Ultime notizie:

Vincent Van Gogh

    La malìa giapponese che stravolse l'arte europea

    Il verbo si diffuse nel vecchio continente alla velocità delle avanguardie e con interpreti che da Claude Monet a Vincent Van Gogh, da Paul Guaguin a Edgar Degas e Henry de Toulouse-Lautrec (tutti collezionisti di manufatti e stampe orientali, il... Van Gogh. ... In mostra il bellissimo Farfalle e papaveri proveniente dal Van Gogh Museum di Amsterdam e dallo stesso museo il ritrattto di Emil Bernard dedicato alla nonna, Divan Japonais del 1893, Cadieux e Aristide Briant dans son

    – di Stefano Biolchini

    Il Philadelphia Museum of Art cresce con Gehry e diventa piazza

    Il PMA del futuro costerà 196 milioni di dollari e aggiungerà circa 8.000 metri quadri, di cui 2.000 saranno nuovi spazi espositivi per un museo che conta oltre 240mila oggetti e opere in collezione tra cui i Girasoli di Vincent Van Gogh (1888/89), i Grandi bagnanti di Cezanne (1900/06), il bacio di Constantine Brancusi (1916) e alcune tra le opere più rilevanti di Marcel Duchamp – tra cui il suo nudo che scende le scale n.2 (1912) e Il Grande Vetro (1915-23).

    – di Sara Dolfi Agostini

    Venezia '75: Vince «Roma», il migliore. Nonostante la distribuzione di Netflix e il chiacchiericcio su presunti conflitti di interesse, ha vinto la pellicola più bella, quella di Alfonso Cuarón

    In At eternity's Gate di Julian Schnabel è Vincent van Gogh, in preda alle turbe della natura che rappresenta nelle sue tele, alle scariche quasi animali che lo portano a gelosia, fame, isolamento. Quello di Schnabel è il film di un pittore su un pittore - lo aveva fatto anche nel suo esordio da regista per Basquiat nel 1996 -, con una macchina da presa coerente, anche in certa melodrammaticità, al movimento impresso nei quadri di van Gogh stesso.

    – Cristina Battocletti

    Vince il miglior film: «Roma» del messicano Alfonso Cuarón

    In “At eternity's Gate” di Julian Schnabel è Vincent van Gogh, in preda alle turbe della natura che rappresenta nelle sue tele, alle scariche quasi animali che lo portano a gelosia, fame, isolamento. Quello di Schnabel è il film di un pittore su un pittore - lo aveva fatto anche nel suo esordio da regista per Basquiat nel 1996 -, con una macchina da presa coerente, anche in certa melodrammaticità, al movimento impresso nei quadri di van Gogh stesso.

    – di Cristina Battocletti

    Stasera la consegna del Leone d'oro: ecco i favoriti

    Come attore principale potrebbe spuntarla Willem Dafoe, che ha vestito efficacemente i panni di Vincent Van Gogh nel film di Julian Schnabel «At Eternity's Gate», ma un ottimo outsider è John C. Reilly, più bravo sia di Joaquin Phoenix che di Jake Gyllenhaal in «The Sisters Brothers».

    – di Andrea Chimento

    Venezia tra la Budapest di «Sunset» e il Van Gogh di Julian Schnabel

    Il Van Gogh «esagerato» di Schnabel Meno suggestivo è invece At Eternity’s Gate di Julian Schnabel, film che racconta l’ultimo periodo della vita di Vincent Van Gogh e, in particolare, il suo rapporto con Paul Gauguin. ... Notevole, a ogni modo, la prova di Willem Dafoe nei panni di Van Gogh: la sua intensa performance potrebbe metterlo in prima fila tra i candidati alla Coppa Volpi come miglior interpretazione maschile.

    – di Andrea Chimento

    Tutto il meglio delle rassegne cinematografiche in arrivo

    Il cartellone è ricchissimo e al Lido sono attesi grandi registi come Alfonso Cuarón («Roma»), Olivier Assayas («Doubles vies») o i fratelli Coen («The Ballad of Buster Scruggs»), attori come Ryan Gosling (sarà Neil Armstrong in «First Man») o Willem Dafoe (nei panni di Vincent Van Gogh in «At Eternity's Gate») e persino una diva della musica come Lady Gaga, protagonista di «A Star Is Born», esordio alla regia di Bradley Cooper.

    – di Andrea Chimento

    Da «First Man» a «Suspiria», i 10 film più attesi della Mostra di Venezia

    At Eternity's Gate di Julian Schnabel – Schnabel firma quello che potrebbe essere il progetto più ambizioso della sua carriera: una pellicola su Vincent Van Gogh, incentrata sul burrascoso rapporto con il collega Paul Gauguin e ambientata... A interpretare Van Gogh sarà Willem Dafoe, mentre Gauguin avrà il volto di Oscar Isaac.

    – di Andrea Chimento

    Koller festeggia i 60 anni con una serie di aste

    Koller, casa d'aste leader in Svizzera nel mondo dell'arte e con sede a Zurigo, celebra quest'anno a giugno i 60 anni delle sue attività con una serie di aste dedicate all'arte moderna e contemporanea, alla Swiss Art, ai gioielli, orologi, fotografia e design. La Casa, nata come galleria di

    – di Stefano Cosenz

1-10 di 120 risultati