Persone

Wolfgang Schaeuble

Wolfgang Schäuble è nato il 18 settembre del 1942 a Friburgo in Brisgovia ed è un politico tedesco, attuale Ministro delle Finanze nel secondo Governo Merkel.

E' laureato in Economia ed ha un dottorato in Diritto.

Tra il 1978 ed il 1984 ha esercitato la professione di avvocato, risultando iscritto presso iscritto l'ordine degli avvocati del distretto di Offenburg nel Baden-Württemberg.

Dal 1972 al 1981 è stato Deputato, per la CDU, al Bundestag.

Tra il 1984 ed il 1989 è stato Ministro Federale per la Cancelleria e per gli Affari Speciali.

Dal 1989 al 1991 è stato Ministro Federale degli Interni.

A partire dal 2000 è diventato Membro dell'Ufficio di Presidenza della CDU.

Tra il 2005 ed il 2009 è stato Ministro Federale degli Interni.

Dal 2009 è diventato Ministro Federale delle Finanze.

Il 12 ottobre del 1990, durante una manifestazione elettorale ad Oppenau nel Baden-Württemberg, è stato vittima di un attentato che lo ha reso paraplegico, obbligandolo all'uso della sedia a rotelle.

E' stato insignito delle seguenti onorificienze nazionali ed internazionali:

— Gran croce al merito dell'Ordine al Merito di Germania (1986);

— Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg (2008);

— Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Italia) (24 aprile 1986);

— Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona di Quercia (Lussemburgo) (gennaio 2011);

— Gran Croce dell'Ordine dell'infante dom Henrique (Portogallo) (2 giugno 1989).

Wolfgang Schäuble è sposato ed è padre di 4 figli.

Ultimo aggiornamento 30 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Federale | Ordine | Germania | Italia | Wolfgang Schaeuble | CDU | Governo Merkel | Wolfgang Schäuble | Ministero dell'Interno |

Ultime notizie su Wolfgang Schaeuble

    Juncker, il mea culpa sulla Grecia dimentica che l'Fmi voleva tagliare il debito ma le banche tedesche e francesi si opposero ?

    Le parole del presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker sulla vicenda del debito sovrano greco sono un pesante atto di accusa al Fondo monetario internazionale reo di aver chiesto troppa austerità e di aver quindi colpito la popolazione con disoccupazione e riduzione del tenore di vita. Circa 500mila giovani, il 5% della popolazione, secondo dati della Banca di Grecia avrebbero fatto le valigie dall'inizio della crisi provocando cuna fuga di massa dei migliori cervelli del paese. "C'è ...

    – Vittorio Da Rold

    Perché va ascoltato l'ex capo economista della Bce, Issing, quando dice che l'uscita dall'euro non è più un tabù

    In vista del ventesimo anniversario dell'euro, uno dei principali architetti della moneta unica, Otmar Issing, ha affermato che l'idea di abbandonare l'euro non può più essere off limits, cioè esclusa a priori se un membro viola deliberatamente le regole fiscali. Solo una battuta fuori tempo di un "Falco" della Bundesbank? No, è un segnale importante d'insofferenza che non va affatto sottovalutato dagli addetti ai lavori perché indica che alcuni settori tedeschi e di altri paesi della Lega Ansea...

    – Vittorio Da Rold

    Riforma dell'eurozona, Berlino frena sul bilancio ma apre all'ESM come Fondo "salva banche"

    Il presidente francese Emmanuel Macron promise in un famoso discorso tenuto alla Sorbona di dare nuova forza al progetto europeo e in particolare alla moneta unica. Purtroppo era troppo ottimista. Il 14 dicembre scorso i leader dell'UE hanno firmato il via libera a una mini-riforma della zona euro che non è all'altezza delle aspettative di Macron, proposte frenate da un gruppo di paesi nordici "anseatici" guidati dall'Olanda e appoggiati nell'ombra dalla Germania, tutti contrari al bilancio dell...

    – Vittorio Da Rold

    La capriola di Tsipras e la lezione per l'Italia

    Cosa accadde nel luglio 2015 in Grecia a un passo dall'uscita dall'euro e cosa ci possono insegnare quegli eventi rispetto ai recenti sviluppi politici italiani? A dicembre del 2014 Il governo Samaras era in una situazione di moderata ripresa economica trascinata da investimenti ed export, ma la troika chiese un aumento dell'Iva per aumentare il surplus di bilancio primario. Samaras, conservatore di Nea Dimokratia, invece di mediare si impuntò e decise di andare al voto anticipato sfidando ...

    – Vittorio Da Rold

    Merz, ecco il ritratto dell'anti-Merkel

    Assente dalla scena politica su scala federale da lunghi nove anni, dopo essere uscito dal Bundestag nel 2009 per lanciarsi in una brillante carriera nel settore privato tributario e finanziario con incarichi di standing internazionale, Friedrich Merz, 63 anni, ha colto l'attimo e si è precipitato

    – di Isabella Bufacchi

    Germania, il dopo-Merkel alla Cdu: sfida tra il rivale Merz e la delfina AKK

    Chi prenderà il posto di Angela Merkel alla guida della Cdu? La Merkel non intende rinunciare alla poltrona di cancelliera. La rosa dei nomi che girano finora per la leadership della Cdu sembra ristretta a due nomi Friedrich Merz e Annegret Kramp-Karrenbauer.

    – dalla nostra corrispondente Isabella Bufacchi

    Germania, crisi migranti: la Csu potrebbe sacrificare Seehofer

    La crisi politica tra Angela Merkel e il ministro degli Interni e leader della Csu Horst Seehofer continua a tenere la Germania e l'Europa con il fiato sospeso, in attesa dell'epilogo di questo scontro che dura da tre settimane, di quel finale che in molti si attendono: le dimissioni del ministro e

    – di Isabella Bufacchi

    Il debito greco, una lunga storia di errori

    Dopo otto anni di assistenza finanziaria - che hanno comportato enormi sacrifici per il popolo greco - l'Eurogruppo il 21 giugno 2018 ha dato il via libera alle misure utili per consentire ad Atene di concludere positivamente il terzo programma di aiuti. Il che significa che Atene dal 20 agosto

    – di Vittorio Da Rold

    Il debito greco, una lunga storia di errori lastricata di lacrime e sangue

    Dopo otto anni di assistenza finanziaria - che hanno comportato enormi sacrifici per il popolo greco - l'Eurogruppo il 21 giugno 2018 ha dato il via libera alle misure utili per consentire ad Atene di concludere positivamente il terzo programma di aiuti. Il che significa che Atene dal 20 agosto 2018 potrà finanziarsi da sola e aprire un nuovo capitolo. La tappa è un passo storico per la zona euro, la fine della crisi dei debiti sovrani. Ma quanti errori è costato questo traguardo lastricato di l...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 594 risultati