Le nostre Firme

Michael Spence

Michael Spence è professore emerito in Management presso la Business School dell'Università di Stanford. Da Settembre 2010 ricoprirà l'incarico di professore di Economia alla Stern School of Business della New York University.

Nato nel 1943, Michael Spence ha ottenuto il Ph.D. all'Università di Oxford nel 1972. Nel 2001 è stato insignito del Premio Nobel per l'Economia insieme ad Akerlof e Stiglitz per gli studi sui mercati in presenza di asimmetrie informative.

Michael Spence presiede la Commissione sulla crescita e lo sviluppo, un organismo di ricerca indipendente, sostenuto dalla Banca Mondiale, per lo studio di soluzioni che assicurino crescita economica rapida e sostenuta allo scopo di ridurre la povertà nei Paesi in via di sviluppo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Michael Spence
    • News24

    La Cina alla sfida del multilateralismo

    In un recente commento per il South China Morning Post, Helen Wong, amministratore delegato di Hsbc per l'area della Grande Cina, dimostra che la generazione cinese emergente di 400 milioni di giovani consumatori costituirà presto più della metà del consumo nazionale del Paese.

    – di Michael Spence

    • Econopoly

    Dove investire nei prossimi anni spiegato passo dopo passo

    A un occhio poco attento il 2017 sembra "un anno buono", e per molti versi lo è. La prima metà del 2017 (H1-2017) ha registrato una performance positiva. L'economia globale pare in recupero: il commercio è in espansione, la crescita ha accelerato.  Nella H2-2017 queste tendenze continueranno. Bisogna dire grazie all'abbondante liquidità immessa dalle banche centrali. La ripresa sopradescritta è ciclica, non strutturale, ed è in gran parte aiutata dalla liquidità. Tra agosto 2016 e agosto 2017 l...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    La giusta misura della produttività

    Gli economisti si occupano non solo di affrontare con attenzione domande difficili, ma anche della loro stessa formulazione. A volte, il ripensare tali domande può essere la chiave per trovare le risposte di cui abbiamo bisogno.Si consideri il dibattito sulla produttività. Gli economisti che

    – di Michael Spence e Sandile Hlatshwayo

    • News24

    Nobel e cultura rilanciano Iseo

    Poca industria? Pazienza. Per Iseo il motore dell'economia è altrove, in una serie di iniziative culturali che puntano ad attrarre nel piccolo centro bresciano un turismo di qualità. Soggetti ad alta capacità di spesa, che riempiono alberghi e ristoranti della cittadina sulle sponde dell'omonimo

    – di Luca Orlando

    • News24

    L'allarme di Pimco: probabile una recessione mondiale entro il 2022

    Se i mercati sembrano aver inforcato gli occhiali rosa, con Wall Street a ridosso dei massimi storici, a riportare tutti con i piedi per terra è Pimco. Nel suo ultimo outlook, fresco di stampa, il colosso mondiale del risparmio (oltre 1500 miliardi di dollari di masse gestite) lancia l'allarme:

    – di Enrico Marro

    • News24

    I benefici e i doveri di un'economia aperta

    Il termine "apertura" ha due significati connessi tra loro ma anche distinti. Può riferirsi a qualcosa di illimitato, accessibile e finanche vulnerabile, oppure a qualcosa, magari una persona o un'istituzione, che è trasparente invece che riservato. Il primo significato viene spesso applicato al

    – di Michael Spence

    • News24

    Perché il "nuovo" Trump non vede l'ora di incontrare Macron

    NEW YORK - Davanti ai risultati delle elezioni francesi ci sono due americhe, l'America degli Alt Right, degli estremisti di destra, che avrebbe voluto una sconfitta di Emmanuel Macron alle elezioni francesi, e l'America tradizionalista e multilaterale, che avrebbe considerato una vittoria della Le

    – di Mario Platero

    • News24

    Non basta Macron a salvare l'Europa

    Il primo turno delle elezioni francesi ha fatto registrare un esito molto vicino alle aspettative: il centrista Emmanuel Macron è risultato primo, con il 24% dei voti, battendo di un soffio Marine Le Pen del Fronte Nazionale di estrema destra. Salvo clamorosi rovesciamenti, oggi Macron vincerà il

    – di Michael Spence

    • News24

    Lettera di 25 Nobel per l'economia contro il programma anti-europeo di Le Pen

    «Alcuni di noi, laureati del premio Nobel di economia, sono stati citati da candidati all'elezione presidenziale francese, soprattutto da Marine Le Pen e il suo staff, per giustificare un programma politico sulla questione dell'Europa. I firmatari di questa lettera hanno delle posizioni diverse sui

1-10 di 170 risultati