Ultime notizie

vladimir zhirinovskij

  • 18 marzo 2018
    Il trionfo annunciato di Putin: chiude la partita al 76,6%

    Mondo

    Il trionfo annunciato di Putin: chiude la partita al 76,6%

    MOSCA - Nella notte il distacco è cresciuto ulteriormente, e al 99% dei voti scrutinati Vladimir Putin chiude la partita al 76,6% - il suo miglior risultato - lasciando all'11,8 l'inseguitore più vicino, il candidato comunista Pavel Grudinin. Ampiamente superata la soglia del 70% dei consensi che

  • 16 marzo 2018
    I sette candidati (senza speranza) che sfidano Putin

    Mondo

    I sette candidati (senza speranza) che sfidano Putin

    DAL NOSTRO INVIATOMOSCA - In sette contro uno, a fare da sfondo. Sicuri che a vincere sarà lui. Che cosa motiva i candidati che domenica sfideranno Vladimir Putin senza alcuna speranza di avvicinarlo nel punteggio finale? All'unico che avrebbe le carte per farlo, Aleksej Navalny, non è stato

  • 19 settembre 2016
    Putin trionfa grazie alla sindrome della «Russia assediata»

    Mondo

    Putin trionfa grazie alla sindrome della «Russia assediata»

    La protesta e le speranze di cinque anni fa trasformate in apatia, rassegnazione, astensionismo: «La classe media russa – è la conclusione amara di Dmitrij Gudkov, l'ultima voce che era rimasta all'opposizione nella vecchia Duma, anche lui sconfitto nel voto di domenica – ha avuto quello che

  • 18 settembre 2016
    Putin vince senza trionfare. Solo quattro partiti nella nuova Duma

    Mondo

    Putin vince senza trionfare. Solo quattro partiti nella nuova Duma

    MOSCA - Affluenza bassissima, intorno al 40%, con un record negativo a Mosca e San Pietroburgo. Soltanto quattro partiti – quelli della Duma uscente – “promossi” nel nuovo Parlamento russo. E soprattutto, il primo tra loro confermato in testa, ma senza trionfare: Russia Unita, il partito del

    La Russia alle urne senza illusioni

    Mondo

    La Russia alle urne senza illusioni

    MOSCA - Sono passati cinque anni dall’inverno delle proteste, oggi i russi tornano a votare per il rinnovo della Duma, il Parlamento. Dell’atmosfera di allora, a Mosca, non c’è più traccia: dove sono le decine di migliaia di manifestanti scesi in piazza a sfidare Putin?

  • 17 settembre 2016
    I partiti in Russia

    Mondo

    I partiti in Russia

    I partiti in Russia / La banda dei quattroRidefinizione delle leggi elettorali, pesanti restrizioni per limitare il più possibile la partecipazione dei partiti di opposizione. Le elezioni sono un'anomalia per un regime autoritario, ma lo legittimano: formalmente la Russia, Stato altamente

    Russia al voto: Putin punta sull’effetto Crimea

    Mondo

    Russia al voto: Putin punta sull’effetto Crimea

    MOSCA - Il biglietto da visita delle elezioni parlamentari di domani potrebbe essere il tesserino del metrò di Mosca che capita in mano in questi giorni. «Noi costruiamo il ponte – proclama l'immagine orgogliosa di un autista di Krasnodar -, è la mia strada verso casa!». Il ponte di Crimea,

  • 20 agosto 2016
    Il golpe dimenticato, i sondaggi e Putin

    Mondo

    Il golpe dimenticato, i sondaggi e Putin

    Solo all’ultimo minuto il Comune di Mosca ha autorizzato una marcia che dalla Casa Bianca russa - sede del governo - arriverà fino al monumento che ricorda il sacrificio di Dmitrij Komar, Ilja Kricevskij e Vladimir Usov, le vittime del golpe che 25 anni fa avrebbe voluto riportare indietro nel

  • 05 marzo 2015
    Ombre sul caso Nemtsov / 6. I nemici di una vita

    Mondo

    Ombre sul caso Nemtsov / 6. I nemici di una vita

    Certo a Nemtsov non dovevano mancare i nemici, collezionati nel corso di una vita “all'attacco”: gli anni di Nizhnij Novgorod, la città in cui il giovane e intraprendente governatore diede il via alle privatizzazioni delle aziende locali; poi gli anni di Mosca, Nemtsov pupillo di Boris Eltsin

  • 09 ottobre 2014
    Mosca, primo sì alla legge di confisca di beni stranieri

    Notizie

    Mosca, primo sì alla legge di confisca di beni stranieri

    UN'IDEA CONTROVERSA - L'iniziativa vuole proteggere gli oligarchi a cui uno Stato straniero abbia sequestrato le attività, come accaduto in Italia a Rotenberg