Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Theresa Mary May | Premier | Gran Bretagna | David Cameron | Partito Conservatore inglese | Università di Oxford | Margaret Thatcher | Remain | Benazir Bhutto |

Ultime notizie su Theresa May

    Brexit, Conte telefona a May: «Rispetti cittadini e imprese»

    Il premier Conte in un colloquio telefonico con Theresa May ha confermato «l'esigenza che l'uscita del Regno Unito dall'Ue avvenga nei termini stabiliti dall'accordo di recesso e in maniera ordinata, nell'interesse dei tanti cittadini, tra cui molti italiani, e imprese coinvolti da Brexit».

    Cable: «Un secondo referendum su Brexit tornerà come extrema ratio»

    Ma è solo questione di tempo: se il no deal sarà escluso, come succederà, e se la proposta di Theresa May sarà di nuovo respinta, come è probabile, allora non ci saranno alternative: il Governo dovrà rivolgersi di nuovo all'elettorato. ... La May si è curata solo di gestire le divisioni interne al suo partito e ha dimostrato interesse zero per la politica economica. ... Esattamente il contrario di quello che sta facendo Theresa May.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Il sonnambulismo dell'Europa nell'era della grande incertezza

    Tanto i laburisti quanto i conservatori sono divisi al loro interno, ma i due leader, Jeremy Corbyn e Theresa May, sono così determinati a portare a compimento la Brexit da collaborare pur di riuscirvi. ... Ma la collusione tra Corbyn e May ha suscitato una certa opposizione all'interno dei rispettivi partiti che, nel caso dei laburisti, rasenta la ribellione. Il giorno dopo l'incontro tra Corbyn e May, quest'ultima ha annunciato un programma per aiutare i distretti laburisti...

    – di George Soros

    La Brexit e la beffa: perderà il lavoro chi l'ha votata

    L'autrice del post, Costanza de Toma, si occupa di cooperazione allo sviluppo, relazioni internazionali e Unione Europea. Milanese di nascita, ha vissuto gli ultimi 27 anni all'estero, tra il Regno Unito e il Belgio. Negli ultimi due anni ha coordinato e condotto la lobby verso l'Unione europea della campagna per la tutela dei diritti dei cittadini dell'Ue che vivono nel Regno Unito. Questo l'ha portata a seguire da vicino i negoziati sulla Brexit. Costanza ha deciso di tornare in Italia, a Tori...

    – Econopoly

    May sconfitta ancora ai Comuni Si avvicina Brexit senza accordo

    Sconfitta numero dieci per Theresa May in Parlamento. La mozione su Brexit presentata dal Governo è stata bocciata ieri con 303 voti contrari e 258 voti a favore, dimostrando ancora una volta che la premier britannica non ha il sostegno di Westminster e soprattutto del suo partito. A causare la

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, 250 aziende pensano al trasferimento in Olanda

    Il governo olandese ha riferito di essere in contatto con oltre 250 aziende riguardo al trasferimento delle loro operazioni dal Regno Unito all'Olanda prima dell'uscita di Londra dall'Ue. Lo scrive il Guardian. Il ministero olandese degli Affari economici ha detto di aver attirato nel Paese dalla

    Brexit, Juncker e May tornano a trattare per sbloccare lo stallo

    DAL NOSTRO CORRISPONDENTEBRUXELLES - Dopo che Westminster ha votato due volte contro l'accordo di divorzio negoziato tra Londra e Bruxelles negli ultimi due anni, la Commissione europea e il governo May hanno annunciato oggi di voler tornare al tavolo delle trattative. Sul tavolo non c'è l'intesa

    – di Beda Romano

1-10 di 1041 risultati