Aziende

Vivendi

Vivendi Sa è una società francese attiva nel campo dei media e delle comunicazioni. In particolare opera nell'industria della musica, della televisione, del cinema, dell'editoria, delle telecomunicazioni e di Internet.

La società è salita agli onori della cronaca finanziaria del 12 dicembre 2016, per il tentativo di scalata finanziaria messo in atto nei confronti del gruppo italiano Mediaset.

Vivendi Sa è quotata all'Euronext di Parigi nell'indice CAC 40 ed è guidata dal Presidente Vincent Bolloré.

Vivendi Sa gestisce le seguenti proprietà: Canal+ group (al 100%), Universal Music Group (al 100%), Telecom Italia (al 23,94%), Ubisoft (al 26,80%), Gameloft (al 95,77%), Fnac (11,27%), Telefonica (0,98%) e da ultimo Mediaset (al 28,8% )

Il gruppo è nato nel 1998, quando Compagnie Générale des Eaux ha cambiato il suo nome in Vivendi, acquistando quote di Maroc Telecom, Havas, Cendant Software, Anaya e NetHold.

Attraverso Canal+ Vivendi ha lanciato pay-tv in Italia, Spagna, Polonia, Scandinavia, Belgio e Olanda.

Nel 1999 il gruppo si è fuso con Pathé, mantendo le quote di British Sky Broadcasting e CanalSatellite.

Nel 2000 dalla fusione di Vivendi con il network televisivo Canal+ e la Universal Studios è stata creata Vivendi Universal, che nello stesso anno ha acquisito il 35% di Maroc Telecom. Nel 2004 l'80% di Vivendi Universal Entertainment è stato venduto a General Electric e l’anno successivo è stato fondato Vivendi Sa.

Dopo l’acquisizione della discografica tedesca Bmg, la divisione Vivendi Games si è fusa con Activision e successivamente ha rilevato Sfr.

Nel 2012, il Consiglio di Sorveglianza di Vivendi ha deciso di concentrare le attività del Gruppo su media e contenuti.

Nel novembre del 2013, Vivendi ha acquistato dal Gruppo Lagardère il 20% del capitale di Canal+ France che non deteneva ancora.

Nel marzo del 2016 Vivendi ha acquisito il 24,9% delle azioni di Telecom Italia, rimanendo il primo azionista.

L'8 aprile del 2016 la società francese ha firmato un contratto per acquisire il 100% di Mediaset Premium.

Il 12 dicembre del 2016 il gruppo ha annunciato di detenere il 3,01% del capitale di Mediaset per poi raggiungere il 29%. La sua influenza sulle due società italiane è in contrasto con la normativa italiana, che vieta la detenzione di partecipazioni incrociate in società tlc e media. E’ quindi scattata la richiesta formulata dal Garante delle Comunicazioni affinché Vivendi scendesse in Mediaset o in Telecom.I francesi hanno un anno di tempo per adeguarsi alle richieste.

Ultimo aggiornamento 14 settembre 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Vivendi Games | Mediaset | Vivendi Sa | Jean-Bernard Lévy | Italia | Universal Music | Universal Studios | Ubi Soft Entertainment | Francia | British Sky Broadcasting | Wall Street | Gruppo Lagardère | Compagnie Générale des Eaux | Activision | Vincent Bolloré | Gameloft | Activision Blizzard | Vivendi Universal Entertainment | Maroc Telecom | Attraverso Canal | Maroc Telecom Al |

Ultime notizie su Vivendi

    Per le Borse sprint sul finale. A Piazza Affari balzo di Atlantia. Spread sotto 200

    Vivendi in evidenza dopo cessione quota Umg ... A Parigi sono risultate sotto i riflettori le Vivendi (+7,4%), dopo che la società ha finalizzato la vendita del 10% del capitale di Universal Music Group (Umg) a un consorzio guidato dal gruppo cinese Tencent per un valore di impresa di 30 miliardi di euro per il 100% del capitale della controllata.

    – di Eleonora Micheli e Flavia Carletti

    Elliott in manovra su Telecom. Scende al 7% ma non molla la presa

    Da questa estate tra Vivendi, primo azionista con una partecipazione di quasi il 24% nel capitale ordinario, e il fondo Usa è tregua. ... Vivendi, pur con l'etichetta di azionista strategico di lungo periodo, condivide con Elliott l'obiettivo di rivalutare l'investimento e anche sulla gestione dell'azienda è da tempo che da Parigi non arrivano più critiche.

    – di Antonella Olivieri

    Mediaset stringe sul progetto Schnellinger. Corre Prosiebensat a Francoforte

    I nomi dei due ex calciatori rossoneri, uno olandese e uno tedesco, sono usati a Cologno per le strategie di crescita internazionale: il primo per il riassetto degli asset attuali da fondere nella holding MFE basata ad Amsterdam è osteggiato da Vivendi, il secondo per l'aggregazione con il broadcaster bavarese Prosiebensat sembra arrivato a un punto di svolta.

    – di Andrea Fontana

    Tim e Telefonica, offerta congiunta in Brasile per l'operatore Oi

    I due ex soci - Telefonica è uscita da Telecom in contemporanea con l'arrivo di Vivendi – si sono dunque uniti per fare un'offerta per l'acquisizione del quarto operatore mobile brasiliano (quota di mercato del 16% e 37 milioni di abbonati).

    – di Andrea Biondi

    Mediaset soffre in Borsa, il dividendo di Prosieben cala dopo conti sotto le attese

    Ma a essere in fermento è tutto il settore dei broadcaster europei: in attesa di capire come si concluderà la vicenda Mfe, con Mediaset che ha appena deciso di rivede il piano della holding in Olanda per superare le accuse di Vivendi, Prosiebensat ha annunciato subito dopo i conti 2019 che rileverà assieme alla General Atlantic The Meet Group "per creare un player globale leader nel segmento degli appuntamenti online", dimostrando come l'obiettivo sia quello di espandersi anche in...

    – di Enrico Miele

    Mediaset rivede il piano Mfe in Olanda per superare le accuse di Vivendi

    ...denunciati da Vivendi. ... Vivendi in Olanda ha sollevato questioni relative alla regolarità del deposito del progetto Mfe che in particolare non conterrebbe le relazioni degli esperti previste dalla legge olandese. ...nei confronti di Vivendi per i continui tentativi...

    – di Antonella Olivieri

    Mediaset vince in Olanda, rigettato ricorso di Vivendi

    A quanto risulta al Sole 24 Ore da fonti legali il tribunale di Amsterdam avrebbe rigettato le richieste di Vivendi ... Il tribunale di Amsterdam ha rigettato le richieste di Vivendi di sospensiva dell'operazione che porta alla holding di Mfe. ... In via principale Vivendi aveva chiesto al tribunale olandese di giudicare l'eventuale violazione della legge olandese in materia di fusioni e acquisizioni delle delibere assunte e le modalità con cui sono state approvate.

    – di Andrea Biondi

    Europa a due velocità, Piazza Affari chiude a testa alta (+1,4%) con Saipem, Fca e Tim

    Fuori dal listino principale, scatti per Piaggio (+5,1%), che ha spiegato di non attendersi particolari impatti a causa del coronavirus sulla catena di fornitura, e per Mediaset (+4,5%) nel giorno in cui la Corte di Amsterdam ha rigettato la richiesta di Vivendi di sospendere piano Mfe.

    – di Paolo Paronetto ed Enrico Miele

1-10 di 1880 risultati