Persone

Viktor Orban

Viktor Orbàn è un politico ungherese nato il 31 maggio 1963 a Székesfehérvár, attualmente Primo ministro dal 2010. È anche leader del partito Fidesz-Unione civica ungherese.

È stato il fondatore, in giovane età, dell'Alleanza dei Giovani Democratici (da cui l'acronimo Fidesz), di impronta anticomunista.

Nel 1990 ha fatto il suo primo ingresso in Parlamento, schierandosi contro il governo capeggiato da Jòzsef Antall.

È stato Primo ministro dell'Ungheria dal 1998 al 2002, anni del suo primo mandato politico, durante il quale ha cercato di risollevare l'economia ungherese da una forte crisi.

Nel 2010 ha vinto nuovamente le elezioni parlamentari. Nel 2011 il suo governo ha introdotto numerosi elementi di conservatorismo nella Costituzione.

Nell'aprile 2014 il partito di cui è leader, Fidesz-Unione civica ungherese, ha riottenuto la vittoria nelle elezioni.

Durante questo governo le posizioni politiche di Orban si sono ulteriormente inasprite orientandosi sempre di più verso nazionalismo e populismo e con un atteggiamento sempre più critico nei confronti dei "burocrati di Bruxelles che vogliono comandare in casa nostra". Nel 2015 il premier ha fatto costruire una barriera lungo il confine con la Serbia per fermare l'afflusso dei migranti e ha annunciato di volerne costruire un'altra. Ha anche indetto un referendum popolare che si terrà il 2 ottobre del 2016 per evitare il ricollocamento dei migranti sul suolo ungherese secondo quanto deciso dall'Ue.

Nell'ultimo periodo ha attirato ulteriormente su di sé l'attenzione mediatica per la sua dura posizione nei confronti degli immigrati, affermando che le persone «arrivate illegalmente dovrebbero essere rastrellate e deportate in un'isola».

Nel referendum da egli voluto sulla proposta di ripartizione dei migranti tra i Paesi della Ue che si è tenuto il 2 ottobre 2016 e di cui Orban è un vivace oppositore, ha subito una sconfitta poiché la maggioranza degli elettori ungheresi ha disertato le urne non facendone raggiungere il quorum per la validità (la metà degli elettori più uno).

Ultimo aggiornamento 03 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Viktor Orbàn | Primo ministro | Migrante | Unione Europea | Jòzsef Antall | Fidesz-Unione | Alleanza |

Ultime notizie su Viktor Orban

    Covid, la crisi dei vaccini può ridisegnare gli equilibri tra famiglie politiche Ue

    L'uscita dal Ppe di Orban rafforza le ipotesi di un avvicinamento della Lega verso i popolari. Un'operazione di questo tipo con rimescolamento delle carte avverrebbe a metà legislatura nel momento in cui si devono definire gli incarichi per la seconda metà del mandato a cominciare dal nome del nuovo presidente del parlamento europeo

    – di Gerardo Pelosi

    Il doppio standing di Salvini tra Orban e Draghi spina nel fianco per il governo

    Dopo un anno e mezzo all'opposizione Matteo Salvini si riprende la scena. Lo fa puntando a un doppio ruolo: di lotta e di governo.Ma questo doppio ruolo prima o poi rischia di mettere in crisi uno dei due fronti soprattutto perché oggi ad imporre l'agenda è una variabile imprevedibile come il Covid

    – di Barbara Fiammeri

    Così il cerchio magico di Orban fa il pieno di fondi Ue in Ungheria

    Familiari e fedelissimi di Viktor Orban da anni vincono appalti milionari finanziati dall'Unione europea. Ma il premier ha solo oliato e perfezionato a uso e consumo un meccanismo avviato da ex funzionari e dirigenti del partito socialista

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Polonia, Ungheria e la fragilità dell'Europa

    Nella conferenza stampa del 10 dicembre, Christine Lagarde (presidente della Banca centrale europea) ha chiarito come stanno le cose. Nell'Eurozona, si prevede un calo del Pil del 7,3% nel 2020, con una ripresa stimata del 3,9% nel 2021, del 4,2% nel 2022 e del 2,1% nel 2023. Nello stesso giorno,

    – di Sergio Fabbrini

    Architetture mancanti in Europa e in Italia

    Già Esopo (uno scrittore greco vissuto nel VI secolo a.C.) aveva consigliato, in una sua favola, di non vendere la pelle dell'orso prima di averlo catturato. Eppure, si dà per scontato che l'Unione europea (Ue) abbia ormai approvato il programma post-pandemico Next generation Eu e che l'Italia ne

    – di Sergio Fabbrini

    Recovery Fund, per l'Italia troppe condizioni. Conte vede Macron

    Il Consiglio Europeo straordinario del 17-18 luglio è stato al centro di conversazioni telefoniche in mattinata tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il primo ministro ungherese, Viktor Orban, il Cancelliere federale austriaco, Sebastian Kurz, e il primo Ministro ceco, Andrej Babis. Il premier ha sentito anche, nel pomeriggio, la premier finlandese Sanna Marin

    – di Gerardo Pelosi

1-10 di 406 risultati