Aziende

Tirrenia

Fondata nel 1936 come flotta di imbarcazioni per il collegamento dei principali porti del Mediterraneo, Tirrenia è strutturata oggi come un gruppo che è costituito, oltre che dalla capogruppo Tirrenia di Navigazione, anche dalla Divisione Adriatica e dalla Siremar. Controllata dal Ministero dei Trasporti tramite Finmare del gruppo Iri, sino al 2002, data della segmentazione e privatizzazione dell’ente statale, successivamente la compagnia di navigazione è passata sotto il controllo della Fintecna (altra società a capitale statale), alla quale è stato dato il compito di traghettare la compagnia marittima alla totale privatizzazione. Operazione questa messa in discussione dai bilanci passivi degli ultimi anni e dal relativo indebitamento. Proprio nel 2010 la compagnia di navigazione che fa capo al gruppo Tirrenia è stata sottoposta a regime di amministrazione straordinaria ed è in attesa che il Governo metta in atto le procedure previste dalla legge Marzano, normativa che contiene le misure per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza. Le navi Tirrenia sono comunque organizzate per coprire le rotte per la Sardegna (da Civitavecchia, Napoli, Genova, Palermo e Trapani per Arbatax, Cagliari, Olbia e Porto Torres), per la Sicilia (da Napoli e Cagliari a Palermo), per le Isole Tremiti (da Termoli), per l’Albania (da Bari a Durazzo) e per la Tunisia (da Genova a Tunisi). Inoltre la compagnia controllata Siremar gestisce le rotte dai porti siciliani di Palermo, Milazzo e Trapani per le Isole Eolie (Vulcano, Panarea, Stromboli, Salina, Lipari, Ginostra, Rinella, Alicudi e Filicudi) per le Isole Egadi (per Marettimo, Levanzo e Favignana) e anche per Ustica, Pantelleria, Linosa e Lampedusa.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Trasporti e viabilità | Tirrenia | Compagnia di navigazione | Siremar | Tunisia | Sardegna | Sicilia | Finmare | Napoli | Genova | Mediterraneo | Albania | Fintecna |

Ultime notizie su Tirrenia

    Moby-Cin, il faro della Procura e la relazione Chiaruttini sulle operazioni tra parti correlate

    Cin-Tirrenia chiede il concordato in continuità al Tribunale di Milano. Ma i riflettori sono allo stesso tempo sulle mosse della Procura del capoluogo lombardo (il cui Pm Roberto Fontana ha congelato l'istanza di fallimento presentata un mese fa) che da oltre un anno tiene il dossier Moby-Cin sotto osservazione. Una parte rilevante della documentazione della proposta di concordato è sui rapporti con parti correlate, in particolare con la controllante Moby. Nella richiesta di concordato si legg...

    – Carlo Festa

    Cin non trova l'accordo con i commissari Tirrenia: il piano B è il concordato

    Cin, controllata di Moby, non trova l'accordo con i creditori, i commissari Tirrenia, e si passa al piano B: intenzione di Cin è quella di presentare una richiesta di concordato in continuità al Tribunale fallimentare di Milano. Ieri era stata fissata dal presidente del Tribunale, Alida Paluchowski, la scadenza per prendere una decisione su un possibile accordo di ristrutturazione dei debiti (in base all'articolo 182 bis della legge fallimentare) ma, secondo quanto anticipato dal servizio Reo...

    – Carlo Festa

    Salvataggio Moby al bivio, una crisi esclusivamente finanziaria

    Richiesta di concordato al Tribunale, acquisto della maggiore compagnia di traghetti di Stato Tirrenia con un debito di 180 milioni tuttora esistente, lite in corso con gli obbligazionisti che hanno sottoscritto il bond da 300 milioni, finanziamenti ai partiti, pagamenti alla Casaleggio Associati e al blog di Beppe Grillo, più altre spese per l'acquisto di case, affitto di auto di lusso e jet privati. A leggere le quasi 180 pagine della domanda di concordato per il gruppo Moby ci si perde in ...

    – Carlo Festa

    Tirrenia, lavoratori in sciopero il 3 maggio

    In vista della pronuncia del Tribunale di Milano sulla richiesta della procura di Milano sul fallimento della società prevista per il 6 maggio

    – di Davide Madeddu

1-10 di 370 risultati