Persone

Vincenzo Onorato

Vincenzo Onorato è nato il 15 maggio del 1957 a Napoli ed è attuamente uno degli armatori più importanti in Italia. È Presidente della Moby Lines e del consorzio di vela Mascalzone Latino.

Vincenzo Onorato si è laureato in Economia marittima ed è entrato a far parte dell’azienda di famiglia: la Moby Lines, fondata dal padre Achille (scomparso all'età di 93 anni nel dicembre 2002), dove attualmente riveste la carica di Presidente.

Nel 1993 ha fondato il team velico Mascalzone Latino, di cui è Presidente. Si tratta di una delle squadre top della vela mondiale, che conta diversi successi tra cui sei vittorie ai Campionati del mondo, tre nella classe Farr40 (2006 - 2007 - 2008), IMS (2000), Mumm30 (2000), Sardinia Cup Isaf Offshore Team World Championship (2006), la Giraglia, la Regata dei tre Golfi e la Copa del Rey.

Nel 2007 Vincenzo Onorato è stato nominato Velista dell’anno. Già Socio del Reale Yacht Club Canottieri Savoia è anche membro del Circolo Nautico di Roma.

Recentemente Onorato ha acquistato partecipazioni sia nella Toremar che nella Tirrenia, rendendo la Moby S.P.A. la prima compagnia di navigazione italiana per le rotte del mediterraneo.

Attualmente la Moby vanta circa 40 navi e 1800 persone impiegate, producendio un fatturato vicino ai 300 milioni di euro.

Vincenzo Onorato è sposato con Lara Ciribì Onorato ed ha 5 figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partecipazioni societarie | Vincenzo Onorato | Mascalzone | Italia | Toremar | Circolo Nautico | Moby S.P.A. | Moby Lines | Canottieri Savoia | Lara Ciribì Onorato |

Ultime notizie su Vincenzo Onorato

    Moby in acque burrascose: per il rifinanziamento del debito bancario spunta Carlyle. E sul bond...

    Naviga in acque burrascose Moby: sul tavolo c'è il fronte con gli obbligazionisti e quello con le banche, in seguito al non rispetto dei covenant. Il gruppo dei traghetti controllato dalla famiglia Onorato ha chiuso il 2018 con una perdita di 62,7 milioni (dall'utile 2017 di 22,9 milioni), ricavi più o meno inalterati a 584,3 milioni ma soprattutto con un'Ebitda in forte calo: da 131,6 milioni a 47,5 milioni. Per questa ragione, in seguito al mancato rispetto dei covenant con le banche, Vincen...

    – Carlo Festa

    Traghetti, Moby al rimborso di rata da 50 milioni alle banche

    Il gruppo dei traghetti Moby procede verso una data importante nel suo cammino per rientrare sull'esposizione debitoria: entro il prossimo 11 febbraio dovrà infatti rimborsare una rata da 50 milioni di euro di finanziamento bancario, facendo passare quindi la sua esposizione verso un pool di banche

    – di Carlo Festa

    Il nuovo Registro navale aumenta i costi: gli armatori pronti a fuggire all'estero

    Il Registro navale internazionale italiano compie 20 anni nel 2018 e ha avuto il merito di far crescere flotta e occupazione in Italia. Ma un decreto legislativo che dovrebbe entrare in vigore a partire da giugno, modificando alcune regole stabilite nel Registro con l'obiettivo dichiarato di

    – di Raoul de Forcade

    Abuso di posizione dominante, multa Antitrust da 29 milioni a Moby e Cin

    Una ammenda da 29 milioni per abuso di posizione dominante nella gestione delle tratte di trasporto marittimo da e per la Sardegna. Questa la sanzione comminata dall'Autorità Antitrust a Moby Spa e Compagnia Italiana di Navigazione Spa (Cin), società del gruppo Onorato per aver abusato della

    Scontro tra Grimaldi e Onorato sugli sgravi fiscali per gli armatori

    E' scontro fra il presidente di Confitarma, Manuel Grimaldi, e l'armatore Vincenzo Onorato, alla guida di Moby e Tirrenia, in merito alla legge 30/1998, che regola i benefici fiscali per gli armatori con navi che battono bandiera nazionale.

    – di Raoul de Forcade

    Sfida sui mari tra Grimaldi, Onorato e Aponte. Ma Msc interviene sui rumors: "Gnv non è in vendita"

    "Gli azionisti di riferimento di Gnv ribadiscono in modo perentorio che la compagnia non è in vendita". La nota arriva direttamente dal gruppo Msc dell'armatore Gianluigi Aponte, che controlla Grandi Navi Veloci (Gnv). E' l'ultimo atto della sfida in corso tra i giganti italiani dei mari: cioè la famiglia Grimaldi, gli Onorato e Aponte. Si tratta di una sfida per il predominio sulle rotte passeggeri e merci, non solo in Italia ma anche nel Mediterraneo e nei mari del Nord Europa. Ma perché ques...

    – Carlo Festa

    Grimaldi si fa avanti per la Grandi Navi Veloci di Aponte

    Grandi manovre in vista nel settore delle dei traghetti. Qualche giorno fa a Cernobbio al forum annuale di Conftrasporto Vincenzo Onorato ha annunciato un'alleanza commerciale con Gianluigi Aponte per un nuovo network dedicato ai traffici ro-ro del Mediterraneo, formato da quattro compagnie - Gnv, Snav, Moby e Tirrenia, in alternativa a quello del gruppo Grimaldi. L'alleanza fra Moby e Tirrenia da una parte e Gnv-Snav sembrerebbe infatti esplicitamente volta a competere con il gruppo Grimaldi, ...

    – Carlo Festa

    Grimaldi rilancia sulla Sardegna

    CIVITAVECCHIA (RM) - Il gruppo Grimaldi intende conquistare, nell'arco di un anno e mezzo, il 50% della quota di mercato di traffico passeggeri e merci tra Italia e Sardegna. E per raggiungere questo risultato metterà in campo 14 navi (11 delle quali sono già attive) sulle rotte tra l'isola e il

    – di Raoul de Forcade

1-10 di 103 risultati