Ultime notizie:

Zonin1821

    Benetton entra con 21 Invest nell'azienda vinicola di Zonin

    Riassetto azionario per il gruppo Zonin1821, azienda vitivinicola leader a livello italiano e internazionale. ... Grazie all’aumento di capitale, 21 Invest diventerà azionista di Zonin1821 con una quota del 36%. ... Un piano che rappresenta un nuovo step di sviluppo per Zonin1821, che oggi genera un fatturato di circa 200 milioni, di cui l’85% realizzato all’estero in più di 100 paesi, e la cui attività è cresciuta a ritmi sostenuti e costanti nel corso dell’ultimo decennio.

    – di Carlo Festa

    L'alleanza tra 21 Investimenti e Aberdeen punta a una minoranza dei vini Zonin

    L'alleanza tra 21 Investimenti e Aberdeen mette nel radar una minoranza nei vini Zonin. Secondo indiscrezioni la famiglia Zonin, aiutata dall'advisor Mediobanca, sarebbe sul punto di individuare un investitore di minoranza per la casa vinicola. L'operazione prevederebbe un aumento di capitale da circa 70 milioni . E il candidato sarebbe proprio 21Asi, cioè 21 Aberdeen Standard Investments Limited, fondato da 21 Partners e dal l fondo scozzese quotato a Londra, come joint venture al 50%, che ha ...

    – Carlo Festa

    Made in Italy a tavola in vetrina sulla terrazza di Selfridges a Londra

    Appuntamento il 27 giugno a Londra sul rooftop di Selfridges, all'ultimo piano ha sede Alto (nella foto) di San Carlo Group, big della ristorazione italiana nel mondo (fa capo alla famiglia Distefano) con 60milioni di sterline di fatturato e ristoranti anche a Bangkok, Qatar, Bahrain e Riyad. All'opera per l'evento eno-gastronomico alcuni fra noti chef italiani a nord a sud : Alessandro Negrini e Fabio Pisani (Il Luogo di Aimo e Nadia  Milano); Annie Féolde e Alessandro Della Tommasina (Enoteca ...

    – Vincenzo Chierchia

    Vini Zonin, riassetto azionario in dirittura finale

    Riassetto in dirittura finale per i vini Zonin. Secondo indiscrezioni la famiglia Zonin, aiutata dall'advisor Mediobanca, avrebbe individuato un investitore di minoranza per la casa vinicola. L'operazione prevederebbe un aumento di capitale da circa 70 milioni di euro. Casa Vinicola Zonin 1821, è una delle maggiori aziende del settore, con una importante propensione all'export (circa il 90% dei ricavi viene generato fuori dall'Italia). Nei mesi passati erano usciti alcuni nomi di potenziali in...

    – Carlo Festa

    Vini Zonin, 70 milioni di aumento per fondo Usa: ma c'è l'ombra Popolare di Vicenza

    Settanta milioni di euro. E' più o meno la cifra necessaria per l'aumento di capitale che la famiglia Zonin, aiutata dall'advisor Mediobanca, avrebbe in mente per la controllata Casa Vinicola Zonin 1821, una delle maggiori aziende del settore, con una importante propensione all'export (circa il 90% dei ricavi viene generato fuori dall'Italia). Il nuovo socio, secondo le attese, dovrebbe essere preferibilmente straniero. L'obiettivo sarebbe infatti quello della crescita internazionale del gruppo,...

    – Carlo Festa

    A Masi Agricola il Wine Excellence Award 2017

    Sandro Boscaini, con Masi Agricola, di cui è presidente e CEO, "è stato un pioniere nel far conoscere nel mondo la sua Valpolicella e l'Amarone, valorizzando come pochi la tradizione dell'appassimento delle uve e la cultura veneta", meritando il titolo di "Mister Amarone". Si apre così la

    La sfida americana di Zonin e la conversione al biologico

    "Spostare il baricentro degli investimenti dall'Italia agli Stati Uniti. Con un rafforzamento della produzione e della distribuzione": prende lentamente forma il progetto americano del gruppo Zonin1821 secondo le anticipazioni del suo presidente, Domenico Zonin, alla vigilia di Sicilia En Primeur (28-29 aprile). I dettagli dovrebbero essere annunciati in occasione di Vinexpo, in giugno a Bordeaux. Oggi però si sa che il gruppo di Gambellara ha un ambizioso piano strategico per gli Stati Uniti: ...

    – Emanuele Scarci

    Cantine Zonin chiude un 2016 record e punta sulle linee I Classici e Il Castello del Poggio

    Un 2016 frizzante per Zonin1821 nonostante la debolezza della sterlina. Un incidente di percorso ma che rientra nel novero delle possibilità di un gruppo fortemente internazionalizzato: l'87% dei ricavi è realizzato all'estero. Il gruppo vitivinicolo veneto ha chiuso l'esercizio 2016 con un fatturato consolidato di 193,3 milioni, +3,7%; l'Ebitda è passato da 11,2 a 14,3 milioni (7,4% sul valore della produzione) e l'utile è balzato da  641 mila euro a 5,1 milioni. L'azienda avrebbe potuto doppi...

    – Emanuele Scarci

1-10 di 14 risultati