Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Tenaris | Produzione | Mannesmann | Italia | Wall Street | Argentina | Techint | Agostino Rocca | Borsa Valori |

Ultime notizie su Tenaris

    Europa consolida i massimi. A Piazza Affari sprint di Diasorin

    Le Borse europee hanno chiuso le contrattazioni poco mosse dopo i massimi dei giorni scorsi. Segno più per Milano, Parigi e Francoforte, piatta Londra e debole Madrid. L'indice Eurostoxx 600 è da giorni sui massimi dal 2015 e vicinissimo al record storico. Trimestrali migliori delle previsioni e attesa per la firma dell'accordo Usa-Cina sul commercio sostengono i listini. In Germania sorpresa dagli ordini all'industria di settembre, migliori delle attese

    – di Flavia Carletti

    Europa chiude positiva su Wall Street record, a Milano Tenaris +8,5%

    Il mercato Usa festeggia i dati sul mercato del lavoro migliori delle attese. A beneficiarne anche l'Europa, che oggi saluta l'insediamento di Christine Lagarde alla presidenza della Bce. A Milano tonfo di Cattolica dopo il defenestramento dell'amministratore delegato, Alberto Minali.

    – di Flavia Carletti

    Tenaris giù, trimestre sotto le attese e cautela sul futuro

    Tenaris è in coda al listino milanese dopo la trimestrale, in una giornata negativa per tutti i titoli del comparto energetico. Per gli analisti di Equita il trimestre si è chiuso «leggermente sotto le attese» con un utile netto di 107 mln a fronte di un consensus che si aspettava 176 mln di euro.

    – di Chiara Di Cristofaro

    Milano chiude unica positiva in Europa grazie al traino galassia Agnelli

    Via all'integrazione alla pari tra i due gruppi. Fca annuncia maxi dividendo da 5,5 mld di euro per i soci. Una serie di trimestrali deludenti mette il freno agli indici europei. Sul fronte macro, ha deluso il Pmi manifatturiero cinese, i dati Usa deludenti frenano Wall Street. Euro sopra 1,11 dollari, petrolio in calo. Spread in lieve ribasso a 142 punti

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Dalla Fed alle trimestrali hi-tech: tutti i market mover della settimana

    Mercoledì 30 si chiuderà ufficialmente il direttivo Fed con la decisione sui tassi di interesse. Ma la prossima sarà una settimana chiave anche sul fronte delle trimestrali hi-tech e su quello dei dei dati macroeconomici con una serie di importanti rilevazioni

    – di Andrea Franceschi

    Sullo Star in dieci anni 100 euro diventano 476

    Nei dieci anni e nove mesi considerati, Amplifon si è aggiudicato la palma di titolo più performante: chi ci ha creduto ha visto moltiplicare dal 2008 il capitale di oltre 29 volte, con un rendimento medio annuo del 36,9%

    – di Antonella Olivieri

    Borse caute in attesa di sviluppi Usa-Cina. A Piazza Affari vola Gedi

    La società editoriale è balzata dopo l'offerta presentata dalla Romed di Carlo De Benedetti, rispedita però al mittente dall'azionista Cir. Vendite su Tenaris (-2,6%), a causa del calo dell'attività di trivellazione negli Usa, oltre che del greggio debole. Spiccano Juventus (+3,9%) e Amplifon (+2,5%). Petrolio debole, in lieve calo lo spread

    – di Eleonora Micheli e Paolo Paronetto

    Wall Street chiude in rialzo dell'1,1% sull'intesa Usa-Cina

    Nell'ottava acquisti in tutto il Vecchio Continente, Milano la migliore da inizio anno. Ottimismo sui listini azionari per l'avanzamento del negoziato Usa-Cina. Anche daBrexit si apre qualche spiraglio, con i mercati che sembrano credere in un accordo last minute, cosa che ha portato la valuta britannica al massimo in tre mesi. Petrolio in rally con tensioni in Iran

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

1-10 di 842 risultati