Persone

Yanis Varoufakis

Yanis Varoufakis è nato il 24 marzo del 1961 ad Atene ed è un economista e politico greco, ex ministro delle finanze della Grecia nel Governo Tsipras.

Varoufakis è laureato in matematica e statistica ed ha conseguito un dottorato di ricerca in economia presso l'Università dell'Essex.

Già durante gli anni del dottorato ha prestato attività d'insegnamento presso l'università dell'Essex e l'Università dell'Anglia Orientale.

Fellow all'Università di Cambridge nel 1988, tra il 1989 ed il 2000 è stato Senior Lecturer in economia presso l'Università di Sydney.

Tornato in Grecia, nel 2000, come professore di teoria economica presso l'Università di Atene, tra il 2002 ed il 2008 dirige il corso di dottorato di ricerca in economia.

A partire dal 2013 ha insegnato alla Lyndon B. Johnson School of Public Affairs dell'Università del Texas a Austin.

Nel 2015 si è candidato con SYRIZA ed è stato eletto al parlamento ellenico, diventando, a partire dal 27 gennaio, ministro delle finanze nel governo Tsipras.

Convive con Danae Stratou ed ha una figlia, Xenia, avuta dalla ex moglie Margarite Poulos.

Ha dato alle stampe nel 2012 con l'editore Asterios, il saggio "Il Minotauro Globale. L'America, le vere origini della crisi e il futuro dell'economia globale" in cui ripercorre lo scenario economico globale e suggerisce delle possibili 'ricette' alla crisi finanziaria .

Il 6 luglio del 2015, in seguito ai risultati del referendum greco del 5 luglio, rassegna le sue dimissioni per rendere più agevoli le trattative del premier Tsipras coi Governi degli Stati creditori della Grecia.

Ultimo aggiornamento 21 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Yanis Varoufakis | Margarite Poulos | Atene | Asterios Editore | B. Johnson | School of Public Affairs | America | Governo Tsipras | Essex |

Ultime notizie su Yanis Varoufakis

    Dieci anni fa la Grecia chiedeva aiuto alla Ue, un'odissea che non è finita

    Dieci anni fa la Grecia chiedeva aiuto alla Unione europea. Bruxelles non era preparata ad affrontare la crisi dei debiti sovrani provocata a sua volta dalla crisi dei subprime negli Stati Uniti.  La Ue che all'epoca non aveva né l'EFSF né il Mes (Meccanismo di stabilità) a sua volta cercava nell'opera di salvataggio il coinvolgimento del Fondo monetario internazionale che aveva l'esperienza necessaria per operazioni del genere. Era il 23 aprile del 2010, e il premier socialista dell'epoca, Geor...

    – Vittorio Da Rold

    Un punto per Mitsotakis: i sirtaki bond come collaterale in Bce

    L'Euribor il 10 aprile è sceso a -0,22 mentre il 16 marzo era a quota - 0,49. Cosa significa questo aumento (algebrico) dei tassi a breve? Vuol dire che c'è crescente richiesta di liquidità sul mercato nonostante la massiccia dose di liquidità immessa dalla Bce e i tassi principali a zero e quello sui depositi a -0,50%. Di fronte a questo "new normal" la Bce ha cambiato registro ed è tornata dopo 5 anni ad accettare i titoli greci anche se "below investment grade", cioè speculativi come garanzia...

    – Vittorio Da Rold

    Dal deficit alle migrazioni, cosa cambia in Europa con il Conte bis

    Dal Conte I al Conte bis. Il nuovo governo Pd-Cinque stelle ha già incassato l'apertura della Ue, dopo oltre un anno di tensioni fra l'esecutivo gialloverde e i vertici comunitari. A suo favore giocano ministri conosciuti a Bruxelles e un atteggiamento più dialogante. Ma la partita con l'Europa non è chiusa

    – di Alberto Magnani

    Venezia, Crisi greca: una tragedia moderna nell'ultimo film di Costa-Gavras

    Gli ingredienti della tragedia greca ci sono tutti anche se adattati e rivisti. Ci sono gli errori del passato, le ambizioni e le speranze del nuovo Governo della sinistra radicale di Syriza, la crudele logica della trojka, le ipocrisie di Bruxelles. Fino alla resa alle banche creditrici

    – di Gerardo Pelosi

    Ribaltone in Grecia: alle elezioni vince il centro-destra di Mitsotakis

    Nuova Democrazia, stando ai primi risultati, avrà la maggioranza assoluta in Parlamento e potrà governare senza cercare accordi di coalizione. Il suo leader Kyriakos Mitsotakis diventa primo ministro al posto dello sconfitto Alexis Tsipras

    – dal nostro inviato Stefano Carrer

    Grecia, prospettiva di governo stabile dopo l'addio alla Grexit

    La prospettiva traumatica che era circolata nel 2015 non trova alcun consenso nel «mainstream» politico di Atene: la Grecia non vuole essere più un problema per l'Europa. Il probabile ritorno del centrodestra al potere trova eco favorevole sui mercati

    – dall'inviato Stefano Carrer

    Grecia: il fattore-tasse cruciale nelle elezioni

    La classe media stremata dalla maggiore pressione fiscale tira la volata al centro-destra, che ha dipinto l'esecutivo di Tsipras come "il partito delle tasse". Nuova Democrazia vuoel negoziare con la Ue una maggiore flessibilità sul bilancio

    – di Stefano Carrer

    A Potenza il primo sindaco leghista in un capoluogo di regione del Sud

    Di stretta misura, il Comune di Potenza è passato alla Lega, con Mario Guarente primo sindaco leghista di un capoluogo di regione del Sud. Ma Guarente, 35enne, consigliere comunale uscente (spinto al primo turno da sei liste collegate) ha dovuto aspettare fino al risultato dell'ultima delle 77

    – di Andrea Gagliardi

    A Potenza il centrodestra a traino leghista punta sulla vittoria al primo turno

    Dopo la pesante sconfitta alle elezioni regionali del marzo scorso (segnate dall'affermazione del centrodestra dopo venti anni di governo Pd) il centrosinistra prova la riscossa alle elezioni amministrative del 26 maggio a Potenza affidandosi alla consigliera comunale uscente Bianca Andretta

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 392 risultati