Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Theresa Mary May | Premier | Gran Bretagna | David Cameron | Partito Conservatore inglese | Università di Oxford | Margaret Thatcher | Remain | Benazir Bhutto |

Ultime notizie su Theresa May

    Tratos, i super cavi dagli Appennini al Regno Unito (ma senza Borsa)

    La strada, costeggiata da eleganti pini marittimi, corre proprio sull'argine del Tevere, che qui è ancora un torrente impetuoso, stretto tra le montagne che lasciano solo una striscia di terra, e non ancora il biondo fiume cantato da Virgilio: lungo la Tiberina Bis, all'altezza di Pieve Santo

    – di Simone Filippetti

    Il tracollo del commercio con la UE

    Fenomeno transitorio o duraturo? C'è senz'altro da augurarsi che sia il primo caso perché, se il tracollo del commercio con l'Unione Europea registrato in gennaio si rivelasse il "new normal", per l'economia britannica sarebbe un grosso guaio. In gennaio, primo mese post-Brexit, le esportazioni britanniche verso la UE sono infatti crollate del 40,7%, mentre l'import ha subito una flessione del 28,8%. É il peggiore calo mensile da un quarto di secolo, ossia dal 1997, da quando sono tenute statist...

    – Marco Niada

    Un budget per galleggiare o per navigare? Brexit permettendo...

    La pandemia inchioda i Governi sulla difensiva. Nessuno sa realmente quando finirà e insidiose varianti rimangono in agguato. Programmare la politica economica in queste condizioni si rivela un esercizio assai arduo. Ogni pronostico rischia di essere smentito e gli impegni presi di essere traditi. Davanti a questa emergenza continua,  i governanti sono costretti a concentrare il massimo delle energie sul fronte sanitario, per minimizzare ricoveri e decessi, e sull'economia, per evitare effetti d...

    – Marco Niada

    Dieci anni al 10 Downing Street: il record del gatto Larry the cat

    "Resterò altri dieci anni": è la promessa fatta da Larry, il gatto "chief-mouser" assegnato al numero 10 di Downing Street, sul "suo" profilo Twitter. Per l'acchiappa-topi ufficiale del governo di Sua Maestà questa settimana ricorrono i primi dieci anni di servizio nella residenza del primo ministro britannico, una longevità che supera ormai quella della maggior parte dei premier della storia del Regno Unito. Incluso Winston Churchill, che al "number 10" non riuscì a restarci per un decennio int...

    – Guido Minciotti

    Un esito trionfale per Boris Johnson

    Con una maggioranza bulgara di 521 voti a favore a fronte di 73 contrari la Camera dei Comuni ha dato ieri la benedizione finale alla Brexit confezionata dal Governo Johnson. Keir Starmer, leader dei laburisti ha infatti deciso di chinare il capo al Primo ministro e votare a favore, sostenendo che è meglio l'accordo minimo raggiunto con Bruxelles rispetto all'alternativa di un no deal che avrebbe trascinato il Paese in una grave crisi economica, magnificata dalla pandemia in corso. Avessero vota...

    – Marco Niada

1-10 di 1272 risultati