Aziende

Youtube

Creato nel 2005 da tre soci, Chad Hurley, Steve Chen e Jawed Karim, Youtube è il primo e più famoso sito internet per video sharing, ovvero per la condivisione di filmati. Il primo video caricato, il 23 aprile dello stesso anno, è stato “Me at the zoo” da Jawed Karim, filmato della durata di 19 secondi che è stato girato di fronte alla gabbia degli elefanti dello zoo di San Diego. Già nel giugno del 2006 però i dati forniti dall’azienda stessa hanno indicato in cento milioni il numero di video visti ogni giorno dagli utenti di Youtube. A tutt’oggi in media sono circa 100mila i filmati che vengono messi ogni giorno sui server della società che ha sede nella località di San Bruno, in California. L’accesso al portale per la visione dei filmati è gratuito, come anche l’upload dei video: solamente, per poter effettuare quest’ultima operazione, bisogna essere utenti registrati nel database di Youtube. Dal momento della sua esplosione come sito di condivisione di video infatti, Youtube ha iniziato ad avere diversi problemi con i diritti d’autore delle opere contenute nei suoi filmati (perché spesso prese da film, telefilm, programmi televisivi e radiofonici) caricati sui suoi server. È stato quindi creato un regolamento che vieta l'upload di materiale protetto da diritto d'autore se non se ne è titolari e che si basa su una verifica ex post di quanto proposto dagli utenti. Youtube consente invece senza problemi, fatti salvi quelli di licenza autoriale, l’incorporazione dei propri video all’interno di altri siti web, come ad esempio quelli dei popolari social network e blog, e si occupa anche di generare il codice Html necessario alla buona riuscita dell’operazione. Proprio nel 2006 Youtube, sull’onda dell’enorme successo avuto in rete, viene acquistato da Google per 1,65 miliardi di dollari (pagati in azioni proprie). Dall’anno successivo sono state pubblicate nuove versioni del portale realizzate in diverse lingue, tra le quali l’italiano.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Steve Chen | San Bruno | California | Karim Jawed | Chad Hurley |

Ultime notizie su Youtube

    Le ricerche su Google del 2019, gli italiani si chiedono perché è caduto il Governo

    Ormai da un po' di tempo, Google ci ha abituato al classico riepilogo di fine anno. "Un Anno di Ricerche su Google" è calderone in cui Big G ripercorre gli ultimi dodici mesi attraverso le domande che gli italiani hanno rivolto al motore di ricerca. E allora vediamo com'è andato questo 2019. In cima alle parole più cercate di questo 2019, in Italia, c'è Nadia Toffa, compianta giornalista della trasmissione Le Iene venuta a mancare prematuramente la scorsa estate. Ed è sempre il suo nome a domi...

    – Biagio Simonetta

    Tutto l'oro che c'è

    Provate a cercarlo questo film nelle sale italiane. Ogni tanto apparirà in questo dicembre, repentino e fugace, con una distribuzione a macchia di leopardo... ma cercatelo, vale davvero la pena. Dopo le positive accoglienze al festival di Rotterdam, al Torino Film Fest e a Filmmaker Fest, Tutto l'oro che c'è di Andrea Caccia prova coraggiosamente la via della sala. https://www.youtube.com/watch?v=C5QqkvwuNPM&feature=emb_logo Uno sguardo semplice e diretto, 5 personaggi reali e l'incanto di un ...

    – Simone Arcagni

    Missione Alphabet: la sfida di Sundar Pichai per andare oltre Google

    E' una categoria molto varia, per quanto marginale: dentro ci sono le vendite di app e contenuti digitali tramite Google Play Store, l'hardware (Chromecast, Nest, i telefoni e pc Pixel, Google Wifi), gli abbonamenti a Youtube Premium e così via.

    – di Luca Salvioli

    ANIMALI BUFFI AMERICANI (tomo 2), CON APPENDICE NUOVA!

    Ed ecco anche l'eccezionale secondo tomo (di tre) dell'opera incommensurabile di Alberto Becattini (sotto in uno scatto non troppo remoto, al fianco di Alessandro Santi, durante un pubblico dibattito fumettistico; in basso a sinistra l'attore Bruno Santini che l'osserva; la foto credo di averla scattata io, che non sono uno stinco né di santo, né di santino), che completa in questo modo l'excursus sui fumetti pubblicati negli USA con funny animals per protagonisti. Qui si può acquistare (tram...

    – Luca Boschi

    La miniera dei dati al Miur e non solo, la grande occasione di Fioramonti

    Un report del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR) - pubblicato nel luglio 2016 e poi cestinato - abbozzava una strategia fondamentale per il Paese. Oggi i dati restano sotto il controllo dei servizi studi interni, ma aprire le porte della PA all'analisi dei dati non costerebbe nulla - grazie a tecnologie e metodologie nuove e sicure - e permetterebbe di sviluppare soluzioni innovative per migliorare l'istruzione e la vita dei cittadini. Cosa aspettiamo? Si fa un gr...

    – Tortuga

    Credetemi, la MMT non è voodoo e non dice che basta stampare moneta

    L'autore di questo post è Domenico Viola, laurea magistrale in teoria e politica economica presso il Levy Economics Institute del Bard College -  Il 26 ottobre scorso su Econopoly è stato pubblicato un articolo fortemente critico della Modern Money Theory (MMT d'ora in poi), dal titolo "Perché la MMT di Mosler più che una teoria è un albero della cuccagna". In questa sede, in qualità di studente appassionato di e laureato in teoria e politica economica (presso il Levy Economics Institute), nonc...

    – Econopoly

1-10 di 9222 risultati