in via di sviluppo. I suoi membri avevano una grande esperienza economica, politica e sociale del mondo in via di sviluppo e, nonostante le loro differenze, tutti concordavano su alcuni punti cruciali. Due

    – di Michael Spence

    • News24

    La Cina alla sfida del multilateralismo

    In un recente commento per il South China Morning Post, Helen Wong, amministratore delegato di Hsbc per l'area della Grande Cina, dimostra che la generazione cinese emergente di 400 milioni di giovani consumatori costituirà presto più della metà del consumo nazionale del Paese.

    – di Michael Spence

    • Econopoly

    Dove investire nei prossimi anni spiegato passo dopo passo

    A un occhio poco attento il 2017 sembra "un anno buono", e per molti versi lo è. La prima metà del 2017 (H1-2017) ha registrato una performance positiva. L'economia globale pare in recupero: il commercio è in espansione, la crescita ha accelerato.  Nella H2-2017 queste tendenze continueranno. Bisogna dire grazie all'abbondante liquidità immessa dalle banche centrali. La ripresa sopradescritta è ciclica, non strutturale, ed è in gran parte aiutata dalla liquidità. Tra agosto 2016 e agosto 2017 l...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    Se la politica non sostiene l'economia

    D'estate, mentre la vita rallenta, c'è spazio per riflettere su questioni fondamentali. Uno dei principali rompicapo che ultimamente occupano la mia mente è costituito dalla discrepanza tra la generalizzata disfunzione politica e la performance relativamente forte del mercato economico e

    – di Michael Spence

1-10 di 177 risultati