Persone

Viktor Orban

Viktor Orbàn è un politico ungherese nato il 31 maggio 1963 a Székesfehérvár, attualmente Primo ministro dal 2010. È anche leader del partito Fidesz-Unione civica ungherese.

È stato il fondatore, in giovane età, dell'Alleanza dei Giovani Democratici (da cui l'acronimo Fidesz), di impronta anticomunista.

Nel 1990 ha fatto il suo primo ingresso in Parlamento, schierandosi contro il governo capeggiato da Jòzsef Antall.

È stato Primo ministro dell'Ungheria dal 1998 al 2002, anni del suo primo mandato politico, durante il quale ha cercato di risollevare l'economia ungherese da una forte crisi.

Nel 2010 ha vinto nuovamente le elezioni parlamentari. Nel 2011 il suo governo ha introdotto numerosi elementi di conservatorismo nella Costituzione.

Nell'aprile 2014 il partito di cui è leader, Fidesz-Unione civica ungherese, ha riottenuto la vittoria nelle elezioni.

Durante questo governo le posizioni politiche di Orban si sono ulteriormente inasprite orientandosi sempre di più verso nazionalismo e populismo e con un atteggiamento sempre più critico nei confronti dei "burocrati di Bruxelles che vogliono comandare in casa nostra". Nel 2015 il premier ha fatto costruire una barriera lungo il confine con la Serbia per fermare l'afflusso dei migranti e ha annunciato di volerne costruire un'altra. Ha anche indetto un referendum popolare che si terrà il 2 ottobre del 2016 per evitare il ricollocamento dei migranti sul suolo ungherese secondo quanto deciso dall'Ue.

Nell'ultimo periodo ha attirato ulteriormente su di sé l'attenzione mediatica per la sua dura posizione nei confronti degli immigrati, affermando che le persone «arrivate illegalmente dovrebbero essere rastrellate e deportate in un'isola».

Nel referendum da egli voluto sulla proposta di ripartizione dei migranti tra i Paesi della Ue che si è tenuto il 2 ottobre 2016 e di cui Orban è un vivace oppositore, ha subito una sconfitta poiché la maggioranza degli elettori ungheresi ha disertato le urne non facendone raggiungere il quorum per la validità (la metà degli elettori più uno).

Ultimo aggiornamento 03 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Viktor Orbàn | Primo ministro | Migrante | Unione Europea | Jòzsef Antall | Fidesz-Unione | Alleanza |

Ultime notizie su Viktor Orban

    Forza e debolezza delle scelte europee

    C'è voluto più di un mese per individuare la nuova leadership dell'Unione europea (Ue). Non è stato un compito facile, vista la trasformazione in corso della politica continentale. Il Regno Unito è sulla porta di uscita dall'Ue, i Paesi dell'Europa orientale (il gruppo di Visegrad in particolare)

    – di Sergio Fabbrini

    Ue, perché il governo Lega-5 Stelle ha perso la partita delle nomine

    Il vicepremier Matteo Salvini aveva annunciato un terremoto nelle istituzioni Ue. Il risultato, per ora, non gli ha dato ragione: l'Italia è fuori da quasi tutti i ruoli di peso, con l'eccezione del (socialista) David Sassoli alla guida del Parlamento europeo. Male anche le nomine dei vicepresidenti: la spunta solo il grillino Cataldo, a spese della leghista Bizzotto

    – di Alberto Magnani

    Nomine Ue, due donne in pole: von der Leyen alla Commissione, Lagarde alla Bce

    Giro di orizzonte tra i leader europei su di un nuovo "pacchetto" di nomine con due donne in prima fila. Si tratta della ministra tedesca alla Difesa Ursula von der Leyen (Ppe) per la guida della Commissione europea e la direttrice del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde alla

    – di Nicola Barone

    Salvini accusa l'Europa ma boicotta le riforme per evitare altri casi "Sea Watch"

    Matteo Salvini mantiene la linea dura sui migranti, accusando la "comandante Carola" della Sea Watch 3, Ong e «i burocrati di Bruxelles». Ma gli eurodeputati leghisti a Strasburgo hanno sempre remato contro la riforma di Dublino che potrebbe agevolare l'Italia nella gestione della (ex) emergenza sbarchi

    – di Alberto Magnani

    Salvini accusa l'Europa ma boicotta le riforme per evitare altri casi "Sea Watch"

    Matteo Salvini mantiene la linea dura sui migranti, accusando la "comandante Carola" della Sea Watch 3, Ong e «i burocrati di Bruxelles». Ma gli eurodeputati leghisti a Strasburgo hanno sempre remato contro la riforma di Dublino che potrebbe agevolare l'Italia nella gestione della (ex) emergenza sbarchi

    – di Alberto Magnani

    Chi è Manfred Weber e perché gli serve l'appoggio di Conte

    Gli avversari lo accusano di essere privo di carisma. I suoi sostenitori lo apprezzano per una dote affinata in 15 anni di attività all'Eurocamera: il pragmatismo o, a seconda dei casi, lo spirito di adattamento. Manfred Weber, 47 anni, è l'uomo politico bavarese che oggi (10 giugno) è in visita da

    – di Alberto Magnani

    Riusciranno i sovranisti a cambiare le regole economiche europee?

    Gli autori di questo post sono Tammaro Terracciano e Nicolò Fraccaroli. Tammaro è Ph.D. candidate presso lo Swiss Finance Institute di Ginevra. La sua maggiore area di interesse è la macroeconomia internazionale. Nicolò è dottorando in economia presso l'Università di Roma Tor Vergata, ha lavorato presso il dipartimento di Relazioni europee della Banca centrale europea e ha pubblicato con Robert Skidelsky il libro Austerity vs Stimulus. The Political Future of Economic Recovery (2017) -  Il rece...

    – Econopoly

    Brexit, Trump esorta il Regno Unito: mandate Farage a negoziare con l'Ue

    La Gran Bretagna dovrebbe mandare il leader del Brexit party Nigel Farage a negoziare con Bruxelles, e se Londra non otterrà quel che chiede all'Unione Europea, dovrebbe semplicemente uscire con un "no deal". Donald Trump entra a piedi uniti nel complesso scenario della Brexit in un'intervista al

1-10 di 355 risultati