Aziende

Wikipedia

Pubblicata in oltre 270 lingue, Wikipedia è un’enciclopedia web, collaborativa e gratuita, che è nata nel 2001 insieme al progetto omonimo intrapreso da Wikimedia Foundation, organizzazione statunitense non a scopo di lucro. Etimologicamente Wikipedia significa cultura veloce: nel suo nome sono uniti infatti il termine hawaiano “wiki” (veloce) e il suffisso di origine greca “pedia” (cultura). Contenente voci che riguardano sia gli argomenti propri di una tradizionale enciclopedia cartacea sia quelli di norma ritrovabili su almanacchi, dizionari geografici e di attualità, Wikipedia ha avuto lo scopo, fin dall’inizio della sua pubblicazione online, di distribuire un’enciclopedia libera e ricca di contenuti, declinata nel maggior numero di lingue possibile. L’altra caratteristica primaria di Wikipedia risiede nel fatto che a qualsiasi utente della rete viene data la possibilità di collaborare alla creazione delle sue voci, usando un sistema di modifica e pubblicazione aperto. Anche per questa sua continua interattività Wikipedia è uno dei dieci siti più visitati al mondo e riceve, in media, circa 60 milioni di accessi al giorno.

Grazie all’opera della Wikimedia Foundation successivamente all’enciclopedia sono nati anche diversi progetti complementari tra i quali Wiktionary, Wikibooks, Wikisource, Wikispecies, Wikiquote, Wikinotizie e Wikiversità. Da un punto di vista legale, originariamente Wikipedia è stata pubblicata in rete tramite l’uso di una licenza Gfdl, ma nel giugno 2009 ha effettuato una migrazione alla licenza Creative Commons “cc-by-sa” 3.0, ritenuta più compatibile con gli scopi di divulgazione gratuita dei suoi contenuti. Per lo stesso motivo uno dei principi base di Wikipedia è fondato nel dover avere sempre un punto di vista neutrale sugli argomenti che vengono pubblicati. A causa della natura aperta dell’enciclopedia virtuale però spesso sono stati riscontrati vandalismi ed imprecisioni di vario genere.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Wikimedia Foundation |

Ultime notizie su Wikipedia

    Innovativo, ma non troppo

    Più d'uno ricorderà lo straordinario breve saggio di Carlo Maria Cipolla "Le leggi fondamentali della stupidità umana" in cui il grande storico dell'economia, suddividendo gli individui sulla base della dannosità verso gli altri e verso sé stessi, concludeva che gli stupidi sono i più dannosi, ancora più dannosi dei banditi, poiché arrecano danno non solo agli altri ma anche a loro stessi. Mi è venuto in mente questa geniale quadripartizione leggendo il post di Luca De Biase: Quattro scenari ...

    – Giuliano Castigliego

    La fascinazione bipartisan per la MMT e il sogno della spesa senza vincoli

    In principio, come sempre, era John Maynard Keynes. Il Nostro ammoniva, nella sua Teoria Generale: "Le idee degli economisti e dei filosofi politici, sia quando sono giuste che quando sono sbagliate, sono molto piu' potenti di quanto si creda comunemente. Al contrario, il mondo e' governato da ben poco altro. Gli uomini della pratica, i quali si credono del tutto liberi da ogni influenza intellettuale, sono spesso schiavi di qualche economista defunto. Pazzi al potere, i quali odono voci nell'ar...

    – Brunello Rosa

    Fase 2, distanziamento sociale e lotta di classe. Il lockdown sopravviverà al virus?

    Il cerchio sociale si restringe. Non c'è fase due o tre che tenga. Vacanze, scuola, lavoro, i luoghi della collettività sono e saranno sempre meno collettivi. Il combinato disposto delle regole di distanziamento sociale e l'effetto psicologico indotto dal coronavirus ci ha cambiato dentro. Dati non ce ne sono. Si potrebbero studiare meglio le mappa di mobilità, impostare un sondaggio o studiare ma il rischio della fase 3, è quello di risvegliarsi dalla fase due più soli e più chiusi. Classisti c...

    – Infodata

    Fase 2, distanziamento sociale e pensieri automatici. Il ritorno della società divisa in classi sociali

    L'esercizio non ha pretesa di scientificità ma vuole solo indicare il possibile calo di rapporti personali in tre ambienti nei quali si svolge la nostra vita quotidiana: al lavoro (o a scuola/università), sui mezzi di trasporto e nei bar, ristoranti, supermercati e negozi nei quali acquistiamo beni o servizi. I valori di partenza sono una stima (arbitraria) per chi vive in una media città e si sposta con mezzi pubblici, lavora in un piccolo ufficio o officina e pranza fuori casa. E' possibile...

    – Luca Tremolada

    Perché (non) si può stampare moneta all'infinito e altre bugie

    Dal passo biblico sulla manna dal cielo ai bond perpetui a tasso zero del viceministro Castelli, passando per la pietra filosofale e la fonte dell'eterna giovinezza, la possibilità di vincere la scarsità delle risorse in natura ha da sempre affascinato gli uomini. Non è un caso che l'economia, che studia come gestire al meglio queste risorse, sia anche nota come "scienza triste" e che, periodicamente, venga additata come capro espiatorio per tutti i mali del mondo. In tempi più recenti, consid...

    – Massimo Famularo

    Ma il coronavirus impatterà sulla gestione e sulla disponibilità del cibo?

    L'autore di questo post è Corrado Griffa, manager bancario ed industriale, consulente aziendale in Italia e all'estero - Immaginare come potrebbe essere il post-coronavirus è come fare affidamento sull'arte divinatoria degli aruspici, consistente nell'esame delle viscere di animali sacrificali per trarne segni premonitori: opera illusoria, priva di elementi concreti su cui elaborare e lavorare; meglio non fare troppo affidamento sulle previsioni di guru di varia disciplina. Restano poche cose ...

    – Econopoly

    Medicine vs armi: un proiettile costa come 90 tamponi

    Un'analisi condotta da Greenpeace su dati del SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) ha provato a fare due calcoli su quanto equipaggiamento medico sarebbe possibile acquistare al posto di alcune apparecchiature militari. I risultati, riassunti sul sito Statista, sono piuttosto interessanti. Un sottomarino nucleare da attacco di classe Virginia della marina americana, mostrano, ha un costo di circa 2,8 miliardi di dollari, con cui si potrebbero invece acquistare 9mila ambulanze...

    – Infodata

    Medicine vs armi: quante ambulanze si comprano con un sottomarino? Un proiettile costa come 90 tamponi

    Un'analisi condotta da Greenpeace su dati del SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) ha provato a fare due calcoli su quanto equipaggiamento medico sarebbe possibile acquistare al posto di alcune apparecchiature militari. I risultati, riassunti sul sito Statista, sono piuttosto interessanti. Un sottomarino nucleare da attacco di classe Virginia della marina americana, mostrano, ha un costo di circa 2,8 miliardi di dollari, con cui si potrebbero invece acquistare 9mila ambulanze...

    – Davide Mancino

1-10 di 3013 risultati