Ultime notizie

wolfgang tillmans

  • 12 luglio 2018
    Les Rencontres d’Arles, molto più di un festival di fotografia

    Arteconomy

    Les Rencontres d’Arles, molto più di un festival di fotografia

    Si è conclusa la settimana inaugurale di Les Rencontres d'Arles, il più importante festival europeo dedicato alla fotografia. Dal 2 al 7 luglio, la cittadina della Camargue è stata animata da proiezioni, performance, talk, portfolio review, inaugurazioni di mostre e un pubblico record di 18, 500

  • 19 giugno 2018
    Art Basel: dalla frenesia all’acquisto informato sulle opere

    Arteconomy

    Art Basel: dalla frenesia all’acquisto informato sulle opere

    C'erano forse meno collezionisti americani a questa edizione di Art Basel (14-17 giugno 2018) rispetto all'anno scorso, quando la fiera per l'arte moderna e contemporanea più importante al mondo si era trovata a coincidere con Documenta a Kassel, laBiennale di Venezia eSkulpturprojekte a Münster.

  • 23 maggio 2018
    ARCOLisboa 2018 attrae un collezionismo emergente

    Arteconomy

    ARCOLisboa 2018 attrae un collezionismo emergente

    ARCOLisboa 2018, la fiera d'arte contemporanea organizzata da IFEMA e Consiglio Comunale di Lisbona, ha chiuso la sua terza edizione con un successo di pubblico che ha superato gli 11.000 visitatori. La fiera, che si è svolta dal 16 al 20 maggio si è tenuta negli spazi della Cordalerìa Nacional, di

  • 23 aprile 2018
    Art Cologne convince gallerie e collezionisti

    Arteconomy

    Art Cologne convince gallerie e collezionisti

    Si è conclusa ieri a Colonia la 52ª edizione Art Cologne, la fiera d'arte moderna e contemporanea più antica d'Europa, per anni leader del settore, ma calata d'importanza negli anni novanta-duemila, quando Berlino è diventato il centro della scena artistica tedesca. Da dieci anni a questa parte,

  • 09 aprile 2018
    «Oggi si colleziona la storia non la moda»

    Arteconomy

    «Oggi si colleziona la storia non la moda»

    Art advisor dal 2008, Sacha Zerbib, francese, fondatore di CaAC & Co Art Advisory a Parigi, visita Miart dal 2013, che cosa l’ha spinta la prima volta? «Venni quando De Bellis divenne direttore, perché si iniziava a sentir parlare di Milano come un centro del mercato dell’arte, in grado di attrarre