Aziende

Yahoo!

Fondata nel 1994 da David Filo e Jerry Yang, allora studenti presso la statunitense Stanford University, Yahoo! è stata per anni una delle potenti web company del mondo. Conosciuta principalmente per la funzione di motore di ricerca, Yahoo! si è composta anche di altri servizi rivolti alla comunicazione, come e-mail, piattaforma messenger e chat in 20 lingue.

Iniziato come un semplice hobby studentesco, il lavoro di David Filo e Jerry Yang è stato quello di creare un deposito di link in grado di contenere i collegamenti diretti ai siti web legati ai loro interessi personali. Nel 1995, Sequoia Capital, società finanziaria già coinvolta in precedenti progetti di successo legati al mondo dell’elettronica ( Apple Computer, Atari, Oracle e Cisco Systems)investe 2 milioni di dollari nel progetto. Per 10 anni Yahoo diventa il portale di riferimento per milioni di utenti in tutto il mondo.

Nel 2008 la società stava per essere acquisita da Microsoft per 44 miliardi di dollari ma la trattativa non andò in porto . Negli ultimi anni , nonostante il miliardo di utenti, Yahoo! non è riuscita a far fronte alla concorrenza di Google e Facebook e ha accumulato debiti per centinaia di milioni di dollari. Il 25 luglio 2016 il gigante delle telecomunicazioni americano Verizon ha comprato gli asset core della società internet per 4,5 miliardi di dollari.

A giugno 2017 Verizon ha completato l'acquisizione di Yahoo. Le parti dell'azienda non acquistate dal gruppo sono diventate“Altaba”, società registrata come impresa d'investimenti e quotata a New York. Verizon ha deciso di far confluire Yahoo! con America On Line (AOL), in una nuova divisione chiamata Oath.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Utente | Cisco Systems | Oracle | Microsoft | Atari | Apple | David Filo | Jerry Yang |

Ultime notizie su Yahoo!

    L'insostenibile pesantezza e costo delle riunioni in (video)conferenza

    In rete, sui social, nei blog e nei giornali mainstream, impera su tutti lo smart working: le persone, pur di far vedere quanto siano più smart di altre, pronte a lavorare da casa nonostante in piena emergenza Covid-19, pubblicano orgogliose le istantanee del proprio computer piene zeppe di colleghi sorridenti e con l'inevitabile pollice alzato, tutti connessi tramite una qualsiasi piattaforma online di video conferenze. Ed io in quel preciso istante mi ritrovo Netflix che sta cercando di carica...

    – Emiliano Pecis

    Coronavirus, cosa ci insegnano le crisi del passato

    La crisi causata dal proliferare del coronavirus è sicuramente una crisi per molti versi atipica. Ciononostante vale la pena ricordare che numeri drammatici come quelli visti nelle Borse in questi giorni non sono un caso isolato nella storia economica. In passato le economie mondiali hanno dovuto affrontare diversi periodi duri, in cui i principali indici azionari hanno vissuto ribassi da record contrastati attraverso importanti progetti di politica economica, sia monetaria che fiscale. Questa, ...

    – Orizzonti Politici

    La pandemia condiziona i consumatori, arginiamola con spinte gentili

    Gli autori del post sono Francesco Baldo Tesi, laureato con lode in Economia e Management presso l'Università degli Studi di Firenze, attualmente laureando in Corporate Finance presso la LUISS Guido Carli e Lorenzo Padella, laureato con lode in Economia e Finanza all'Università di Pisa, master in Inghilterra (in corso) per specializzarsi in Behavioural Economics - Il virus SARS-CoV-2 e la COVID-19, ovvero la sindrome che ne consegue (nota anche come 'coronavirus'), hanno innescato nei consumato...

    – Econopoly

    Le dimore da sogno dei signori di Internet

    Penthouse sulla Fifth avenue a New York, ville affacciate sull'Oceano, dimore immerse nel verde, lontane da occhi indiscreti e con tutti gli ultimi ritrovati della tecnologia. Ma anche case più modeste e senza domotica. Ecco dove vivono i tycoon della Rete

    – di Paola Dezza

    Diagnosi di Alzheimer e autodeterminazione. L'importanza degli screening precoci

    Un'iniziativa sperimentale di screening per la demenza ha evidenzato che un progetto di screening volontario della demenza, in una popolazione a rischio, può essere realizzato con pochi mezzi e con risultati eccellenti permettendo la rilevazione di casi che altrimenti resterebbero sconosciuti

    – di Pietro Sangiorgio

1-10 di 1533 risultati