Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Theresa Mary May | Premier | Gran Bretagna | David Cameron | Partito Conservatore inglese | Università di Oxford | Margaret Thatcher | Remain | Benazir Bhutto |

Ultime notizie su Theresa May

    I salari britannici son tornati ai livelli del 2008

    Il polverone della Brexit, con le sue varie involuzioni e colpi di scena, ha offuscato tante realtà di fondo dell'economia britannica che hanno proseguito imperterrite il loro corso. Per cui forse a molti è apparsa come una sorpresa che i salari medi dei lavoratori tra i 16 e i 65 anni di età hanno finalmente raggiunto lo scorso mese il livello, ossia lo stesso potere d'acquisto, del 2008, prima della terribile deflagrazione della bolla finanziaria. Insomma, la notizia sta nel ricordare che fino...

    – Marco Niada

    E ora si fa largo Boris il peronista

    Diceva Deng Xiaoping : < non è importante che un gatto sia bianco o nero, basta che acchiappi i topi >. Il piccolo (di taglia) grande leader cinese succeduto al patriarca Mao Tsedong, con questo detto simbolizzava una nuova era per la Cina, seguita a un ventennio di ubriacatura ideologica voluta da Grande Timoniere. Basta con le ideologie e le dispute attorno al loro grado di purezza, su cui si costruivano lotte di potere e si mandavano nei lager a rieducare milioni di persone. Tempo di badare a...

    – Marco Niada

    Brexit, lo strano caso dei cittadini Ue residenti in Gb (ma solo online)

    L'«hostile environment» verso gli immigrati illegali, introdotto da Theresa May quando era ministro dell'Interno, resta in vigore nonostante gli abusi. ... L'attuale ministro, Priti Patel, entusiastica sostenitrice di una hard Brexit, è se possibile ancora più determinata della May a «tutelare i confini» nazionali e a mantenere uno stretto controllo sull'immigrazione.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Boris Johnson parte dalle nazionalizzazioni

    Le tratte ferroviarie del Nord dell'Inghilterra, che movimentano annualmente 101 milioni di passeggeri tramite 2500 servizi giornalieri, verranno nazionalizzate. La società concessionaria Arriva, parte del colosso tedesco Deutsche Bahn, dovrà passare la mano in marzo. Lo ha annunciato il ministro dei Trasporti, Grant Shapps. La situazione era diventata operativamente ed economicamente insostenibile. E' inoltre questione di mesi e anche la tratta del South West, che collega Londra con Brighton, S...

    – Marco Niada

    Enit anno 100, la difficile rincorsa dell'Agenzia del turismo italiana

    L'autore di questo post è Luca Martucci, consulente ed esperto di marketing di destinazione (secondo di due articoli) - Nel suo secondo cinquantennio l'Enit, l'Agenzia nazionale del Turismo, è sopravissuta a se stessa. Nonostante i recenti miglioramenti, resta ancora molto da fare per coprire il gap con la concorrenza. La sede Enit in via Marghera a Roma ENIT, cambiando pelle di tanto in tanto, è passata indenne attraverso i numerosi governi, accusata di essere un carrozzone inefficiente, o di...

    – Econopoly

1-10 di 1248 risultati