Persone

Tina Anselmi

Tina Anselmi è stata una partigiana e politica italiana (prima donna nel Paese a ricoprire la carica di ministro nel 1976) nata a Treviso il 25 marzo 1927 e morta a Castelfranco Veneto il 31 ottobre 2016.

Figli di antifascisti nel 1944 mentre frequenta la scuola magistrale a Bassano del Grappa decide di partecipare attivamente alla Resistenza e con il nome di Gabriella e diventa staffetta partigiana. Nello stesso anno si iscrive alla Democrazia Cristiana e dopo la laurea in Lettere alla Cattolica di Milano inizia a fare attività politica e sindacale.

Ill 30 luglio del 1976 è stata nominata titolare del dicastero del lavoro e della previdenza sociale in un governo presieduto da Giulio Andreotti e poi ancora ministro della Sanità nel quarto e quinto governo Andreotti dove ha ricoperto un ruolo fondamentale per l'introduzione del Servizio Sanitario Nazionale. Dal 1982 al 1985 le fu affidato il compito di presidente della Commissione d'inchiesta sulla loggia massonica P2. Durante il suo lungo mandato parlamentare, iniziato nel 1968 e terminato nel 1992, si è occupata anche dei problemi della famiglia e della donna e si è distinta per essere tra i primi firmatari della proposta di legge sulle pari opportunità.

Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito (1998), è stata più volte candidata da politici e da iniziative popolari per la carica di presidente della Repubblica.

A lei è dedicato un francobollo commemorativo, emesso il 2 giugno del 2016, che riproduce il verbale di giuramento del 30 luglio 1976 quando venne nominata Ministro per il Lavoro e la Previdenza Sociale dall'allora Presidente della Repubblica Giovanni Leone.

Ultimo aggiornamento 02 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Tina Anselmi | Inps | Giulio Andreotti | Figli | Treviso | Loggia P2 | Giovanni Leone | DC |

Ultime notizie su Tina Anselmi

    Ada Gobetti e Tina Anselmi, lezioni di democrazia per i più piccoli

    E' importante ritrovare in libreria Storia del gallo Sebastiano, di Ada Gobetti (ma nel 1940 - visti i tempi - aveva dovuto pubblicarlo con lo pseudonimo Margutte) e La Gabriella in bicicletta. La mia Resistenza raccontata ai ragazzi, di Tina Anselmi. Quindi, prima di tutto, un senso di gratitudine

    – di Eliana Di Caro

    Le madri dell'Europa

    Non vengono subito alla mente, sovrastate dai Padri che indiscutibilmente ebbero un ruolo centrale nella costruzione dell'Europa. Un ruolo centrale ma non esclusivo, a dispetto della foto della firma dei Trattati di Roma, nel '57, dove campeggiano solo uomini. Il saggio di Pia Locatelli,

    – di Eliana Di Caro

    Una strada, un ponte e sei rotatorie per otto donne: la toponomastica a Mestre parla - finalmente - al femminile

    La Giunta comunale di Venezia ha approvato, su proposta dell'assessore alla Toponomastica Paola Mar, l'intitolazione a otto donne "che hanno segnato la storia della nostra Città e del nostro Paese, di altrettanti nuovi punti viabilistici di collegamento, siano esse strade o rotatorie, tra via Amerigo Vespucci e via Ugo Vallenari a Mestre, ad oggi ancora prive di denominazione". "Dopo l'intitolazione dei giorni scorsi a Chiara Silvia Lubich, fondatrice del 'Movimento dei Focolari', della rotator...

    – Barbara Ganz

    Più elette in parlamento e Regioni ma il governo è un affare di uomini

    Il bicchiere mezzo pieno racconta un'Italia in cui per la prima volta è donna un parlamentare su tre nonché la presidente del Senato, ovvero la seconda carica dello Stato. Il bicchiere mezzo vuoto dice il resto: su oltre 1.500 incarichi di ministro in 65 differenti governi, le donne ne hanno

    – di Manuela Perrone

    Compie 40 anni la legge Basaglia, che rese i matti «cittadini»

    E' il 16 novembre 1961 quando il giovane Basaglia entra nel manicomio di Gorizia. Vede non solo la violenza delle porte chiuse e delle contenzioni. Vede "da filosofo" una violenza più grande: gli uomini e le donne non ci sono più. Ci sono più di 600 internati, senza più volto senza più storia. Vede

    – di Peppe Dell'Acqua

    Giglia Tedesco, la politica e l'arte della mediazione

    Il volume che il Senato ha dedicato ai discorsi parlamentari di Giglia Tedesco Tatò è il secondo della Collana dell'Archivio Storico, su diciannove, riservato a una donna (l'altra è Adele Bei): una scelta tanto - troppo! - parca quanto illuminata. Lo è per la qualità della persona e per la portata

    – di Eliana Di Caro

    L'Italia delle commissioni d'inchiesta: a quota 86 dal 1948

    Quella sulle debolezze del nostro sistema bancario e creditizio all'esame di Montecitorio dopo aver ottenuto il via libera del Senato sarà la numero 86, dal '48 a oggi. Le commissioni parlamentari d'inchiesta messe una dietro l'altra raccontano la storia della Repubblica lungo un filo rosso che

    – di Marta Paris

    Subito il tributo per la quotidiana «e spesso faticosa azione in favore di una società più equa, più accogliente, più solidale e più integrata». Poi le stoccate: contro gli «ostacoli, incomprensioni e pregiudizi» che le donne devono ancora affrontare e contro la ancora troppo esigua partecipazione

    – di Manuela Perrone

    La Costituzione delle donne

    Quanti sono in grado di ricordare, se non tutti i ventuno nomi delle nostre Costituenti, almeno dieci di loro? La risposta è scontata, persino tra gli addetti ai lavori. Volendo poi spingersi oltre i nomi, e soffermarsi sulle azioni legislative, le battaglie e i dibattiti parlamentari che pure

    – di Eliana Di Caro

1-10 di 50 risultati