Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Theresa Mary May | Premier | Gran Bretagna | David Cameron | Partito Conservatore inglese | Università di Oxford | Margaret Thatcher | Remain | Benazir Bhutto |

Ultime notizie su Theresa May

    Von der Leyen, tutti gli scogli da superare per la nuova leader Ue

    Le cose sono andate un po' diversamente e, ora, Londra ha margine fino al 31 ottobre per incassare il via libera del Parlamento al «deal» siglato dall'allora premier Theresa May con i partner europei. ... Von der Leyen ha mostrato però un atteggiamento di apertura alle esigenze temporali (e politiche) dell'esecutivo londinese, tra l'altro nel vivo di un cambio della guardia che porterà all'elezione del successore di Theresa May come leader dei Tory e capo del...

    – di Alberto Magnani

    Linea dura di Johnson e Hunt, il rischio hard Brexit affossa la sterlina

    La polizza di assicurazione per impedire il ritorno a un confine tra le due Irlande è stata la parte più controversa e contestata dell'accordo di recesso negoziato dalla premier Theresa May con la Ue e la ragione principale per cui la proposta è stata bocciata per tre volte dal Parlamento di Westminster.

    – di Nicol Degli Innocenti

    La scomoda prepotenza dell'amico americano

    Un avvelenamento così acuto dei rapporti con i cugini dall'altra sponda dell'Atlantico non si vedeva forse dai tempi delle guerre tra Londra e le ex-colonie americane.  Trump non infatti è andato per il sottile: ha detto infatti che l'Ambasciatore britannico a Washington, Sir Kim Darroch "è un tipo molto stupido", per poi infliggere un colpo basso contro la stessa premier britannica Theresa May, dandole praticamente dell'incapace perché "della Brexit ha fatto un pasticcio". I colpi di clava di ...

    – Marco Niada

    Brexit, Corbyn: i laburisti voteranno Remain in caso di nuovo referendum

    In caso di un nuovo referendum sulla Brexit, il partito laburista si schiererà a favore della permanenza del Regno Unito nella Ue. Lo ha comunicato con una email ai membri del partito il segretario del labour Jeremy Corbyn, da tempo sotto pressione perché la principale forza di opposizione adotasse una linea chiara sul divorzio dalla Ue

    – di Alberto Magnani

    Johnson contro Hunt, sfida all'ultimo taglio di tasse fra aspiranti premier

    In teoria l'ex sindaco di Londra Boris Johnson e il ministro degli Esteri Jeremy Hunt dovrebbero essere agli antipodi, o quasi. Quando si parla di fisco, però, i due sfidanti gareggiano sullo stesso terreno: maxi-tagli alle imposte per «rilanciare l'economia». Anche se il risultato potrebbe essere, semmai, quello di gonfiare i conti pubblici

    – di Alberto Magnani

    Brexit, Boris Johnson contro Jeremy Hunt: chi vincerà?

    Stile, personalità e approccio sono diversi, ma il messaggio su Brexit è molto simile. I due candidati a diventare leader del partito conservatore e premier britannico nelle ultime ore hanno chiarito e definito la loro strategia per uscire dall'Unione europea.Boris Johnson, che resta il grande

    – di Nicol Degli Innocenti

    Boris-economy, perché le proposte di Johnson fanno sobbalzare Londra (e la Ue)

    L'ex sindaco di Londra è favorito nella corsa alla successione di Theresa May alla guida dei Conservatori e del paese. Ma i suoi primi annunci stanno creando qualche preoccupazione anche fra gli stessi compagni di partito: dall'apertura a una Brexit no-deal ai super-sconti fiscali per la popolazione più ricca, fino al sogno di una «banda ultralarga per tutti» con otto anni di anticipo rispetto alle stime

    – di Alberto Magnani

1-10 di 1181 risultati