Ultime notizie:

Zoncolan

    Tornanti, nuvole e sudore

    «Marco, perché vai così forte in salita?», gli avevano chiesto un giorno al Tour. «Io scatto in salita per rendere più breve l'agonia», parola di Marco Pantani, Giro e Tour 1998 da dominatore e decine di ascese entrate nella storia del ciclismo. Sì, le ascese, come una via di redenzione verso le

    – di Maria Luisa Colledani

    Week end di tradizione/In Friuli nella Carnia per Fasin la mede

    Natura selvaggia e silenziosa, un patrimonio d'arte e storia che ben poche zone di montagna possono vantare, tradizioni antiche e prodotti genuini. Tutto questo, e molto altro ancora, è Carnia dove anche quest'anno a Sutrio, torna la tradizionale manifestazione "Fasin la mede", ovvero "Facciamo i

    L'ultima fuga del Pirata

    L'ultimo scatto del Pirata. Così i suoi tifosi, o forse tutti gli appassionati di ciclismo, amano ricordare la penultima tappa del Giro d'Italia del 2003, con partenza da Canelli (sulle Langhe) e arrivo a Cascata del Toce, sotto la diga di Morasco. Era il 30 maggio: il giorno precedente, Marco

    Tappa accorciata per la fine del Giro d'Italia: ciclisti contro le buche di Roma

    Cala il sipario sul Giro d'Italia. Un giro da cartolina. Purtroppo macchiato da un finale rocambolesco da commedia all'italiana. Le buche di Roma, ultima tappa della corsa rosa, si sono dimostrate molto più pericolose della discesa del Sestiere o dello sterrato del Colle delle Finestre. I romani ci

    – di Dario Ceccarelli

    Basta ribaltoni, il Giro va a Chris Froome. Dumoulin secondo

    Un Giro che lascia ancora senza fiato per tutto quello che è successo. Lo stesso Froome, che pure ha già vinto 4 Tour de France e una Vuelta di Spagna, alla fine è frastornato ed emozionato come uno stagista. Non si rende ben conto di quello che ha fatto. Guarda nel vuoto. Cerca conferme dai

    – di Dario Ceccarelli

    Giro d'Italia 2018: si ritira Fabio Aru

    Finisce in anticipo il Giro d'Italia 2018 di Fabio Aru. L'azzurro dell'UAE Team Emirates si presentava alla partenza della diciannovesima tappa con addirittura 45'44" di ritardo rispetto all'attuale maglia rosa, indossata da Simon Yates della Mitchelton-Scott. Con la partenza prevista da Venaria

    – a cura di Datasport

    Giro d'Italia: Yates fa il tris in maglia rosa. Si stacca Froome, tracollo di Aru

    Che meraviglia! Simon Yates, al traguardo di Sappada, rimette le cose a posto. E chiarisce chi comanda al Giro vincendo in solitaria la sua terza tappa dopo quelle di Campo Imperatore e Osimo. Una vittoria perentoria, quella della maglia rosa. Che non lascia margini di dubbio. E che arriva subito

    – di Dario Ceccarelli

    Sullo Zoncolan, primo Froome. Yates, secondo, conserva la maglia rosa

    Sullo Zoncolan sventola la bandiera di sua maestà britannica. Doveva essere il giorno della verità. E così è stato. La Montagna Sacra di questo Giro d'Italia ha dato la sua sentenza. Una sentenza che porta con sé una sorpresa. Il britannico Chris Froome esce dalla sua personalissima eclissi durata

    – di Dario Ceccarelli

1-10 di 113 risultati