Ultime notizie

Vernon Smith

  • 19 settembre 2021
    Informazione, motivazione e la strana “Ipotesi di Hayek”

    Commenti

    Informazione, motivazione e la strana “Ipotesi di Hayek”

    I problemi veri nascono quando una delle due parti ha delle informazioni private che l’altra parte non possiede. È in casi simili che le cose si complicano, che si genera inefficienza, che i mercati falliscono e che l’economia dell’informazione è chiamata a dare il suo contributo

  • 05 maggio 2021
    Gli investimenti e la disciplina della maratona

    Commenti

    Gli investimenti e la disciplina della maratona

    La finanza comportamentale è una disciplina, per quanto recente, ormai di solida tradizione. E se è trascorso quasi un ventennio dall’attribuzione del primo Nobel a uno psicologo (nel 2002 allo psicologo Daniel Kahneman, insieme all’economista Vernon Smith) la disciplina ancora giovane si è dovuta

  • 30 giugno 2020
    Sottoccupati e malpagati, la crisi dei “buoni lavori” in Europa e Usa

    24Plus

    24+ Sottoccupati e malpagati, la crisi dei “buoni lavori” in Europa e Usa

    I “buoni lavori” sono cruciali perché l’economia prosperi, la classe media cresca, il settore imprenditoriale si espanda e, più importante, per lo sviluppo umano. Ma è lecito chiedersi se adesso sia ancora così

  • 08 novembre 2017
    Perché sono un economista con il prefisso «neuro»

    Notizie

    Perché sono un economista con il prefisso «neuro»

    Come cambia l’insegnamento dell’economia? Quali sono i nuovi saperi che devono integrare gli insegnamenti classici nelle università di economia, come si stanno attrezzando le Università. Cosa resta valido e cosa si può eliminare del vecchio approccio?

  • 30 giugno 2013
    Io, ottimista alla Adam Smith

    Cultura

    Io, ottimista alla Adam Smith

    La crisi dei mercati finanziari non deve distogliere l'attenzione dal fatto che, nonostante i problemi aperti, mai l'umanità ha raggiunto il livello attuale di benessere - Non confondiamo le bolle speculative con i veri effetti rivoluzionari degli scambi: idee, progetti, innovazione circolano più liberamente che mai