Persone

Tony Blair

Anthony Charles Lynton Blair, detto Tony Blair, è un politico britannico che ricopre l’incarico internazionale d’inviato speciale per la pace in Medio Oriente su mandato di Usa, UE, Russia e Onu. Ex primo ministro del Regno Unito con il partito dei laburisti è stato due volte Presidente di turno dell’Unione Europea.

Tony Blair è nato a Edimburgo, in Scozia, dove ha studiato diritto e ha lavorato prima come avvocato e poi come ricercatore universitario. Nel 1983 è stato eletto al Parlamento nelle fila dei laburisti, dei quali è diventato leader nel 1994, alla morte prematura di John Smith. Ha fondato il New Labour, portando diversi cambiamenti al programma del partito.

Tony Blair ha vinto le elezioni politiche del 1997, rompendo i 18 anni di dominio dei Tory. L’anno successivo è diventato Presidente di turno dell’Unione Europea, incarico che ha ricoperto anche nel 2005. In politica interna ha realizzato il processo di devolution di Scozia, Galles e Ulster.
Nel 2001 è stato riconfermato al governo e dopo l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001, Tony Blair ha appoggiato gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo, inviando l’esercito britannico in Afghanistan e in Iraq. Il partito dei Labour è stato confermato ancora una volta alle elezioni del 2005, ma Blair ha annunciato le sue dimissioni a fine del mandato.

Dal 1980 Tony Blair è sposato con Cherie, dalla quale ha avuto quattro figli. Nel 2007 si è convertito alla religione cattolica.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Unione Europea | John Smith | Anthony Charles Lynton Blair | Onu | Gran Bretagna | Medio Oriente | Tony Blair | New Labour |

Ultime notizie su Tony Blair

    Salario minimo, ecco come funziona nei Paesi Ue che l'hanno adottato

    La battaglia dei Cinque stelle per il salario minimo in Italia ha trovato, fin dalle origini, due sponde indirette (e insospettabili) in Europa: la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron. La prima ha invitato a giugno a considerare «forme comparabili» di

    – di Alberto Magnani

    Bolton, Bibi e i Pasdaran

    "To stop Iran bomb, bomb Iran", scriveva con pregio della sintesi John Bolton tre anni fa, in un contributo chiestogli dal New York Times. Perché tutta questa inutile diplomazia attorno al programma nucleare di Teheran?, era il pensiero dell'uomo che oggi è il consigliere alla Casa Bianca per la sicurezza nazionale: bombardiamoli, cambiamo il loro regime. E' una costante della vita politica di Bolton, una propensione alla guerra per chi invece dovrebbe scongiurarla, che nel mondo reale non ha u...

    – Ugo Tramballi

    Lo spettro della fame su un terzo dei bambini inglesi

    La quinta potenza industriale del mondo, peraltro destinata, secondo i fautori della Brexit, a un futuro ancor più radioso al di fuori della UE, nasconde un segreto imbarazzante. Oltre il 30% dei bambini inglesi, ossia circa 4,1 milioni, vive in uno stato di povertà relativa. Di questo totale, un nucleo duro di 3,7 milioni vive in povertà assoluta, ossia dispone di 2.3 sterline al giorno (2.60 euro) per mangiare. Secondo proiezioni del IFS, l'Institute of Fiscal Studies, il più prestigioso think...

    – Marco Niada

    Tripudio di fake news

    Se giriamo la testa al passato, ogni epoca ci appare come chapter ben definito: l'età di Pericle, quella di Augusto e Tiberio, il Rinascimento, il Secolo d'oro olandese, i Lumi del Settecento, l'industria dell'Ottocento e la scienza del Novecento. Oggi siamo nel tripudio del web e delle fake news -

    Il partito dei Tory è entrato in convulsione

    La decisione tardiva di Theresa May di aprire il negoziato sulla Brexit ai laburisti di Jeremy Corbyn ha aperto le porte dell'inferno nel partito di Governo. La casa dei Tory è scossa dalle fondamenta. Non solo la destra eurofoba, che vuole la Brexit pura e dura, grida al tradimento di una premier che si è messa a negoziare con un "marxista", ma anche buona parte della base del partito, che è in netta maggioranza (oltre il 60%) a favore di una uscita rapida dalla UE, al limite anche brutale, sta...

    – Marco Niada

    Brexit: Theresa May, la premier che ha tenuto in ostaggio Londra e l'Europa

    Era la candidata eletta per «riportare unità» in un Partito conservatore sempre più frammentato. E' riuscita a spaccare i Tories, il governo e l'Europa come (quasi) nessuno aveva saputo fare. Fino a una scelta diventata inevitabile: le dimissioni dopo l'ultimo incontro ufficiale con Donald Trump,

    – di Alberto Magnani

1-10 di 785 risultati