Persone

Vincenzo Onorato

Vincenzo Onorato è nato il 15 maggio del 1957 a Napoli ed è attuamente uno degli armatori più importanti in Italia. È Presidente della Moby Lines e del consorzio di vela Mascalzone Latino.

Vincenzo Onorato si è laureato in Economia marittima ed è entrato a far parte dell’azienda di famiglia: la Moby Lines, fondata dal padre Achille (scomparso all'età di 93 anni nel dicembre 2002), dove attualmente riveste la carica di Presidente.

Nel 1993 ha fondato il team velico Mascalzone Latino, di cui è Presidente. Si tratta di una delle squadre top della vela mondiale, che conta diversi successi tra cui sei vittorie ai Campionati del mondo, tre nella classe Farr40 (2006 - 2007 - 2008), IMS (2000), Mumm30 (2000), Sardinia Cup Isaf Offshore Team World Championship (2006), la Giraglia, la Regata dei tre Golfi e la Copa del Rey.

Nel 2007 Vincenzo Onorato è stato nominato Velista dell’anno. Già Socio del Reale Yacht Club Canottieri Savoia è anche membro del Circolo Nautico di Roma.

Recentemente Onorato ha acquistato partecipazioni sia nella Toremar che nella Tirrenia, rendendo la Moby S.P.A. la prima compagnia di navigazione italiana per le rotte del mediterraneo.

Attualmente la Moby vanta circa 40 navi e 1800 persone impiegate, producendio un fatturato vicino ai 300 milioni di euro.

Vincenzo Onorato è sposato con Lara Ciribì Onorato ed ha 5 figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partecipazioni societarie | Vincenzo Onorato | Mascalzone | Italia | Toremar | Circolo Nautico | Moby S.P.A. | Moby Lines | Canottieri Savoia | Lara Ciribì Onorato |

Ultime notizie su Vincenzo Onorato

    Obbligazionisti e Onorato in trattativa per un 182 bis su Moby. Nodo governance

    La gestione potrebbe restare alla famiglia Onorato, azionisti di controllo: Vincenzo Onorato è attualmente presidente dell'azienda e il figlio Achille è amministratore delegato. ... L'agenzia ha declassato Moby, riducendo a «C» da «Ca» il rating corporate e a «Ca» da «Caa3» il rating del bond da 300 milioni di euro: la mossa era peraltro attesa, visto che a febbraio la compagnia di traghetti controllata dalla famiglia Onorato non ha pagato né la cedola sul bond né gli interessi dovuti sulla linea...

    – Carlo Festa

    Tirrenia, dissequestrati i conti Cin in cambio di garanzia sulle navi: però già in pegno a banche e obbligazionisti

    Si aggiunge un altro capitolo alla vicenda del gruppo fondato dalla famiglia Onorato, impegnato da un lato a salvarsi dal default nei confronti dei bondholder e dall'altro a rispondere alle richieste dei commissari di Tirrenia in amministrazione... Dopo «conference call» tra i commissari di Tirrenia, i vertici di Tirrenia Cin-Moby (presente Achille, figlio di Vincenzo Onorato), la ministra delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli e il ministro dello sviluppo economico Stefano...

    – Carlo Festa

    Tornano all'attacco gli hedge fund contro la famiglia Onorato su Moby

    Tornano all'attacco della famiglia Onorato gli obbligazionisti del gruppo Moby. Dopo l'istanza di fallimento presentata due mesi fa, gli investitori istituzionali hanno inviato il 13 dicembre scorso una lettera in cui contestano a Moby e all'azionista, la famiglia Onorato, alcune operazioni in violazione dei covenant sul debito. Un mese emezzo fa gli obbligazionisti avevano perso in Tribunale con la famiglia Onorato, anche se il giudice aveva chiesto al board di Moby di avviare delle misure pe...

    – Carlo Festa

    Inchiesta Fondazione Open, ecco la lista dei finanziatori

    Si tratta di un sostegno che Bianchi e Marco Carrai, fedelissimi dell'ex premier, chiedono a ottobre 2013 a una serie di imprenditori, tra i quali Davide Serra e Beniamino Gavio. Il gruppo Menarini: mai fatte donazioni a Open

    – di Ivan Cimmarusti e Sara Monaci

    Renzi e la parabola di Open, da modello di trasparenza agli intrecci finanziari

    La fondazione che ha sostenuto l'ascesa di Renzi è stata tra le poche a pubblicare l'elenco dei propri finanziatori prima che la legge lo imponesse. Restavano esclusi, però, quelli che non avevano dato il consenso alla diffusione dei dati. E che ora emergono dall'inchiesta della magistratura

    – di Riccardo Ferrazza

    Moby denuncia fondi di investimento per «diffamazione»

    La Moby denuncia alla Procura della Repubblica alcuni fondi di investimento per una presunta «campagna diffamatoria». Il riferimento è alla recente cessione, da parte di Moby, di 2 traghetti alla danese Dfds in cambio di 2 navi più datate.

    – di R.E.I

    Alberto Bianchi, dal Mef alla Consip: chi è l'uomo della Leopolda di Renzi

    Pistoiese di origine, 65 anni, l'avvocato Alberto Bianchi è stato presidente della Fondazione Open che finanziava la Leopolda. Nel maggio 2014 era stato nominato consigliere di amministrazione dell'Enel. Molto legato all'ex premier Matteo Renzi, è ritenuto suo consigliere assieme al finanziere Davide Serra

    – di Ivan Cimmarusti

    Moby cede due navi e sistema (per ora) i conti in vista del rimborso del bond

    Il gruppo Moby cede due delle sue navi più redditizie e capienti, la Wonder e la Aki, al gruppo danese Dfds. L'operazione consentirà di incassare una importante plusvalenza e di migliorare i conti dell'azienda, che era sotto pressione sui covenant finanziari. Il gruppo della famiglia Onorato sostituisce tuttavia due tra le navi più moderne (sono del 2001 e del 2005) in cambio delle due navi più datate King Seaways (1987) e Princess Seaways (1986). Sul mercato l'operazione viene vista con una ...

    – Carlo Festa

1-10 di 114 risultati