Aziende

Wikileaks

Ha preso il suo nome dal temine inglese “leak”, che significa “fuga di notizie”, ed è un’organizzazione internazionale che tramite l’omonimo portale internet Wikileaks ha lo scopo di cercare di divulgare quei documenti che sarebbero invece coperti da segreto e che sono in genere di natura governativa o aziendale. Autodefinitasi “versione irrintraccabile di Wikipedia”, Wikileaks opera con un sistema ben definito: dopo essere venuta in possesso di un documento segreto, si occupa di verificarne l’autenticità tramite i suoi collaboratori (che sono giornalisti, attivisti, dissidenti del governo cinese e dei principali regimi del pianeta e scienziati) e poi lo pubblica attraverso i propri server che sono dislocati in Belgio e Svezia. Questi due paesi infatti sono dotati di leggi che proteggono tale attività di “divulgazione”, fatta preservando l'anonimato degli informatori e di tutti coloro che sono a qualche titolo implicati in ogni operazione di “fuga di notizie”.

Nonostante gran parte dello staff del sito, come gli stessi fondatori del progetto, rimangano per ora anonimi, nel 2006, quando è stata pubblicata la prima release, le ricerche su Google relative a Wikileaks sono passate da una decina ad oltre un milione nel giro di due settimane. Nella seconda metà del 2007 è iniziata la prima ondata di pubblicazione di numerosi documenti che hanno avuto un grosso impatto sui mass media di tutto il mondo: tra questi, quelli relativi all’equipaggiamento militare americano nella guerra in Afghanistan e quelli contenenti rivelazioni sulla corruzione in Kenya. Anche le prime denunce sulla gestione del campo di prigionia americano di Guantánamo sono state rese note al grande pubblico grazie all’opera di divulgazione di Wikileaks. Dal punto di vista tecnologico il sito ha fin dall’inizio utilizzato una versione modificata del software MediaWiki, lo stesso in uso sui server di Wikipedia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet |

Ultime notizie su Wikileaks

    L'Umano e l'Errore. Che ne è/sarà della libertà nella civiltà ipertecnologica?

    L'Umano, l'Errore, l'Imprevedibilità? Un approccio e percorsi di ricerca dal'95 Come sempre, senza "tempi di lettura". Al termine del contributo, collegamenti ad altri testi (divulgativi e scientifici) e riferimenti bibliografici. Buon lavoro e buona ricerca! Una ipercomplessità che non è un'opzione Una (iper)complessità che non è un'opzione, è un "dato di fatto": il vero problema è che non siamo educati e formati a riconoscerla e, in ogni caso, non con la nostra testa. Di fatto, non da ...

    – Piero Dominici

    Wikileaks, gli Usa incriminano Assange: 17 nuovi capi d'accusa

    «Le azioni di Assange hanno messo seriamente a rischio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e portato benefici ai nostri avversari» afferma il Dipartimento di Giustizia. I 17 nuovi capi d'accusa riguardano violazioni dell'Espionage Act e potrebbero creare un ampio dibattito sul Primo

    Anonymous viola la mail di 30mila avvocati, compresa Raggi

    Violata la posta elettronica certificata di 30mila avvocati iscritti all'Ordine di Roma; questo l'ultimo colpo messo a segno dal collettivo di hacker Anonymous Italia. Tra i dati diffusi ci sono anche alcune mail della sindaca della Capitale, Virginia Raggi. Il movimento ha pubblicato sul proprio

    Wikileaks, Julian Assange condannato a 50 settimane di reclusione

    Condanna a 50 settimane di reclusione: è la sentenza emessa oggi da un giudice britannico del tribunale londinese di Southwark contro Julian Assange, per una violazione dei termini della libertà provvisoria risalente al 2012, l'anno in cui il fondatore di Wikileaks si rifugiò nell'ambasciata

    «Le idee sono cristalli delicati: cerco quelle che durano 100 anni»

    Lo Sri Lanka chiude i social network per combattere le violenze conseguenti agli attacchi terroristici di Pasqua: gli osservatori si dividono tra chi applaude e chi grida alla censura. Gli Stati Uniti chiedono l'estradizione di Julian Assange, fondatore di Wikileaks: ci si chiede se sia un attacco

    – di Luca De Biase

    Luciano Floridi e la convergenza di epistemologia ed etica

    Lo Sri Lanka chiude i social network per combattere le violenze conseguenti agli attacchi terroristici della scorsa settimana: gli osservatori si dividono tra chi applaude e chi grida alla censura. Gli Stati Uniti chiedono l'estradizione di Julian Assange, fondatore di Wikileaks: ci si chiede se sia un attacco alla libertà di espressione o un atto di controspionaggio. Facebook cerca timidamente di cominciare a pensare alla qualità dell'informazione che trasmette e a rispettare in qualche modo la...

    – Luca De Biase

1-10 di 598 risultati