Ultime notizie:

Werner Von Braun

    Italia e Usa insieme sulla Luna. Ecco per fare cosa

    Al nostro Paese tocca la collaborazione nel disegno e costruzione della navetta per l'allunaggio, dei moduli abitativi che sorgeranno sulla Luna, laboratori, uffici e spazi di vario tipo, e infine le telecomunicazioni con la Terra

    – di Leopoldo Benacchio

    1969, primo passo sulla Luna ? Macché ! Leggi qui

    Molto prima che gli americani arrivassero sulla Luna, nella fatidica notte del 20 luglio 1969, l'uomo, ma come vedremo anche la donna, l'hanno visitata con ogni mezzo e in ogni epoca. Molti hanno addirittura toccato il suolo lunare e scritto rapporti dettagliati. Certo, hanno usato mezzi molto più potenti di un semplice razzo, come era l'assai gagliardo Saturno V voluto dal Presidente Usa J.F. Kennedy e realizzato dagli ingegneri Nasa, al comando di Werner Von Braun: usarono infatti la fantasi...

    – Leopoldo Benacchio

    Torneremo sulla Luna, ma questa volta per restarci

    Torneremo sulla Luna e questa volta per restarci, non per tornare indietro come fu 50 anni fa e da lì spiccheremo il balzo per Marte. E' quanto vuole il presidente Trump: nel 2024 un astronauta calcherà di nuovo il polveroso suolo lunare, e forse sarà una donna. Per questo il nuovo programma si

    – di Leopoldo Benacchio

    60 anni, un buon momento per pensare al futuro !

    Nasa compie oggi, 1 ottobre 2018, 60 anni. Fu infatti messa in piedi in fretta e furia da D Eisenhower, il famoso generale Usa della II guerra mondiale che in seguito diventò anche Presidente. Fu la risposta al lancio dello Sputnik e all'impressione che fece: una palla di acciaio praticamente vuota che orbitò attorno alla Terra per la prima volta fece capire che i sovietici avevano la tecnologia per far arrivare atomiche ovunque al mondo. Ma il vero inizio delle attività spaziali american...

    – Leopoldo Benacchio

    Appuntamento su Marte

    Il Sopravvissuto, il film "marziano" che è nelle sale oramai da 10 giorni, può piacere o non piacere, ma certamente è uno dei grandi film americani del decennio e ha una scenografia impressionante. Sembra infatti per 2 ore e passa di vivere su Marte, combattere col protagonista per sopravvivere e poi gettarsi nello spazio per tornare a casa con la gigantesca, e fantascientifica, astronave Hermes. Tutto il film è un altrettanto gigantesco spot pubblicitario per Nasa e per gli Usa, che consideran...

    – Leopoldo Benacchio