Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Tenaris | Produzione | Mannesmann | Italia | Wall Street | Argentina | Techint | Agostino Rocca | Borsa Valori |

Ultime notizie su Tenaris

    Lunedì «mezzo» Ftse Mib staccherà la cedola, Intesa Sp la big più generosa

    L'elenco delle 21 società che distribuiranno lunedì è composta da A2a, Amplifon, Atlania, Azimut, Banca Generali, Bper, Buzzi Unicem (che remunererà anche le risparmio), Diasorin, Eni, Fca, Generali, Intesa Sanpaolo, Italgas, Leonardo, Moncler, Pirelli, Ferragamo, Tenaris, Ubi, Unipol e Unipolsai.

    – di Stefania Arcudi e Andrea Fontana

    Settimana positiva per Piazza Affari nonostante caro-spread, corre la Juve

    La settimana delle Borse europee si è chiusa su toni positivi, nonostante alcune battute d'arresto, con ampia parte dei settori in rialzo, in particolare quello della chimica (+2,67%), dell'oil & gas (+3,74%) e della tecnologia (+3,14%). Più debole il comparto auto (-1,18%), penalizzato

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Per i tubi della Dalmine l'outlook è più cauto delle attese

    Tenaris sotto pressione a Piazza Affari dopo la pubblicazione dei conti trimestrali e di un outlook giudicato più cauto del previsto. La società ha annunciato ieri in tarda serata di aver chiuso i primi tre mesi dell'esercizio con un utile netto di 243 milioni di dollari, in crescita del 3%

    – di Paolo Paronetto

    Il lavoro americano non scalda Borse, Piazza Affari +0,2% con super Fca

    Il dato sul lavoro americano, con il tasso di disoccupazione sceso al minimo dal 1969 e la creazione di più posti del previsto, ha dato sostegno, ma non ha scaldato troppo le Borse europee, che hanno ridotto i guadagni nel finale. Gli investitori si sono mostrati cauti e sono tornati a concentrarsi

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Fed e petrolio pesano sui listini Ue, Milano chiude a -0,78%, male Saipem

    Dopo la sosta per il primo maggio, i listini europei hanno ripreso le attività per la prima giornata di contrattazione del mese scontando la delusione per le parole del presidente della Fed Jerome Powell, che è sembrato escludere un possibile taglio dei tassi (invocato a gran voce da Donald Trump)

    – di A. Fontana e C.Poggi

    Effetto S&P su banche sostiene Piazza Affari, Madrid cauta dopo voto

    Piazza Affari (+0,23%), debole nella prima parte della giornata, ha trovato lo spunto per chiudere in positivo grazie alle banche (+3,6% Banco Bpm, +3,48% Ubi Banca, +2,4% Unicredit, +2,06% Intesa Sanpaolo) e allo spread in calo a 258 punti dai 260 di venerdì, dopo che S&P ha confermato il rating

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Il Pil Usa non scalda i listini. Petroliferi giù con calo del greggio

    Chiusura abbastanza stabile per le Borse europee, nonostante un'ottima lettura preliminare del Pil Usa del primo trimestre del 2019. Tra gennaio e marzo c'è stata un'espansione del 3,2% contro attese per un +2,5%. Tuttavia nel rapporto diffuso dal Dipartimento americano del Commercio è inclusa

    – di Eleonora Micheli

    Seduta festiva per Milano, riscatto Juve (+8,2%) ma spread si scalda a 270

    Seduta interlocutoria per molte Borse europee, che chiudono sotto la parità con l'eccezione di Madrid (segui qui i principali indici). Non aiuta il trend contrastato di Wall Street, dove il Nasdaq viaggia su nuovi record e il Dj è in forte flessione, mentre resta a tinte grigie il quadro della Bce

    – di Eleonora Micheli ed Enrico Miele

    Piazza Affari paga le tensioni politiche e chiude a -0,8, si salva St

    Chiusura debole per le Borse europee (segui qui l'andamento dei listini) fatta eccezione di Francoforte, in rialzo a dispetto del deludente indice Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche. Madrid e Milano sono state le piazze peggiori. Il FTSE MIB ha lasciato sul parterre lo 0,79%, risentendo delle

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 790 risultati