Persone

Tito Boeri

Tito Boeri è nato il 3 agosto del 1958 a Milano ed è un economista italiano. Dal 24 dicembre del 2014 riveste la carica di Presidente dell'INPS.

Professore ordinario di Economia all’università Bocconi, è Direttore della Fondazione Rodolfo Debenedetti e responsabile scientifico del Festival dell'economia di Trento. Boeri ha collaborato col quotidiano La Stampa e dal 1°maggio 2008 collabora con La Repubblica, è inoltre il fondatore, nonchè redattore, dei siti lavoce.info e Voxeu.org (riviste on line che alimentano la discussione ed il confronto sui temi di economia sia nazionale che internazionale).

Nel 1983 Tito Boeri si è laureato in Economia all'Università Bocconi, conseguendo il dottorato nel 1990 alla New York University. Professore ordinario di Economia del lavoro, ha svolto la ricerca all'Igier della stessa Bocconi. È stato consulente del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale, della Commissione europea, del governo italiano e senior economist all'Ocse dal 1987 al 1996.

Attualmente riveste il ruolo di Research fellow del Cepr, del William Davidson Institute dell'Università del Michigan, del Netspar di Tilburg e dell'Istituto per gli Studi sul Lavoro di Bonn. Fa parte inoltre del Consiglio della European Economic Association e del comitato scientifico di Biennale Democrazia.

Boeri ha sostenuto la necessità di riformare il sistema del mercato del lavoro italiano, attraverso l'adozione di diverse misure, in particolare ha proposto l'introduzione del salario minimo orario e di un contratto unico a tempo indeterminato a tutele progressive ed ha ribadito l'opportunità di un diritto automatico ed uniforme alle prestazioni sociali.

E' fratello dell'architetto Stefano, assessore alla Cultura, Moda, Design ed Expo del Comune di Milano, fino al 17 marzo 2013.

Alla fine del 2014 è stato nominato dal Consiglio dei Ministri presidente dell'INPS.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Tito Boeri | Professore ordinario | Bocconi | Milano | European Economic Association | Inps | Fmi | Banca Mondiale | Rodolfo Debenedetti | Ocse | Cepr | Consiglio dei Ministri |

Ultime notizie su Tito Boeri

    Smart working, digitale e automazione: l'Italia è produttiva da remoto?

    In generale, come ricorda un articolo di Tito Boeri e Alessandro Caiumi su lavoce.info, la struttura produttiva dell'Italia è ancora particolarmente declinata verso l'industria, il che in diversi casi rende complicato passare al lavoro da remoto. ... Boeri e Caiuni citano per esempio "un'indagine curata da Astra Ricerche per Manageritalia su un campione di circa 1.400 iscritti all'associazione", secondo cui "solo il 5 per cento dei rispondenti sostiene che il lavoro a distanza ha comportato un...

    – Infodata

    Smart working, digitale e automazione: l'Italia è pronta a traslocare sul web?

    In generale, come ricorda un articolo di Tito Boeri e Alessandro Caiumi su lavoce.info, la struttura produttiva dell'Italia è ancora particolarmente declinata verso l'industria, il che in diversi casi rende complicato passare al lavoro da remoto. ... Boeri e Caiuni citano per esempio "un'indagine curata da Astra Ricerche per Manageritalia su un campione di circa 1.400 iscritti all'associazione", secondo cui "solo il 5 per cento dei rispondenti sostiene che il lavoro a distanza ha comportato un...

    – Davide Mancino

    Migranti, per gli italiani ce ne sono oltre il triplo della realtà

    L'Italia è tra i paesi dove si registra la percezione più distorta sulla presenza di migranti: sono il 9% della popolazione, contro il 31% stimato dai cittadini. Risultati simili anche in Ungheria (2% contro il 20%) e Grecia (9% contro il 35%). Lo rivela il sondaggio «CiakMigraction»

    Come funziona la discriminazione sul posto di lavoro?

    La discriminazione sul lavoro non solo è ingiusta, ma anche dannosa: se un'azienda non assume i talenti migliori per qualche pregiudizio sul loro aspetto, orientamento sessuale, religione o genere avvantaggia i concorrenti. Nella pratica però le cose vanno in maniera diversa, e gli studi che abbiamo a disposizione mostrano che non solo è esistita ed esiste ancora oggi un po' ovunque, ma anche che ha un effetto profondo sul modo in cui gli individui entrano a far parte delle aziende. Gli esempi ...

    – Infodata

    Come funziona la discriminazione sul posto di lavoro? Gli studi accademici su gay, lesbiche e mussulmani

    La discriminazione sul lavoro non solo è ingiusta, ma anche dannosa: se un'azienda non assume i talenti migliori per qualche pregiudizio sul loro aspetto, orientamento sessuale, religione o genere avvantaggia i concorrenti. Nella pratica però le cose vanno in maniera diversa, e gli studi che abbiamo a disposizione mostrano che non solo è esistita ed esiste ancora oggi un po' ovunque, ma anche che ha un effetto profondo sul modo in cui gli individui entrano a far parte delle aziende. Gli esempi ...

    – Davide Mancino

    Per Quota 100 il 30% di beneficiari in meno, spesa di 3,6 miliardi

    Con 205mila nuove pensioni in pagamento entro dicembre grazie a "quota 100" il debutto del nuovo canale sperimentale di uscita anticipata avrà il 29% di beneficiari in meno del previsto quest'anno, per una spesa di 3,6 miliardi. Mentre per il Reddito di cittadinanza la prospettiva è di passare

    – di Davide Colombo

    Lavoro nel Mezzogiorno, così il salario minimo può essere fumo negli occhi

    Ultimamente si dibatte molto sull'opportunità di introdurre un salario minimo nazionale. Appare pertanto utile interrogarsi su alcune dinamiche distorsive del nostro mercato del lavoro, che affliggono in particolare il Mezzogiorno. In un recente paper, Tito Boeri, Andrea Ichino, Enrico Moretti e Johanna Posch tornano su un argomento già trattato e diffuso in passato. Gli autori criticano il sistema italiano basato sulla contrattazione collettiva nazionale e lo mettono a confronto con il sistema...

    – Francesco Bruno

1-10 di 665 risultati