Ultime notizie:

Weople

    Big Data, modelli redistributivi e libertà fondamentali. Il Caso Weople.

    Il primo agosto 2019 il Garante della Privacy Italiano ha dato notizia di aver investito l'European Data Protection Board (EDPB) del caso Weople. L'EDPB, che riunisce i Garanti Privacy degli Stati Membri ed il Garante Europeo  e, a partire dall'entrata in vigore del GDPR nel 25 maggio 2018, ha il ruolo di garantire una interpretazione uniforme del GDPR ed emana orientamenti e decisioni vincolanti su controversie aventi impatto transfrontaliero. Secondo il Garante Soro il caso Weople rientra tra...

    – Maria Luisa Manis

    Weople rispetta la privacy? Lo dirà la Ue

    Guadagnare soldi vendendo i propri dati personali. Weople, la "banca" che li acquista, si è presentata al pubblico pochi mesi fa in questo modo e dichiarando che la sua attività consente alle persone non solo di «dar valore ai propri dati», ma anche di «agire i più importanti diritti Gdpr»

    – di Maurizio Caprino

    Il web e i nostri dati personali, meglio guadagnarci o pagare per la privacy?

    L'autore di questo post è Marcello Gruppo, senior sales consultant digital presso The Nielsen Company e allievo dell'executive Mba EMBA Ticinensis - Siamo sinceri: tutti molto preoccupati circa la protezione della propria privacy online, ma poi quanti di noi intraprendono effettivamente azioni significative per mantenerne il controllo? Pochi. Il 67% degli americani dichiara di prendere nessuna o limitate misure per evitare che terzi monitorino il proprio comportamento online senza consenso. Il...

    – Econopoly

    Monetizzare i nostri dati? forse meglio pagare per la nostra privacy

    E' passato quasi un anno dall'introduzione del Gdpr, l'ambiziosa normativa europea sulla privacy che aveva l'obiettivo di spostare l'ago della bilancia dalla parte dei cittadini, dando a questi maggiori diritti e la possibilità di riprendere il controllo dei propri dati personali da tanto tempo avidamente sfruttati dai colossi di Internet. Eppure, almeno fino ad oggi, di concreti giovamenti gli utenti ne hanno percepiti davvero pochi. Il web continua ad essere una giungla che pullula di inform...

    – Nicola Bernardi