Persone

Tim Cook

Timothy Donald Cook (nato a Robertsdale in Alabama il 1° novembre del 1960) è dal 24 agosto 2011 ceo di Apple.

Prima di essere scelto da Steve Jobs come amministratore delegato, Cook ricopriva l'incarico di Chief Operating Officer. Dal 1998 si è occupato a Cupertino della riorganizzazione della supply chain: eliminazione delle fabbriche Mac in favore del solo assemblaggio e delocalizzazione In Cina della produzione. Sotto la sua guida il titolo di Apple ha più che raddopppiato il valore in Borsa, ma l'azienda, secondo gli analisti ha innovato poco: l'unico vero prodotto nuovo lanciato durante la sua gestione è stato l'iWatch. Tim Cook non è tra i manager più pagati al mondo (se si considera il fisso): lo stipendio è di circa due milioni di dollari all'anno più i bonus. Grazie ai bonus e ai risultati finanziari dopo i primi 5 anni ha ricevuto un pacchetto azionario di un valore di oltre 100 milioni di dollari.

Prima di entrare in Apple, Tim Cook ha lavorato in Compaq e ha trascorso 12 anni in IBM ricoprendo incarichi nel comparto della distribuzione di pc per Stati Uniti e America Latina.

Cook ha conseguito un M.B.A. alla Duke University e una laurea in ingegneria industriale alla Auburn University. Nel 2014 durante un'intervista pubblicata da Businessweek ha fatto coming out : "Sono fiero di essere gay, ingegnere, amante della natura, maniaco del fitness, figlio del sud, fanatico dello sport e zio". Attivo nella filantropia, ha dichiarato che donerà le sue fortune in beneficenza.

Ultimo aggiornamento 31 agosto 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Timothy Donald Cook | TIM | Isole Cook | Stati Uniti d'America | Compaq | IBM | Steve Jobs | Borsa Valori | Auburn University | Apple | Chief Operating Officer |

Ultime notizie su Tim Cook

    Smartphone, Huawei al secondo posto e sempre più vicina a Samsung

    I punti percentuali di distacco sono meno di quattro. Huawei continua ad avvicinarsi a Samsung. Ad ampie falcate in realtà, con un trend di vendita per gli smartphone che fa apparire sempre meno inscalfibile il primato del produttore coreano. A ogni modo il secondo posto di Huawei nel mercato

    – di Andrea Biondi

    Da Amazon ad Apple: chi sorveglia le nuove baby sitter elettroniche

    Partiamo dalle notizie, anzi dalle denunce. Amazon è stata accusata di registrare dati dei bambini senza il consenso dei genitori con il dispositivo Echo Dot Kids Edition, la versione per ragazzi del suo speaker. Siamo negli Stati Uniti, il paradosso è che Echo Dot Kids è stato annunciato un anno

    – di Luca Tremolada

    Patrick Soon-Shiong (Los Angeles Times): «Ecco le trappole dei social»

    Giornalismo di qualità, in grado di unire ricerca della verità e uso di nuove tecnologie. E tutto questo per «avvicinare i giovani alla lettura dei quotidiani. Dobbiamo andare alla radice del problema. Non possiamo permetterci di perdere questi presìdi di democrazia». Patrick Soon-Shiong,

    – di Andrea Biondi

    Vino, le preferenze Lgbt in Usa: top per Sassicaia, Ornellaia e Allegrini

    Interessante ricerca di Klaus Davi su vino e preferenze Lgbt in Usa, mercato top per il made in Italy,  di cui si riporta un ampio estratto. La comunità gay statunitense è notoriamente composta da numerose celebrità conosciute in tutto il mondo. Si va dalla famosa conduttrice Elle DeGeneres, nominata dalla rivista Out personaggio più influente del mondo LGBT, a Tim Cook, AD del colosso Apple, passando per Rachel Maddow, anchorwoman della televisione Msnbc e la senatrice americana dei Democr...

    – Vincenzo Chierchia

    Apple, utili e ricavi in calo. Ma aumentano i dividendi e il titolo va

    NEW YORK - Nel trimestre che si è concluso il 30 marzo gli utili di Apple sono diminuiti del 16%, a 11,56 miliardi di dollari. I ricavi sono scesi del 5%, a 58,02 miliardi. Le vendite di iPhone, che valgono il 54% del fatturato della società, hanno ceduto il 17% nei tre mesi, a circa 31 miliardi.

    – dial nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Facebook e le news, un rapporto difficile arrivato (forse) a una svolta

    La scena è piuttosto insolita, perché c'è Mark Zuckerberg che intervista Mathias Döpfner. Ovvero il ceo di Facebook che fa domande al ceo di Axel Springer, l'editore tedesco, il più grosso europeo. Sorprende perché Döpfner negli anni si è distinto per le posizioni pressanti nei confronti di Google

    – di Luca Salvioli

1-10 di 675 risultati