Aziende

Tirrenia

Fondata nel 1936 come flotta di imbarcazioni per il collegamento dei principali porti del Mediterraneo, Tirrenia è strutturata oggi come un gruppo che è costituito, oltre che dalla capogruppo Tirrenia di Navigazione, anche dalla Divisione Adriatica e dalla Siremar. Controllata dal Ministero dei Trasporti tramite Finmare del gruppo Iri, sino al 2002, data della segmentazione e privatizzazione dell’ente statale, successivamente la compagnia di navigazione è passata sotto il controllo della Fintecna (altra società a capitale statale), alla quale è stato dato il compito di traghettare la compagnia marittima alla totale privatizzazione. Operazione questa messa in discussione dai bilanci passivi degli ultimi anni e dal relativo indebitamento. Proprio nel 2010 la compagnia di navigazione che fa capo al gruppo Tirrenia è stata sottoposta a regime di amministrazione straordinaria ed è in attesa che il Governo metta in atto le procedure previste dalla legge Marzano, normativa che contiene le misure per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza. Le navi Tirrenia sono comunque organizzate per coprire le rotte per la Sardegna (da Civitavecchia, Napoli, Genova, Palermo e Trapani per Arbatax, Cagliari, Olbia e Porto Torres), per la Sicilia (da Napoli e Cagliari a Palermo), per le Isole Tremiti (da Termoli), per l’Albania (da Bari a Durazzo) e per la Tunisia (da Genova a Tunisi). Inoltre la compagnia controllata Siremar gestisce le rotte dai porti siciliani di Palermo, Milazzo e Trapani per le Isole Eolie (Vulcano, Panarea, Stromboli, Salina, Lipari, Ginostra, Rinella, Alicudi e Filicudi) per le Isole Egadi (per Marettimo, Levanzo e Favignana) e anche per Ustica, Pantelleria, Linosa e Lampedusa.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Trasporti e viabilità | Tirrenia | Compagnia di navigazione | Siremar | Tunisia | Sardegna | Sicilia | Finmare | Napoli | Genova | Mediterraneo | Albania | Fintecna |

Ultime notizie su Tirrenia

    Moby presenta piano concordatario al Tribunale. Ma resta il no degli hedge fund

    Scade domani il termine per presentare al tribunale di Milano un piano di risanamento finanziario del gruppo dei traghetti Moby, il cui azionista è la famiglia Onorato. All'appello manca il via libera di una classe importante di creditori, in grado di influenzare l'esito finale della vicenda: cioè gli obbligazionisti raccolti in Ad Hoc Group, in gran parte hedge fund che hanno fatto incetta del bond da 300 milioni di euro. Ci sarebbe invece il possibile benestare al piano degli altri creditori, ...

    – Carlo Festa

    Cause legali fra Moby e gli hedge fund: esposti a New York e Londra

    Il gruppo dei traghetti Moby e la famiglia Onorato vanno allo scontro con gli hedge fund riuniti in Ad Hoc Group. L'anticipazione del Sole 24 Ore di lunedì scorso, apre a scenari di cause legali fra l'azienda della famiglia Onorato e gli hedge fund. Moby avrebbe infatti fatto due differenti esposti: uno alla Authority di controllo inglese e l'altro alle autorità finanziarie Usa. Nel radar ci sono gli investitori, inglesi e americani, possessori dei 300 milioni di obbligazioni Moby. La società ...

    – Carlo Festa

    Contro-offerta dagli obbligazionisti: ecco il piano per il rilancio dei traghetti Moby

    Sul tavolo di Moby e della famiglia Onorato arriva una controproposta del comitato degli obbligazionisti Ad Hoc. Giovedì, secondo le indiscrezioni, sarebbe arrivata una contro-offerta, dopo quella inviata dalla stessa Moby a tutti i creditori ai primi di febbraio. L'obiettivo è presentare entro fine marzo al Tribunale di Milano un piano di salvataggio della società dei traghetti. La richiesta degli obbligazionisti raccolti in Ad Hoc Group. Secondo quanto indicato da Reorg, nella controproposta...

    – Carlo Festa

    Salvataggio Moby, le banche trattano con l'azienda: nominata Kpmg

    Le banche si preparano a trattare con Moby sull'offerta che, venerdì della scorsa settimana, è stata mandata dalla compagnia della famiglia Onorato ai creditori. La nuova proposta (all'interno di una procedura 182 bis della legge fallimentare) ricalcherebbe, migliorandola, quella preliminare circolata a dicembre, quando erano state previste 2 opzioni: una prima ipotesi con una percentuale di recupero dei crediti degli obbligazionisti attorno al 30% più una seconda opzione differente che avrebbe...

    – Carlo Festa

    Il Governo vara il Salva Coni, scongiurata la squalifica Cio

    Il Governo Conte dimissionario al fotofinish restituisce al Coni la sua autonomia ed evita all'Italia di presentarsi alle prossime olimpiadi di Tokio senza tricolore e senza inno di Mameli. E allo stesso tempo mette al riparo i 925 milioni di dollari garantiti dal Comitato olimpico internazionale

    – di Marco Mobili

1-10 di 452 risultati