Persone

Tullio de Mauro

Tullio De Mauro (Torre Annunziata 31 marzo 1932- Roma 5 gennaio 2017) è stato un celebre linguista, docente universitario, ex ministro della Pubblica Istruzione e presidente della Fondazione Bellonci, che organizza il premio Strega.

De Mauro, laureato in Lettere classiche, ha insegnato nelle università di Napoli, Chieti, Palermo e Salerno. Docente di Filosofia del linguaggio alla Sapienza di Roma, è stato poi ordinario di Linguistica generale presso la stessa università. Nel 1966 è stato tra i fondatori della Società di linguistica italiana, di cui è stato anche presidente (1969-73). Dal 2000 al 2001 è stato ministro della Pubblica Istruzione nel governo Amato. Autore di un'importante traduzione commentata del Cours delinguistique générale di F. de Saussure (1967), tra le sue opere più importanti vanno citati: la Storia linguistica dell'Italia unita (1963) e Il grande dizionario italiano dell'uso.

Riconoscimenti

Nel 2001 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana. Per l'insieme delle sue attività di ricerca, l'accademia nazionale dei Lincei gli ha attribuito nel 2006 il premio della Presidenza della Repubblica. Nel 2008 gli è stato conferito l'Honorary Doctorate dall'Università di Waseda (Tokyo).

Collaborazioni giornalistiche

Come pubblicista ha collaborato con Il Mondo (1956-64) e L'Espresso (1981-90) e Internazionale, rivista edita dal figlio Giovanni, dove curava la rubrica Scuole .

Ultimo aggiornamento 05 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Tullio De Mauro | Università | Ministro della Pubblica Istruzione | Fondazione Bellonci | Napoli | Presidenza della Repubblica | Roma |

Ultime notizie su Tullio de Mauro

    Senza le banche e la borghesia commerciale, meno cultura in Italia

    Si sente dire "banconota" e il pensiero corre immediatamente alla cartamoneta, cioè a uno strumento di pagamento emesso dalle banche centrali che abbia corso legale e valore di scambio. In realtà, c'è molto di più e, in genere, non s'immagina che il denaro e la sua circolazione possano essere all'origine della lingua e della cultura italiane. Molto probabilmente, nel parlare di "origini", siamo stati alquanto generosi, è vero, ma, di fatto, non ci si può sottrarre a un'evidenza storica: la flori...

    – Francesco Mercadante

    La scuola è una priorità ovunque (non qui)

    In un Paese intrappolato in un «equilibrio delle basse competenze» sarebbe stato cruciale far tornare in classe i ragazzi prima delle vacanze estive

    – di Andrea Capussela

    L'estate che conobbi il Che

    Il volume di Luigi Garlando, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2017, è in edicola da sabato 9 maggio

    – di Sara Sesia

    Le f(r)asi della rabbia

    L' aggressività è una parola valigia. Include in sé significati diversi, quasi antitetici, sia il significato negativo di ostile, violento sia quello positivo in termini di affermazione, successo, vitalità, riuscita. Quest'ambivalenza non è strana se si considera che "deriva dal latino adgredior che letteralmente significa «avvicinarsi», ma che può anche essere inteso come «assalire», «accusare», «intraprendere», «cominciare»" (Treccani). Detta così è affascinante, ma come si fa a capire quando ...

    – Giuliano Castigliego

    Ogni parola ci lega alla storia

    Ci siamo distratti, e in un attimo, senza alcun preavviso, abbiamo dovuto prendere contatto con la morte e l'angoscia che porta con sé. La nostra società ormai lontana dall'idea di una vita che inevitabilmente contiene in sé anche la morte, è stata travolta e stravolta. Un società che ha taciuto la morte, dimenticandola, ha dovuto cambiare anima. "Una scalata su vette che rovesciano il senso comune e mostrano il limite delle nostre rel(azioni) con le persone e le cose, con la malattia e l'impr...

    – Felicia Pelagalli

    Economia, un codice complesso che espone la lingua a errori e inganni

    Nel 1994, Tullio De Mauro, in un proprio contributo all'interno dell'opera di Bocciarelli e Ciocca, Scrittori italiani di economia, ha affermato che l'indice di leggibilità dei testi di economia è il più basso tra quelli delle lingue specialistiche e settoriali. Comunemente, d'istinto, si cerca un colpevole, qualcuno che abbia artatamente oscurato la storia e i suoi intrecci, cosicché si additano entità occulte d'ogni genere e specie e si finisce col concentrarsi sul dato, ignorando o dimentican...

    – Francesco Mercadante

    Il miracolo della politica in Italia, soldi e successo senza studio. Perché?

    Il dato statistico Solo il 31% dei politici italiani ha conseguito una laurea (EUROSTAT, 2015) Elaborazione dell'autore con dati EUROSTAT[/caption] Antefatto politico-letterario Foscolo fu un capitano combattente: aveva il diritto di raccontare il dolore della sconfitta e della guerra; Vittorio Sereni, un esempio del nostro tempo, oltre che poeta, fu un ufficiale di fanteria, prese parte alla seconda guerra mondiale e conobbe la dimensione della prigionia; Goethe fu funzionario ministeriale...

    – Francesco Mercadante

    Analfabetismo di non ritorno

    Come già accaduto in passato, le prove di valutazione scolastica Invalsi, e in particolare alcuni risultati giudicati allarmanti sulla capacità di comprensione dei testi da parte degli scolari italiani, hanno suscitato polemiche anche esterne all'ambito - quello appunto delle scuole e del dibattito

    – di Lorenzo Tomasin

1-10 di 99 risultati