Persone

Valeria Fedeli

Valeria Fedeli ( nata a Treviglio il 29 luglio 1949) è una sindacalista e politica italiana, senatrice del Partito Democratico e Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca dal 12 dicembre 2016 nel governo Gentiloni.

Inizia la sua attività nel sindacato a Milano alla fine degli anni '70 entrando nella Cgil. Si trasferisce poi nel 1982 a Roma, per assumere incarichi di segreteria prima nel settore pubblico e poi nel tessile. Dal 2000 fino al 2010 guida come segretaria generale, la categoria dei lavoratori tessili della Cgil.Nel 2012 lascia il sindacato per candidarsi nelle liste del Partito Democratico come capolista in Toscana per il Senato della Repubblica.

Eletta senatrice nelle elezioni politiche italiane del 2013, il 21 marzo 2013 è eletta vice presidente del Senato della Repubblica per il Pd. E' stata tra le fondatrici del movimento civile "Se non ora quando?", partecipando all'organizzazione della manifestazione del 13 febbraio 2011 .Tra i vari disegni di legge presentati come primo firmatario si ricorda quello per l'istituzione di una Commissione parlamentare sul fenomeno dei femminicidi che raccolse tra i cofirmatari l'appoggio di molti esponenti di forze politiche anche di opposizione.

È sposata con l'ex senatore del PD Achille Passoni.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Senatore | Pd | Valeria Fedeli | Sindacato | Gentiloni | CGIL | Achille Passoni | Senato |

Ultime notizie su Valeria Fedeli

    Scuola, il Governo cerca 1,4 miliardi per alzare lo stipendio dei prof

    Alla lunga lista di promesse/proposte/desiderata che già compone il menù della prossima manovra da 45 miliardi si iscrive anche la scuola. Non tanto e non solo per la doppia ondata di concorsi da 70mila cattedre, che arriverà entro l'autunno e che però è finanziata, quanto per l'auspicato rinnovo

    – di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

    Università, in Italia una laurea su 10 «parla» solo inglese

    Stop ai corsi di laurea in inglese? A giudicare dall'offerta in rampa di lancio per il prossimo anno accademico non si direbbe proprio. Il numero dei corsi la cui didattica è interamente nella lingua di Albione sono arrivati a quota 440 in 55 atenei in rispetto ai 351 del 2018/19 e ai 339 del

    – di Francesca Barbieri

    Scuola, 70mila posti a concorso. Ma per i giovani la cattedra è un miraggio

    Se c'è un merito che accomuna Valeria Fedeli e Marco Bussetti è quello di aver avuto il coraggio di superare le varie, e costose, abilitazioni e riformare il sistema di reclutamento degli insegnanti aprendo le porte dei concorsi ai giovani laureati, seppur dopo il conseguimento di 24 crediti

    – di Claudio Tucci

    La scuola non boccia quasi più (e non per merito degli studenti)

    Nell'Italia malata di bassa crescita c'è una voce che in realtà è cresciuta a ritmi sostenuti: gli studenti promossi a fine anno. Mentre il Pil in termini reali, tra il 2013 e il 2018, è aumentato del 2,9%, gli iscritti alle secondarie di II grado che, nel frattempo, hanno ottenuto il passaggio

    – di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

    #Maturità2019, ecco le commissioni d'esame

    L'attesa per gli oltre 500mila candidati alla maturità è finita. In questo momento si completa il quadro delle commissioni d'esame con la pubblicazione da parte del Miur di tutti i nominativi dei docenti (membri esterni, soprattutto) chiamati a valutare i ragazzi. E' la questa una delle pochissime

    – di Claudio Tucci

    Divieto di cellulare in classe per prof e studenti: la proposta di Lega e Fi

    Cellulare vietato «nei luoghi e negli orari dell'attività didattica». E' l'ipotesi avanzata da due proposte di legge, una firmata da Giorgia Latini della Lega e l'altra dall'ex ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini (Fi), che sanciscono il divieto di smartphone in classe anche per gli

    – di Alessia Tripodi

    Asi, Tar non sospende revoca presidenza a Battiston

    Nessuna sospensione provvisoria e urgente del decreto con il quale il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca il 31 ottobre scorso ha revocato il fisico Roberto Battiston dalla presidenza dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi). L'ha deciso con un decreto monocratico il presidente

    Battiston ricevuto da Mattarella dopo il licenziamento. «La ricerca sia autonoma»

    Una riflessione sull'indipendenza e l'autonomia della ricerca. E' stato questo a fare da sfondo all'incontro tra il fisico Roberto Battiston e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dopo il faccia a faccia Battiston ha reso noto di aver aggiornato il Capo dello Stato sul punto nel quale

    – di Nicola Barone

1-10 di 378 risultati