Aziende

Whatsapp

WhatsApp è un'applicazione di messaggistica gratuita per smartphone e pc che usa la connessione Internet per consentire lo scambio di messaggi, foto, video e chiamate con i propri contatti.

Creata da Brian Acton and Jan Koum, due ex dipendenti di Yahoo nel 2009, è stata acquistata da Facebook nel 2014 per 19 miliardi ( 4 in contanti il resto in azioni).

Conta più di un miliardo di utenti attivi al mondo.

Ultimo aggiornamento 12 maggio 2017

Ultime notizie su Whatsapp

    Instagram, milioni di dati di account finiti online senza alcuna protezione

    I dati di milioni di account Instagram, per lo più appartenenti a influencer e celebrità, sono finiti online su un database senza alcuna protezione. A darne notizia è il sito Techcrunch, che scrive di un server, ospitato Amazon Web Services, trovato in rete senza alcuna password, dunque accessibile

    – di Biagio Simonetta

    Quanti dati sono generati in un giorno? Un po' di numeri

    Sarebbe meglio rispondere 42 e chiudere così la questione con una citazione celeberrima della Guida galattica per autostoppisti. Ma volendo esercitarsi a rispondere a questa domanda esistenziale (più per la data-society che per altro) potremmo serenamente provare ad accostare qualche numero e un paio di ragionamenti. Partiamo dalle unità di misura. Ci sono i byte, i megabyte e i gigabyte. E tra smartphone, musica e film una idea per quanto generica di questi indicatori dovremmo avercela (sempre ...

    – Infodata

    Patrick Soon-Shiong (Los Angeles Times): «Ecco le trappole dei social»

    Giornalismo di qualità, in grado di unire ricerca della verità e uso di nuove tecnologie. E tutto questo per «avvicinare i giovani alla lettura dei quotidiani. Dobbiamo andare alla radice del problema. Non possiamo permetterci di perdere questi presìdi di democrazia». Patrick Soon-Shiong,

    – di Andrea Biondi

    Il fondatore di Telegram accusa WhatsApp: «non sarà mai sicura»

    Un tempo lo chiamavano il Mark Zuckerberg russo. Ma questo paragone a Pavel Durov non è mai piaciuto troppo. Il 33enne di San Pietroburgo, fondatore di VKontakte, prima che di Telegram, non è propriamente un fan del Ceo di Facebook. E lo fa trasparire ad ogni occasione. L'ultima un paio di giorni

    – di Biagio Simonetta

    Bocciato il professore che usa il cellulare in classe

    A finire sotto la lente dei giudici per l'uso scorretto degli smartphone e di internet questa volta sono i professori. Lo dimostrano alcune recenti sentenze che invertono le responsabilità e denunciano un uso compulsivo del cellulare durante l'orario scolastico proprio da parte del corpo docente.

    – di Marisa Marraffino

    Quanti dati sono generati in un giorno?

    Sarebbe meglio rispondere 42 e chiudere così la questione con una citazione celeberrima della Guida galattica per autostoppisti. Ma volendo esercitarsi a rispondere a questa domanda esistenziale (più per la data-society che per altro) potremmo serenamente provare ad accostare qualche numero e un paio di ragionamenti. Partiamo dalle unità di misura. Ci sono i byte, i megabyte e i gigabyte. E tra smartphone, musica e film una idea per quanto generica di questi indicatori dovremmo avercela (sempre ...

    – Luca Tremolada

    Facebook, il monopolio social rischia lo smembramento

    Tra i cofondatori di Facebook, Chris Hughes, classe 1983, è il più atipico rispetto alla narrativa della Silicon Valley. Quando nell'estate del 2006 l'allora ceo di Yahoo!, Terry Siemel, offrì un miliardo di dollari per comprare l'azienda, lui sperava «disperatamente che Mark dicesse di sì» ha

    – di Luca Salvioli

    I tuoi soldi gestiti con WhatsApp

    Inviare denaro diventerà più facile che inviare una foto. E' questa la promessa di Mark Zuckerberg, patron di Facebook, che suona come una vera e propria minaccia a tutto il mondo bancario. Proprio in queste ore in cui le banche italiane stanno scrivendo ai clienti le lettere che annunciano i

    – di Christian Martino

    Emoticon, ecco quando la «faccina» salva dal licenziamento

    Anche gli emoticon entrano nelle sentenze dei giudici. Le faccine, ormai comunemente usate nelle chat e sui social network, possono addirittura avere un ruolo decisivo, capace di determinare l'esito di un giudizio. Lo ha stabilito il Tribunale di Parma che ha considerato illegittimo il

    – di Marisa Marraffino

1-10 di 909 risultati