Le nostre Firme

Valerio Castronovo

Nato a Vercelli nel 1935, è stato dal 1967 al 1971 professore incaricato di storia moderna all’Università Statale di Milano e dal 1972 al 2004 ordinario di storia contemporanea all’Università di Torino. Dal 1983 è direttore scientifico della rivista trimestrale di scienze e storia “Prometeo”. È presidente dell’Istituto di studi storici Salvemini di Torino e del Centro Studi di documentazione storica ed economica dell’impresa di Roma.

Ha collaborato dal 1976 al 1998 alle pagine culturali di “Repubblica” e dal 2000 scrive per il “Sole” di temi economici e politico-sociali.

Fra le sue pubblicazioni: La stampa italiana dall’Unità al fascismo (Laterza, 1970); Giovanni Agnelli (Utet, 1971); La storia economica. Dall’Unità d’Italia a oggi, (Einaudi, 1975); L’industria italiana dall’Ottocento a oggi (Mondadori, 1981); “La Stampa1867-1925. Un’idea di democrazia liberale (Angeli, 1987); Grandi e piccoli borghesi (Laterza, 1988); Le rivoluzioni del capitalismo (Laterza, 1996); Fiat 1899-1999. Un secolo di storia italiana (Rizzoli, 1999); L’eredità del Novecento. (Einaudi, 2000); Le paure degli italiani (Rizzoli, 2003); L’avventura dell’unità europea. (Einaudi, 2004); Un passato che ritorna. L’Europa e la sfida dell’Asia (Laterza, 2006); Piazze e caserme. I dilemmi dell’America latina (Laterza 2007); Cento anni di imprese. Storia della Confindustria (Laterza 2010); Le ombre lunghe del Novecento. (Mondadori 2010); Il capitalismo ibrido. Saggio sul mondo multipolare (Laterza 2011).

Ha curato l’edizione italiana della Cambridge Economic History (Einaudi, 1978-1992), una Storia dell’economia mondiale (Laterza, 1996-2001), e per la Rai-Tv una storia, in 20 puntate, del capitalismo italiano (1999-2000). La sua Storia economica dell’Italia è stata tradotta in Cina e alcuni suoi saggi in Germania e Spagna.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Valerio Castronovo

    Un manifesto riformista contro i populismi

    Non è rassicurante la previsione secondo cui sovranisti e populisti non giungeranno ad avere la meglio nelle prossime elezioni europee. Poiché basterà che essi raccolgano una buona dose di consensi in alcuni Paesi (come Francia, Italia, Spagna e parte della Germania) per essere in grado, grazie a

    – di Valerio Castronovo

    Temperare l'iperglobalizzazione

    Che la globalizzazione fosse un processo destinato, di per sé, a generare risultati positivi univoci, tali da dar luogo a una fase di crescita sicura e su vasta scala, per via dei vantaggi aggregati derivabili dalla liberalizzazione dei rapporti commerciali e dei movimenti di capitale, ha

    – di Valerio Castronovo

    La lezione di Brescia per l'industria

    Se la nostra industria manifatturiera figura in Europa seconda solo alla "locomotiva" tedesca, lo si deve a un sistema produttivo che ha saputo dar vita nel corso del tempo a una feconda combinazione fra intraprendenza e ingegnosità, fra spirito d'iniziativa e capacità progettuali. Che è quanto

    – di Valerio Castronovo

    Il boom, la fiducia e il rilancio

    C'è un fattore di grande importanza per la crescita dell'economia come per le stabilità delle istituzioni e per l'evoluzione dell'ordinamento sociale.

    – di Valerio Castronovo

    La concertazione per unire sviluppo e democrazia

    Qualcosa sta cambiando nei rapporti del governo con le parti sociali. La mobilitazione di dodici associazioni di categoria rappresentative di due terzi del Pil italiano, chiamate a raccolta da Confindustria a Torino, e di una massa di "felpe blu" della Confartigianato radunatesi a Milano, ha

    – di Valerio Castronovo

    Regno Unito e Ue, storia di un amore mai sbocciato

    La convivenza, durata per 45 anni, fra la Gran Bretagna e la Comunità europea, è sempre stata difficile. Innanzitutto, perché l'adesione del Regno Unito alla Cee fu dovuta a suo tempo soprattutto all'insuccesso dell'Efta, la zona di libero scambio promossa nel 1960 da Londra per contare su una

    – di Valerio Castronovo

    Torino e Genova unite a caccia di strategie oltre l'immobilismo

    C'è stato un lungo periodo di tempo durante il quale Torino e Genova hanno vissuto un'esperienza analoga all'insegna dello sviluppo economico, dopo esser state divise, prima dell'unità nazionale, da contrapposte tradizioni politiche: l'una monarchica e cavouriana, l'altra repubblicana e mazziniana.

    – di Valerio Castronovo

    Perché c'è bisogno di rilanciare il sud

    A giudicare dall'impianto della Legge di bilancio annunciata dal governo Conte, in pratica non si possono coltivare molte speranze su un'effettiva evoluzione dello scenario e delle prospettive del Mezzogiorno. Anzi, c'è il rischio di una battuta d'arresto del processo di sviluppo delineatosi in

    – di Valerio Castronovo

    Riforme e dialogo a difesa dei valori europei

    Mancano ancora otto mesi dalle elezioni europee del maggio 2019. Ma da quando, alla fine dello scorso agosto, il ministro dell'Interno e vicepremier italiano Matteo Salvini e il capo del governo ungherese Viktor Orbán hanno annunciato il loro patto per la formazione di un "asse sovranista", in

    – di Valerio Castronovo

    Uno Stato regolatore, non padrone

    Che occorra tornare alle nazionalizzazioni, come sostengono i ministri del M5S, è paradossale. Dimostra che non si ha un'idea chiara dei motivi, 25 anni fa, della fine dello "Stato banchiere e imprenditore".

    – di Valerio Castronovo

1-10 di 274 risultati