Le nostre Firme

Ugo Tramballi

    Via della seta e di potere

    Xi Jinping arriva in Italia. E la visita di un ospite non qualsiasi - il livello è lo stesso del presidente degli Stati Uniti e del russo - è accompagnata da un dibattito surreale: Cina si, Cina no. Se vogliamo fare affari con quell'universo dobbiamo saltare sul treno della Via della Seta, è la versione ufficiale. Se non lo facciamo perdiamo la grande occasione. E' una sciocchezza. Come se fosse possibile non fare affari con la seconda potenza economica al mondo: quella in maggiore espansione, ...

    – Ugo Tramballi

    Primavera ad Algeri

    Ci avevano detto ed è stato scritto ripetutamente che le Primavere arabe erano affondate nel loro fallimento; travolte dalle guerre civili, dal ritorno al potere di satrapi peggiori di quelli di prima, dalla brutalità dell'estremismo religioso. Solo la Tunisia era un'eccezione ma molto precaria. Poi ritorna in strada l'Algeria ed eccoci di nuovo in un clima primaverile. Come spiega Dalia Ghanem del Centro Medio Oriente di Carnegie, a Beirut, "gli algerini non avanzavano richieste socio-economic...

    – Ugo Tramballi

    "Ai leader e ai cittadini del mondo"

      Puntuale come una festività religiosa, una volta l'anno Slow News riferisce dei movimenti delle lancette dell'Orologio del Giorno del Giudizio nucleare. Non c'è nulla di religioso in questo. Anzi, è una verifica del livello di follia mondiale. Come è tradizione dal 1947, all'inizio di ogni anno il Bulletin of the Atomic Scientists fondato dall'Università di Chicago, ci informa su quanto siamo vicini alla mezzanotte nucleare. Le unità di misura principali sono i comportamenti politici delle na...

    – Ugo Tramballi

    Bibi Netanyahu, il guerriero della sicurezza

    «Chi c? si crede di essere quello? Chi è qui la fottuta superpotenza?», gridò esasperato Bill Clinton, appena Benjamin Netanyahu uscì dallo studio ovale. Era il luglio 1996, l'israeliano era appena diventato premier e il presidente si aspettava che confermasse l'adesione agli accordi di Oslo con i

    – di Ugo Tramballi

    La ricchezza delle nazioni e la povertà dei popoli

    Un paio di settimane fa sono stato invitato dal governo dell'Oman a partecipare a una conferenza per discutere come, entro un ventennio, quel paese del Golfo si libererà dalla dipendenza degli idrocarburi. Si tratta di riformare l'intera economia di un paese e non è facile: se non la bancarotta, prima di un eventuale successo, il governo che ci prova rischia il consenso popolare. A "Oman 2040 Vision" alcuni esperti internazionali di sviluppo economico hanno detto cose sagge. Per esempio che non...

    – Ugo Tramballi

    Padre Dall'Oglio, l'Isis e gli errori commessi in Siria

    La prima reazione alla lettura della notizia che padre Paolo Dall'Oglioè forse vivo e potrebbe essere liberato, è di gioia: se è tutto vero, è un miracolo. La seconda è di sconforto: per quanto in ritirata, circondato dagli avversari, incapace di controllare e governare a suo modo vasti territori,

    – di Ugo Tramballi

    Avanti popolo alla riscossa, democrazia la trionferà

    La democrazia nel mondo è in apparente lenta ritirata e l'autoritarismo sempre più diffuso. Non è una grande scoperta, in Italia basta leggere le pagine di politica interna nei quotidiani: dietro l'insopportabile cicaleccio, il trend nazional-populista è evidente. E' tuttavia interessante scoprire che il fenomeno non appartiene più ai paesi più poveri o in via di sviluppo: "Molte delle democrazie che attualmente sembrano essere alle soglie della transizione verso la dittatura, sono in Europa". ...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 1257 risultati