Aziende

Veneto Banca

Il Gruppo Veneto Banca nasce nel 1877, anno di fondazione della Banca Popolare di Montebelluna, in provincia di Treviso.A partire dal 1997 la Popolare ha intrapreso un cammino che l'ha portata cambiare la denominazione in Veneto Banca.
Dal 2000 ha esteso i propri interessi all'Europa Orientale.Nel 2010 Veneto Banca porta a termine due nuove acquisizioni: quella di Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana. Nel 2013 Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana viene fusa in Veneto Banca, divenendo la Direzione Territoriale della capogruppo a presidio del Centro Italia.

Nel mese di ottobre 2015 viene presentato il piano industriale del Gruppo per il periodo 2015-2020, che prevede la chiusura di 130 filiali entro il 2017.

Nell'assemblea straordinaria dei soci del 19 dicembre 2015 viene approvata,come richiesto dal decreto legge 3/2015 del Governo Renzi, la trasformazione da Soc. Coop. a Società per Azioni (S.p.A.) e la conseguente quotazione in borsa, con la necessità di un aumento di capitale da 1 miliardo di €.

Aumento che viene sottoscritto da "Fondo Atlante" che controlla il 97,64% del capitale azionario dell'istituto.

L'8 agosto del 2016, Beniamino Anselmi, ex Presidente del Comitato Esecutivo di Banca Carige, viene eletto Presidente del nuovo CdA targato Fondo Atlante mentre Cristiano Carrus viene confermato Amministratore delegato.
Il 7 novembre del 2016 Beniamino Anselmi rassegna le dimissioni da Presidente del CdA e Maurizio Lauri, Presidente di Banca Intermobiliare, assume la Presidenza ad Interim. L'11 novembre Massimo Lanza è diventato il nuovo presidente e Cristiano Carrus l'ad. Da gennaio 2017 è in corso la fusione con la Banca popolare di Vicenza affidata all’ad Fabrizio Viola.

Nel 2016 la banca ha registrato perdite per 1,5 miliardi di euro.

Il 14 giugno 2017 i legali della banca hanno dato l'avvio dell'azione di responsabilità che presenta un conto da 2,3 miliardi a titolo di danni «nei confronti di ex amministratori e sindaci alternatisi in carica fino al 26 aprile 2014».

Il 21 giugno 2017 Intesa San Paolo ha acquistato a 1 euro Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca senza farsi carico dei crediti deteriorati.

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Capitale sociale | Gruppo Veneto Banca | Beniamino Anselmi | Atlante | Italia Centrale | Banca Intermobiliare | Maurizio Lauri | Comitato Esecutivo | Massimo Lanza | Borsa Valori | Europa dell'Est | Soc. Coop. | Società per Azioni | Governo Renzi | Cristiano Carrus | Banca Popolare di Montebelluna | Banca popolare di Vicenza | Eximbank |

Ultime notizie su Veneto Banca

    Banche, arrivano i rimborsi ai truffati

    Via alla presentazione delle domande di risarcimento attraverso un sito dedicato. Indennizzati bond (al 95%) e azioni (al 30%) - E' un'eredità del governo gialloverde

    – di D. Aquaro e R. Razzante

    Fondo risparmiatori, dal 26 luglio al via le domande a Consap

    Si aprirà il 26 luglio la finestra di sei mesi per gli oltre 200mila risparmiatori che hanno diritto a chiedere il rimborso a carico del fondo da 1,5 miliardi istituito dall'ultima legge di bilancio.

    – di Marco Mobili, Gianni Trovati

    «In crescita utili e dividendi, così è cambiata Sparkasse»

    Cinque anni fa, Cassa di Risparmio di Bolzano-Sparkasse era uno degli istituti nel mirino di Bankitalia: il capitale era pericolosamente finito sotto i minimi regolamentari mentre i crediti deteriorati erano oltre i livelli di guardia. Da allora molte cose sono cambiate. Tanto che oggi Sparkasse è

    – di Luca Davi

    Espansione a Nordest con l'apertura di filiali a Vicenza e Treviso

    Guarda a crescere in tutto il Nord-Est, Cassa di Risparmio di Bolzano. La Sparkasse, forte di una leadership consolidata nell'Alto Adige (dove controlla circa il 20 per cento del mercato, grazie a 60 filiali nella provincia di Bolzano, a cui si aggiungono le 13 a Trento) punta a sviluppare la

    – di L.D.

    Risparmio tradito, Salvini: «Aspettiamo bollino Ue». Che però c'è già

    Sono passati cinque mesi dal via libera al Fondo risparmiatori nella manovra, un mese dall'incontro delle associazioni a Palazzo Chigi con il premier Conte e tre settimane dalla firma del ministro dell'Economia Tria al decreto attuativo. Ma per i risparmiatori che hanno visto azzerarsi i loro

    – di Marco Mobili e Gianni Trovati

    Banca Ifis sospende lo shopping: «Occorre mettere ordine nel business»

    «Vogliamo concentrarci sulla crescita per linee interne. E poi ricercare maggiori sinergie tra le varie attività del gruppo, senza escludere razionalizzazioni del business». Luciano Colombini, nuovo amministratore delegato di Banca Ifis, riassume così le priorità strategiche a sostegno

    – di Vittorio Carlini

    Carige verso lo Stato: schema Mps o banche venete per il salvataggio

    Che fine farà il salvataggio di Banca Carige dopo l'uscita di scena del Fondo Usa Blackrock? I commissari di Carige hanno dichiarato di «proseguire le valutazioni per soluzioni di mercato». Ma la strada appare in salita, dato che negli ultimi mesi nessuno si è fatto avanti seriamente. Cosa accadrà?

    – di Alessandro Graziani

    Crisi bancarie, la grande incertezza: un bilancio della riforma europea

    Gli autori di questo post sono Luca Bellardini e Giulia Scardozzi, dottorandi di ricerca in Management, indirizzo Banking & Finance, presso l'Università degli studi di Roma "Tor Vergata" (XXXIII Ciclo) -  Cinque anni fa, il 15 aprile 2014, il Parlamento europeo approvava la Banking Recovery and Resolution Directive (Brrd, n. 2014/59/Ue), entrata in vigore il 1° gennaio 2016. Oggi, quando sono trascorsi pochi giorni dall'imprimatur di Strasburgo ad alcune piccole ma non irrilevanti modifiche (al...

    – Econopoly

    Rimborsi banche, tutti i dubbi dei risparmiatori

    Le due associazioni di risparmiatori indicate come le più vicine ai partiti di Governo, paradossalmente, si sono rifiutate di aderire all'accordo alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del ministro dell'Economia Giovanni Tria. Il dato può apparire curioso, eppure va

    – di Stefano Elli

    Banche, passa linea Tria: rimborsi automatici per i redditi sotto ai 35mila euro

    Per accedere automaticamente ai rimborsi i risparmiatori penalizzati dalle crisi bancarie dovranno avere un reddito Irpef entro i 35 mila euro o un patrimonio finanziario complessivo di 100.000 euro. Gli altri avranno i rimborsi tramite un arbitrato tipizzato e semplificato. E' previsto un diritto

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 1210 risultati