Aziende

The New York Times

Nel 1851, anno nel quale è stato pubblicato per la prima volta il The New York Times, ovvero quello che è considerato da sempre come il quotidiano statunitense più autorevole e importante, è nata anche la The New York Times Company, società editoriale che ne cura ancora oggi la pubblicazione. Fondata dal giornalista e politico conservatore Henry Jarvis Raymond insieme a George Jones, attualmente è presieduta da Arthur Ochs Sulzberger Jr, ultimo membro della famiglia di imprenditori americani che è diventata proprietaria del popolare quotidiano americano dal 1896. Da alcuni anni la The New York Times Company ha acquisito la proprietà di altre due importanti testate dell’editoria statunitense: sono il The Boston Globe, rilevato nel 1993 e considerato il principale quotidiano della metropoli dell’America orientale, e l’International Herald Tribune, pubblicato dalla società newyorkese dal 2003 e distribuito in oltre 180 paesi nel mondo. A partire dal 2007 la sede The New York Times Company è stata trasferita dallo storico edificio sulla 43esima Strada al nuovo grattacielo di 52 piani sull’Ottava Avenue: è stato disegnato da Renzo Piano e la società editoriale stessa ne possiede la proprietà per circa il 58%.

Attualmente il The New York Times è il terzo quotidiano americano per copie distribuite, dopo gli altrettanto storici Usa Today e Wall Street Journal, mentre il suo sito internet è aggiornato in tempo reale ed è dei più cliccati degli Stati Uniti, tanto che nel 2009, per la prima volta, il numero dei visitatori unici del portale web ha superato quello degli abbonati all’edizione cartacea. Sull’onda della crisi economica che ha colpito anche il prestigioso quotidiano americano, il 5 gennaio 2009, il The New York Times ha per la prima volta venduto uno spazio pubblicitario sulla sua prima pagina, da sempre considerata lo spazio informativo più importante del giornale.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Quotidiano | Renzo Piano | Henry Jarvis | George Jones | Arthur Ochs Sulzberger Jr | New York Times Company |

Ultime notizie su The New York Times

    Perché abbiamo bisogno dei ribelli (anche) per combattere il Covid-19

    Non ci fanno sentire a nostro agio, li etichettiamo come rompiscatole, tendiamo ad evitarli per non sentire quella spiacevole sensazione di "conflitto" che spesso rischia di minare la nostra autostima: eppure abbiamo terribilmente bisogno di loro, del loro punto di vista "alternativo", del loro dito ostinatamente puntato verso la luna. Abbiamo bisogno di loro anche quando ci ricordano che, nonostante i pomposi vestiti del nostro ego, siamo in realtà vergognosamente nudi, proprio come l'imperator...

    – Emiliano Pecis

    Carta e digitale: chi ha vinto quest'anno il premio Malofiej?

    Il premio Malofiej per chi lavora nella sfera del giornalismo visuale è considerato come un Pulizer. In particolare il riconoscimento   Nei giorni scorsi sono stati annunciati i vincitori dell'ultima edizione: il New York Times nella categoria carta stampata "Best of Show" e il Nationa Geographic come "Best of Show" nel digitale Come si vede qui sotto il New York Times ha mostrato in una pagina il percorso di studio e di carriera dei membri del Congresso e quindi della classe politica americana...

    – Infodata

    Infografiche e dataviz: chi ha vinto quest'anno il premio Malofiej?

    Il premio Malofiej per chi lavora nella sfera del giornalismo visuale è considerato come un Pulizer. In particolare il riconoscimento   Nei giorni scorsi sono stati annunciati i vincitori dell'ultima edizione: il New York Times nella categoria carta stampata "Best of Show" e il Nationa Geographic come "Best of Show" nel digitale Come si vede qui sotto il New York Times ha mostrato in una pagina il percorso di studio e di carriera dei membri del Congresso e quindi della classe politica americana...

    – Infodata

    Comunicare i dati vs illustrare i numeri. Pensiero critico della società data-driven (2)

    A volte è difficile sapere quali statistiche sono affidabili. Occorre stare attenti ed evitare di limitarci a rappresentarli belli e infiocchettati senza spirito critico. Dobbiamo invece imparare a guardare come vengono raccolti, da chi e perché. Guardare dietro ai numeri. In questo speech di un Ted del 2017 a New York Mona Chalabi, data journalist super-premiata e riconosciuta condivide consigli utili per aiutare a interrogare, interpretare e capire veramente cosa dicono i dati. L'inter...

    – Infodata

    Comunicare i dati vs illustrare i numeri. Pensiero critico della società data-driven (2)

    A volte è difficile sapere quali statistiche sono affidabili. Occorre stare attenti ed evitare di limitarci a rappresentarli belli e infiocchettati senza spirito critico. Dobbiamo invece imparare a guardare come vengono raccolti, da chi e perché. Guardare dietro ai numeri. In questo speech di un Ted del 2017 a New York Mona Chalabi, data journalist super-premiata e riconosciuta condivide consigli utili per aiutare a interrogare, interpretare e capire veramente cosa dicono i dati. L'inter...

    – Infodata

    Scatti animali: le foto di "Ambiente" premiate al World Press Photo

    Al 63esimo World Press Photo appena concluso sono state premiate diverse immagini che avevano animali per protagonisti. Tra le varie categorie del "contest" fotografico 2020, organizzato dall'omonima fondazione olandese dal 1955, oltre a spot news, persone, storie, sport, natura, nella sezione "Ambiente/singole" il gradino più alto del podio è andato a una fotografa ungherese che lavora per il New York Times, Esther Horvath. POSTO IN PRIMA FILA PER GLI ORSI POLARI A ottobre 2019 ha scattato ...

    – Guido Minciotti

1-10 di 192 risultati