Ultime notizie:

Theo van Gogh

    Pierre Bayle, maestro di tolleranza

    Amsterdam, 2 novembre 2004. Il regista e produttore televisivo Theo Van Gogh, un lontano parente del pittore Vincent, venne barbaramente ucciso da un estremista islamico come ritorsione contro alcune immagini mostrate nel suo documentario sulle donne e l'Islam intitolato Submission. Si trattò di

    – di Massimo Bucciantini

    «Wilders? Pare Mozart, ma non è il Trump d'Olanda e non durerà»

    Geert Wilders assomiglia a Mozart ma fa scappare la gente se parla più di cinque minuti, sembra forte ma non lo è, sembra Trump ma dice cose diverse. L'Olanda oggi non rischia di fare la fine dell'Ungheria, la vecchia Europa non è l'America. E' spesso ozioso interpellare uno scrittore per saper di

    – di Angela Manganaro

    Martin Bosma, l'ideologo della crociata anti-Islam di Wilders

    L'edizione europea di Politico l'ha definito «la mente» di Geert Wilders. Un'etichetta che lui respinge, in linea con la strategia (finora vincente) del Partito per la libertà olandese: quella cioè di dare visibilità esclusivamente al leader, che è anche formalmente l'unico iscritto al Pvv. Lui è

    – di Michele Pignatelli

    Il Partito del Lavoro è ormai fuori dai giochi

    Sarà il primo test politico di rilievo nell'ambito dell'Unione europea quello delle elezioni parlamentari che si terrà nei Paesi Bassi il prossimo 15 marzo. Un'importanza che si deve al fatto che l'Olanda è stata una delle sei nazioni che sessant'anni fa, nel 1957, tennero a battesimo la Comunità

    – di Valerio Castronovo

    La donna che scoprì van Gogh

    Verso la fine delle compassate memorie che Elisabeth van Gogh dedicò all'inizio del Novecento all'ormai celebre fratello si leggono queste parole: «La sua scoperta è opera di una donna che ha fatto conoscere il lavoro di Vincent mossa dal suo amore per l'arte, dal suo spirito commerciale e dalla

    – di Elisabetta Rasy

    Gli scrittori, le vignette e noi

    Nel 2005, in alcuni Paesi, la stampa prese la decisione più coraggiosa e corretta ripubblicando le vignette danesi sul profeta Maometto e, nel gennaio di quest'anno, ha preso la stessa decisione ripubblicando la vignetta su Maometto pubblicata da Charlie Hebdo dopo il massacro. Sono state decisioni

    – Paul Berman

    Libertà senza se e senza ma

    Poco prima delle sette di sera, domenica 3 maggio, una macchina è stata fermata da un'auto della polizia all'esterno del Curtis Culwell Center di Garland, in Texas. I due uomini all'interno del veicolo sono scesi e hanno cominciato a sparare. Hanno colpito una guardia giurata, un agente di

    – Ayaan Hirsi Ali

    ERESIA LIBERAL

    Sembra proprio questo il destino di Ayaan Hirsi Ali: è sufficiente che muova un dito per scatenare le reazioni impaurite e rabbiose di intere folle. Di recente ha fatto qualcosa di più di muovere un dito, ha pubblicato un libro intitolato Eretica. Cambiare l'Islam si può (Rizzoli) in cui sostiene

    – Paul Berman

    Chi ha in mente il vecchio allestimento del Museo van Gogh di Amsterdam forse ricorderà che i quadri di Vincent erano appesi a pareti bianche, ed erano disposti in una rigida sequenza cronologico-geografica, seguendo i vari luoghi di residenza del pittore (Nuenen, Parigi, Arles, St. Remy,

    Il Museo van Gogh rinnovato

    Il percorso è stato ridisegnato: non più sequenza cronologica ma grandi temi legati all'ambiente, all'arte e alla vita di Vincent Tablet, touch screen, pannelli, audiovisivi e pareti colorate accompagnano i visitatori. E spiegano anche le curiosità, come il taglio dell'orecchio

    – Marco Carminati

1-10 di 30 risultati