Aziende

Unilever

Unilever è una multinazionale anglo-olandese proprietaria di alcuni tra i marchi più diffusi nel campo dell'alimentazione, delle bevande, dei prodotti per l'igiene e per la casa. È presente in 90 Paesi, con 200 filiali distribuite in tutto il mondo. Il gruppo industriale controlla Algida, Findus, Bertolli, Lipton, Calvè, Knorr, Santa Rosa, Svelto, Coccolino, Cif, Lysoform, Dove, Sunsilk, Mentadent e Axe.

Unilever è presente sul territorio italiano con 5 stabilimenti produttivi, ha all’attivo 4 mila dipendenti. La capogruppo è quotata alle Borse di Parigi, Londra e New York. Unilever è nata nel 1930 dalla fusione di due società: l'inglese Lever Brothers e l'olandese Margarin Unie. Tra il 1930 il gruppo ha effettuato una serie di acquisizioni che gli hanno conferito l’assetto attuale. Tra le più importanti, il 2000 è stato l’anno dell’affare Bestfoods, operazione di acquisto che ha permesso a Unilever di raggiungere la leadership nei prodotti culinari per i consumatori. Nel 2008 Unilever ha ceduto i marchi Bertolli, Maya, Dante e San Giorgio alla società spagnola Grupo Sos, conservando però Bertolli per le salse di pomodoro, le margarine e i cibi surgelati.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Algida | Calvé | Findus | Knorr | Lipton | Svelto | Borsa di Parigi | San Giorgio | Coccolino | Margarin Unie | Grupo Sos | Borsa di Londra | Cif | Lysoform | Santa Rosa | Maya | Lever Brothers |

Ultime notizie su Unilever

    Stop Hate for Profit e l'impegno sociale delle imprese

    Stop Hate for Profit (https://www.stophateforprofit.org) è la recente campagna globale (cui hanno aderito anche Coca-Cola, Starbucks, Unilever e The North Face) per promuovere, attraverso l'interruzione degli investimenti in advertising, un intervento massiccio dei social contro fenomeni come l'hate speech e il razzismo.

    – Econopoly

    Olanda «tradita» da Unilever. La multinazionale sceglie Londra e la Brexit

    Con una decisione che ha tutto il sapore di un ribaltone rispetto al progetto lanciato (e bocciato) nel 2018 di riunificare la sua struttura societaria esclusivamente in Olanda, adesso Unilever, il gruppo del largo consumo famoso per i brand come... Per 90 anni Unilever ha conservato un unico consiglio di amministrazione ma una doppia testa: a Rotterdam con Unilever NV e a Londra con Unilever Plc. ...esclusiva di Unilever.

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Company Culture, un nuovo podcast per ri-costruire il modo di fare impresa

    Un viaggio che, nel corso dei 6 episodi di questa prima serie, include: le storie di N26, Netflix, Basecamp, Microsoft, Spotify e Salesforce; la presentazione dei libri Brave New Work, Agile Company, The HR Change Toolkit, Powerful, Corporate Rebels e Rivoluzione OKR-Measure What Matters; i dialoghi con Gianfranco Chimirri di Unilever, Rosa Santamaria Maurizio di American Express, Marco Russomando di Illimity Bank, Amelia Parente di Roche, Clemente Perrone di Sirti, Giancarlo Campri di Gruppo...

    L'accelerazione gentile dei brand, torna la comunicazione corporate

    "Viviamo crisi interconnesse, non possiamo permetterci di scegliere quale affrontare", recita la dichiarazione promossa da Science Based Targets, un'alleanza che coinvolge centinaia di colossi, tra cui Colgate-Palmolive, Nestlé, Unilever.

    – di Giampaolo Colletti e Fabio Grattagliano

    La protesta della Madel di Cotignola: impossbile controllare i familiari

    Qualità, etica, rispetto dell'ambiente, innovazione sono parole in cui crede davvero questa azienda familiare ravennate, specializzata da 43 anni nel settore della detergenza domestica, e su cui nell'ultimo decennio ha costruito il successo nel segmento dei prodotti ecologici certificati: il marchio Winni's è leader incontrastato di mercato tra i detergenti green in Italia, sbaragliando colossi multinazionali come Henkel, Unilever, P&G, e vale ormai la metà dei 90 milioni di euro di...

    – di Ilaria Vesentini

    Quel dossier segreto che svela il vero sistema olandese

    Rutte, dopo la laurea nel 1992, è entrato nella multinazionale anglo-olandese Unilever, dove ha lavorato nelle risorse umane e nella formazione del personale. Nel 1997, il futuro primo ministro è diventato responsabile del personale della Van den Bergh Nederland, che produce prodotti con il marchio Calvé e fa parte di Unilever. Nel 2002 viene nominato direttore delle risorse umane di una consociata di Unilever che produce snack e merendine, la Iglomora. ...altri colossi come Unilever e Philips...

    – di R. Galullo e A. Mincuzzi

1-10 di 501 risultati