Ultime notizie:

Terrorista

    Sotto il vulcano (israeliani e palestinesi)

    "Cosa vogliamo fare a Gaza?", si chiedeva il mese scorso Yair Lapid, il ministro degli Esteri, leader centrista e futuro premier fra un paio d'anni: se esisterà ancora lo strano governo di destra, centro-destra, centro, centro-sinistra e sinistra, palestinesi d'Israele compresi. Dovrebbe essere normale che un leader politico israeliano cerchi una soluzione a un problema così evidente come l'instabilità nella striscia. Normale anche che la questione si allarghi a tutti i palestinesi: a cosa fare ...

    – Ugo Tramballi

    Chernobyl Herbarium

    La vita dopo il disastro nucleare, questo il sottotitolo del libro di Micheal Marder (Immagini di Anaïs Tondeur, 16,00 euro, trad.it.Donatella Caristina) edito dall'editore Mimesis nella collana Sguardi e visioni. Ci vuole coraggio a guardare in faccia il disastro nucleare che il 26 aprile 1986 in un orario che definire simbolico è poco - era l'1:23:45 e sì Dio gioca a dadi - fece esplodere il Reattore 4 della centrale nucleare di ?ernobyl',Ucraina, allora ancora facente parte della Repubblica ...

    – Mauro Garofalo

    Il caso Palombelli: le vittime, i carnefici e le regole del buon giornalismo

    L'indignazione è stata immediata. Persino bipartisan. Le parole di Barbara Palombelli sui femminicidi hanno colpito subito anche chi è attento alla libertà di espressione e alla libertà del giornalismo. Qualcosa di sbagliato - emergeva con grande evidenza - c'era in quelle parole, qualcosa che occorreva mettere in chiaro, che doveva essere esplicitata e resa razionale, uscendo dall'ambito delle mere emozioni. "Parliamo - ha detto la giornalista - della rabbia tra marito e moglie. Come sapete ne...

    – Riccardo Sorrentino

    Il ricordo dell'ambasciatore Vento: «L'11 settembre per gli Usa cambiò un paradigma: niente più Foreign Policy ma National Security»

    Il racconto del diplomatico che venti anni fa si apprestava ad entrare negli uffici della missione italiana davanti al Millenium Plaza e alla sede delle Nazioni Unite: «Eravamo lì, a due passi. E la storia ci stava passando accanto. Gli Stati Uniti venivano colpiti al cuore, nel massimo simbolo della potenza politica ed economica dell'Occidente. L'America perdeva la sua innocenza. Da lì in poi tutto sarebbe stato diverso, per gli Stati Uniti e per il mondo intero»

    – di Gerardo Pelosi

    11/09, vent'anni dopo i nomi di tutte le vittime in un'infografica

    La più piccola di tutti aveva appena 2 anni, si chiamava Christine Hanson ed era a bordo del volo United Airlines 175, il Boeing 767 che si schiantò sulla seconda torre. E' lei la più giovane delle oltre 3mila vittime degli attentati dell'11 settembre 2001. Vittime che, in occasione del ventesimo anniversario, InfoData ha deciso di ricordare con l'infografica che apre questo pezzo. Ogni punto rappresenta una vittima, cliccandoci sopra un pop-up riporta il nome e l'età. Le persone decedute a se...

    – Infodata

1-10 di 1895 risultati