Ultime notizie:

Userbot

    Userbot: l'Intelligenza Artificiale che fa conversare le aziende con le persone

    Antonio Giarrusso ha 30 anni ed è un imprenditore digitale, fondatore e amministratore di Userbot, la più grande startup italiana di sviluppo di tecnologie per l'intelligenza artificiale. Ho avuto modo di conoscere Antonio durante la scorsa edizione di Campus Party tenutasi a Milano. Incuriosita dalla sua straordinaria storia imprenditoriale sono andata ad intervistarlo.  Antonio quando tutto è iniziato?  «La mia storia "digitale" inizia da piccolo. Sono originario di un paesino della Campania...

    – Gloria Chiocci

    Premio Marzotto, alla startup del life science Cellply il grant da 300mila ?

    Il MAXXI di Roma è stato il teatro dell'ottava edizione del Premio Gaetano Marzotto, l'ultimo atto di un percorso iniziato un anno fa e che ha visto concorrere oltre 600 startup candidate, premiarne 48 con un montepremi complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro e prendere corpo un network di

    – di Gianni Rusconi

    Startup, il machine learning vale davvero 5 miliardi di dollari?

    Dalla prevenzione delle frodi finanziarie al monitoraggio dei consumi energetici domestici o industriali. Dai veicoli autonomi ai robot intelligenti, fino all'oggetto elettronico o alle radiografie hi-tech. E al centro di tutto ci sono i big data con la loro traduzione per cittadini e imprese.

    – di Giampaolo Colletti

    Userbot raccoglie in sei mesi 500mila euro di investimenti

    Userbot, startup italiana già partecipata da Polihub ha sviluppato una tecnologia interamente proprietaria nell'ambito dell'Intelligenza artificiale applicata alla customer interaction; nel primo semestre del 2018 ha già raccolto investimenti per più di 500mila euro, di cui oltre 300mila euro da

    – di L.Tre.

    Un chatbot tutto da istruire

    E' successo di nuovo: contattare un'azienda su Messenger per disdire un contratto e ottenere risposta da un ormai onnipresente chatbot. Quando si pensa che l'analfabetismo funzionale umano sia insuperabile, ecco una bella invenzione che, nel raggiungere nuove vette, ci sorprende di nuovo. Ha provato a comunicare inutilmente per oltre un quarto d'ora, ma la sua unica frase conosciuta era «Non ho capito». In pratica si esce dalla chat ancora più impazienti di prima senza aver avuto modo di parlare ...

    – Massimo Chiriatti