Aziende

Twitter

Grande portale web che offre ai suoi iscritti di svolgere gratuitamente attività di social network e microblog, Twitter ha attualmente oltre 300 milioni di utilizzatori nel mondo e viene spesso descritto come l’evoluto sistema di messaggi sms della rete internet. Creato da una società di San Francisco (Stati Uniti) nel 2006, Twitter fornisce ai suoi utenti una pagina personale che è aggiornabile pubblicandovi messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. Questi aggiornamenti possono essere effettuati in ogni momento in diverse modalità: sia tramite il sito stesso, che via sms dal cellulare, che ancora tramite programmi di messaggistica istantanea oppure attraverso un servizio collegato alla propria e-mail. Ogni volta che un utente di Twitter pubblica sul suo microblog un aggiornamento, questo viene mostrato istantaneamente nella pagina del suo profilo online e linkato agli altri utenti che sono registrati per riceverlo. È anche possibile limitare la visibilità dei propri messaggi oppure renderli visibili a chiunque.

Il nome Twitter ha una storia originale: è il corrispondente sonoro della parola tweeter, termine che deriva dal verbo inglese to tweet che significa “cinguettare”. Il servizio però ha gravi problemi di redditività e potrebbe essere venduto alle big company di Internet: in pole position Alphabet (Google) o Salesforce (gruppo californiano di cloud computing).

Ultimo aggiornamento 23 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Utente | Stati Uniti d'America | Borsa Valori | Salesforce |

Ultime notizie su Twitter

    La surreale battaglia dell'Italia contro il turismo di massa

    L'autore di questo post è Luca Martucci, consulente ed esperto di marketing di destinazione - Come nel famoso romanzo di Buzzati, nella più tragica desertificazione turistica, il gotha del settore vive con angoscia il ritorno dei Tartari. Chi sono i Tartari? Le masse di turisti o i turisti cosiddetti di massa, quelli sporchi e cattivi che secondo l'accezione comune arrivano con le low cost, affittano appartamenti in Airbnb, oppure entrano in un'agenzia di viaggi per prenotare un tour "mordi e ...

    – Econopoly

    Cybersecurity. Non solo compliance, ma leva di crescita delle imprese

    Post di Paolo Dal Cin, Accenture Security Lead per l'Europa -  Come è oramai ben noto, la tecnologia ha rappresentato il pilastro più solido che ha permesso alla struttura socioeconomica globale di non cedere sotto le pesanti pressioni degli effetti della pandemia e dei vari lockdown che caratterizzano la nostra esistenza dallo scorso 2020. Gli operatori di servizi essenziali (OSE) e i fornitori di servizi digitali (DSP), infatti, si sono rivelati fondamentali per garantire l'erogazione continu...

    – Econopoly

    PNRR, ora che l'Italia ha un Piano Marshall gli italiani non se ne accorgono

    Post a cura dell'associazione Bussola Italia -  Il Recovery Fund è l'occasione ideale per rimettere al centro del dibattito quella necessità di pianificazione che Bussola Italia chiede da tempo. Per questo siamo convinti che il PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza), oltre ai doverosi passaggi parlamentari, debba vedere anche un esteso coinvolgimento dell'opinione pubblica, che al momento è mancato. Per la seconda volta in poche settimane abbiamo chiesto al giornalista e blogger Guido ...

    – Econopoly

    Banche e imprese, per l'Eba l'emergenza è finita: e ora, che succede?

    In un recente intervento su questo spazio ci chiedevamo (con Pier Paolo Valentini), se in vista della sperabile uscita dal clima di emergenza si potevano ipotizzare alcuni trend su come le imprese gestiranno questa fase e, in generale, su come sarà la crisi d'azienda in tempi di Covid, o, meglio, di post-Covid. Fra i vari aspetti che abbiamo discusso, una parte importante della nostra trattazione aveva toccato il tema del rapporto con le banche. Anche se negli anni le imprese sono riuscite a di...

    – Leonardo Dorini

    Smart working, il Covid ha accelerato tutto di un decennio. E adesso?

    L'attuale lavoro da casa (o, per alcuni, in località di vacanza trasformate in luoghi di lavoro) è un fenomeno che ha offerto grandi vantaggi alle aziende: risparmi sugli uffici (ridotti come dimensioni), maggior produttività, minori costi di personale (permessi, malattie etc..). Ora si deve capire come si potrebbe evolvere lo smart working. Ne ho parlato con 3 persone che operano nel settore della gestione del personale, dei manager e delle tecnologie digitali (necessarie per lo smart working)....

    – Enrico Verga

1-10 di 14746 risultati