Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Theresa Mary May | Premier | Gran Bretagna | David Cameron | Partito Conservatore inglese | Università di Oxford | Margaret Thatcher | Remain | Benazir Bhutto |

Ultime notizie su Theresa May

    Brexit, al voto la legge che viola l'accordo con la Ue

    Il no del vecchio inquilino di Downing street si somma a quello di altri quattro ex primi ministri (i conservatori Theresa May e John May accanto ai laburisti Tony Blair e Gordon Brown) e di una fronda sempre più robusta fra le file dei Tory. ...premiership di Theresa May).

    – di Alb.Ma.

    L'anno di Boris vissuto molto pericolosamente

    Una situazione ben diversa rispetto a quella dell'attuale direttore Fraser Nelson, dato che nei suoi undici anni di reggenza i conservatori hanno vinto ben quattro tornate elettorali cambiando tre premier: David Cameron, Theresa May e, appunto, Johnson.

    – di Gabriele Carrer

    Brexit, ora la maggioranza dei cittadini inglesi non la vuole più

    Lo aveva capito Theresa May, che nel 2016 aveva promesso di non «governare solo per una minoranza di privilegiati» e lo ha capito Johnson, che nel 2019 ha vinto usando lo slogan "levelling up", impegnandosi a creare condizioni migliori per tutti.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, ora la maggioranza non la vuole più

    Lo aveva capito Theresa May, che nel 2016 aveva promesso di non «governare solo per una minoranza di privilegiati» e lo ha capito Johnson, che nel 2019 ha vinto usando lo slogan "levelling up", impegnandosi a creare condizioni migliori per tutti.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Dominic Raab, l'ultrà della Brexit catapultato a Downing Street

    Aveva suscitato l'ira dell'allora ministro dell'Interno Theresa May per avere descritto le femministe come«odiose bigotte» affermando che erano gli uomini a essere trattati ingiustamente. ... Nel luglio 2018 la premier May lo aveva scelto come responsabile di Brexit dopo le dimissioni di David Davis, ma era durato solo quattro mesi. In novembre aveva lasciato l'incarico per protestare contro l'accordo di recesso proposto dalla May, che secondo lui offriva troppe concessioni a Bruxelles.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Un Corona-budget da faraoni condito con Sunak

    Doveva essere un budget di spese mastodontiche per far fronte ai costi della Brexit e dare il senso di una nuova direzione del Paese. Lo è stato, almeno all'apparenza. E lo è stato più di quanto previsto alla vigilia, data l'emergenza del Coronavirus che sta montando con prepotenza negli ultimi giorni. Un'operazione Babbo-Natale, con investimenti a pioggia in tutte le direzioni per fare contenti tutti e allo stesso tempo rassicurare i ceti più deboli che il Governo proteggerà la popolazione cost...

    – Marco Niada

    Londra, la terza pista di Heathrow non s'ha da fare. E a Boris Johnson va bene così

    Il più grande aeroporto d'Europa con ogni probabilità non verrà ingrandito: il tribunale di Londra ha bloccato un piano di ampliamento presentato dal precedente governo di Theresa May. Una vicenda che spiega bene la lotta, ormai decennale, fra i fautori del "nimby" e chi è a favore delle grandi opere

    – di Simone Filippetti

1-10 di 1258 risultati