Aziende

Zanichelli

Storica casa editrice italiana, fondata da Nicola Zanichelli a Modena nel 1859, Zanichelli ha un catalogo che comprende oltre 1.800 titoli e una produzione di opere che supera le 250 all’anno e che sono tutte concentrate nei settori educativo (libri per le scuole medie, superiori e Università), professionale (testi giuridici e di medicina), delle opere di consultazione (dizionari e atlanti), della divulgazione scientifica e dell’architettura. Spostata la sua sede a Bologna nel 1866, Zanichelli ha da allora avuto nella città il ruolo di punto di riferimento della cultura, pubblicando, tra le altre, le opere dei poeti Giosuè Carducci e Giovanni Pascoli. Altra grande vocazione della casa editrice è stata da sempre quella di voler curare la diffusione della cultura scientifica in Italia. Proprio Zanichelli infatti ha tradotto per la prima volta in italiano le opere di Charles Darwin (nel 1864) e di Albert Einstein (nel 1921). Ad oggi Zanichelli ha tradotto oltre 400 testi fondamentali di scienze naturali, fisica, chimica, matematica, economia, medicina, psicologia, linguistica, archeologia, architettura e vanta tra i suoi autori diversi premi Nobel per la Medicina, la Fisica e l’Economia. A partire dal 1941 Zanichelli ha iniziato a pubblicare il “Vocabolario della Lingua Italiana” redatto dallo studioso Nicola Zingarelli. A partire dal 1993, arrivata alla sua dodicesima edizione l’opera è divenuta il primo vocabolario italiano ad essere aggiornato nelle sue voci ogni anno. Proprio quello delle opere di consultazione è diventato il più importante ramo editoriale di Zanichelli: attualmente conta oltre 200 titoli e molte delle opere sono pubblicate in coedizione con importanti editori stranieri come Klett, McGraw-Hill, Biblograf, Hachette. Inoltre la casa editrice pubblica, aggiornando annualmente le versioni fin dal 1988, il Codice Civile e il Codice Penale.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Letteratura | Nicola Zanichelli | Giosuè Carducci | Giovanni Pascoli | Charles Darwin | Albert Einstein | Hachette | Italia | Biblograf |

Ultime notizie su Zanichelli

    Inclusione ed educazione finanziaria: la necessità di un approccio integrato

    Post di Giorgio Mattarella, dottorando di ricerca presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo; dottorando di ricerca in cotutela presso l'Universitat de València -  Secondo la definizione della Commissione UE, l'esclusione finanziaria consiste nelle difficoltà che incontrano gli individui nell'accesso e nell'utilizzo di prodotti e servizi finanziari, adeguati ai loro bisogni e che gli consentano di condurre uno stile di vita normale (1). Il tema dell'inclusio...

    – Econopoly

    Invecchiando si impara: l'età influenza il valore del tempo (e del risparmio)

    «Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me ne chiede, lo so bene: ma se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so: così, in buona fede, posso dire di sapere che se nulla passasse, non vi sarebbe il tempo passato, e se nulla sopraggiungesse, non vi sarebbe il tempo futuro, e se nulla fosse, non vi sarebbe il tempo presente. Ma in quanto ai due tempi passato e futuro, in qual modo essi sono, quando il passato, da una parte, più non è, e il futuro, dall'altra, ancora non è? In quanto ...

    – TEDxUNICATT

    Decreto fiscale / Giochi: Preu dal 9 al 10% sulle videolottery

    Videlottery più costose per disincentivare il settore dell'azzardo e premiare chi le dismette nei propri locali. E' l'obiettivo dell'emendamento di Davide Zanichelli e Luca Migliorino (M5S) che aumenta il Prelievo erariale unico sulle videolottery dal 9 al 10 per cento. «L'azzardo è un

    Un Centro nazionale di crittografia per proteggere Pa e aziende private

    Un emendamento di M5S al decreto legge sul perimetro nazionale cibernetico sollecita l'istituzione di un Centro nazionale di crittografia da istituire presso la Presidenza del Consiglio dei ministri. Il Centro deve «fornire sistemi di cifratura alla Pubblica amministrazione ma anche alle aziende private» spiega la proposta normativa. Oggi, lunedì 14 ottobre, si chiude il termine per gli emendamenti alle commissioni Affari Costituzionali e Trasporti della Camera

    – di Marco Ludovico

    Ma abbandonare i concorsi è un errore

    Il professor Braga ha lanciato giorni fa da queste pagine una provocazione: abolire i concorsi pubblici all'Università, da lui defniti procedure con meccanismi "complicati" che darebbero luogo solo a contenziosi e ricorsi, in modo che i dipartimenti possano reclutare e promuovere alla luce del sole

    – di Giambattista Scirè

1-10 di 102 risultati