Aziende

Yoox

Yoox Net-a-Porter Group (Ynap) è il leader globale nel luxury fashion e-commerce. A partire dal 2000, anno della sua fondazione, Yoox ha imperniato la sua attività sull’acquisto di stock di abbigliamento di marca rimasto invenduto nelle stagioni precedenti e la vendita online a prezzi da outlet.

L’azienda, che ha il suo quartier generale a Zola Pedrosa a Bologna, ha conosciuto una forte e costante crescita e soprattutto una continua innovazione, che ha portato ad affiancare altre attività a quella principale della vendita di abbigliamento online.

Nel 2006, infatti, Yoox, attraverso Yoox Services ha sfruttato il proprio know how nel settore per creare negozi online monomarca per alcuni tra i più prestigiosi marchi della moda. Fondata dal ravennate Federico Marchetti, ai tempi 31enne, YOOX nasce il 20 giugno del 2000 con il primo online store multimarca, yoox.com. Dopo il primo nato in casa YOOX, si aggiungono altri due celebri online store multimarca – thecorner.com e shoescribe.com – e numerosi altri per i principali brand della moda e del lusso completano la realtà dei “Powered by YOOX Group”. Il 5 ottobre 2015 a seguito della fusione di Yoox e la londinese Net a Porter Group la nuova società con la sigla Ynap ha debuttato a Piazza Affari.

Yoox Group vanta centri tecno-logistici e uffici in Europa, Stati Uniti, Giappone, Cina e Hong Kong, distribuisce in più di 100 Paesi nel mondo.

Il 22 gennaio 2018 la svizzera Compagnie Financière Richemont già azionista di riferimento dal 2015 ha lanciato un’Opa sull'intero capitale della società.

Ultimo aggiornamento 23 gennaio 2018

ARGOMENTI CORRELATI: Dati di bilancio | Yoox | Negozio | Società per Azioni | Borsa Valori | The Corner | Italia |

Ultime notizie su Yoox

    L'esercito delle 7mila scaleup europee ha raccolto 126 miliardi

    L'ecosistema europeo delle imprese tecnologiche cresce (e in modo esponenziale), dando la sensazione che la marcia di avvicinamento alle aree del mondo più virtuose in fatto di innovazione sia finalmente avviata, fermo restando che - come osserva Alberto Onetti, Presidente di Mind the Bridge e

    – di Gianni Rusconi

    Nexi arriva su Ftse Mib e fa retrocedere Banca Generali

    Nexi dal 24 giugno entra nel Ftse Mib e scalza Banca Generali. La società fintech che ha debuttato il 16 aprile con la più grande Ipo dell'anno a livello europeo ha fatto retrocedere Banca Generali, quotata dal 2006 e che oggi capitalizza 2,7 miliardi. L'arrivo di un altro titolo finanziario

    – di Valeria Novellini e Lucilla Incorvati

    Prada, stop alle pellicce dalla primavera 2020

    E' ufficiale: il gruppo Prada non utilizzerà più pellicce animali nella realizzazione di nuovi prodotti, succederà a partire dalle collezioni donna primavera-estate 2020 (nella foto, un'immagine della recente sfilata della collezione Resort 2020 di Prada, la politica fur-free verrà applicata a

    – di Giulia Crivelli

    Il club deal Mediobanca investe in Philogen con Dompè e Braggiotti

    Nuovo investimento per The Equity Club (Tec, precedentemente Equity Partners Investment Club) il club deal promosso da Mediobanca Private Banking. Questo investimento, il terzo in ordine cronologico, dopo Seri Jakala e La Bottega dell'Albergo (chiuso proprio venerdì scorso) è stato siglato con

    – di Carlo Festa

    Sfila la prima collezione realizzata con l'intelligenza artificiale

    Un abito arancione acceso con un corpetto di velluto e una gonna di piume. Un paio di jeans chiari a vita alta. Un evening gown personalizzato da mini ruches che, dal blu notte, degrada nell'azzurro leggero. La particolarità di questi tre capi, indipendentemente dalle caratteristiche tecniche ed

    – di Marta Casadei

    Manager, l'industria paga più delle banche con bonus e azioni gratis

    Bis di Sergio Marchionne, scomparso a luglio, come il manager più pagato tra le società quotate in Italia nel 2018, con 17,29 milioni di euro lordi. Al secondo posto Carlo Cimbri, numero uno di Unipol cresciuto all'ombra di Giovanni Consorte, con 14,78 milioni. Terzo con 13,68 milioni Valerio

    – di Gianni Dragoni

    Così il buon cibo italiano può fare volare la meccanica made in Italy

    Il mondo ci invidia molte cose. Una fra tutte (forse la principale) è il made in Italy: non un'arida definizione commerciale che localizza il sito di produzione. Made in Italy, per qualunque straniero, sono le vacanze in costiera amalfitana, oppure la gita nelle cantine del vino del Chiantishire (termine che gli inglesi usano in mancanza di una definizione più corretta). Ti parla, o turista straniero, dello shopping sfrenato che hai fatto in Montenapoleone o del panettone (sweetbread in inglese,...

    – Enrico Verga

1-10 di 577 risultati